Ugo Ramella @RamellaUgo – 17.06 – 15 agosto 2022 — ciao, grazie !

Pavimento mosaico cattedrale di Malta a La Valletta

 

Immagine

Il pavimento è formato da circa 400 lapidi di tombe dei Cavalieri di Malta affiancate le une alle altre. Sono decorate con intarsi di marmi policromi provenienti da zone diverse. Ciascuna raffigura cose diverse. Alcune ripropongono episodi della vita del defunto mentre altre epitaffi oppure raffigurazioni allegoriche tutte da interpretare.

L’origine della maestosa chiesa è proprio la necessità dei Cavalieri di Malta o di San Giovanni di edificare un luogo sacro per seppellire gli eroi dell’Ordine che si erano battuti contro l’espansione dei Turchi nel mondo cristiano.

La realizzazione del grande progetto architettonico della Concattedrale fu affidata all’architetto Girolamo Cassaro. Iniziò a lavorarci il 22 novembre del 1573 e in solo quattro anni la portò a termine. La chiesa in origine aveva un impianto rinascimentale che poi andò perdendo poco a poco nei secoli a seguire con importanti interventi e arricchimenti tipicamente barocchi.

Era il 20 febbraio del 1578 quando con tutta la pompa magna del caso, la chiesa fu consacrata dall’arcivescovo di Monreale Ludovico de Torres. Ancora però non era la chiesa che vedete oggi. Nei due secoli a seguire la Concattedrale di San Giovanni fu arricchita con opere grandiose divenendo così uno degli edifici barocchi più belli e sontuosi in assoluto. Determinante fu il contributo del siciliano Mattia Preti che lavorò ben cinquant’anni alle decorazioni dell’edificio.

da : https://michelangelobuonarrotietornato.com/2020/11/21/il-pavimento-della-concattedrale-di-malta/

 

 

 

San Giovanni Battista patrono dei Cavalieri Ospitalieri. Ordine formato da nobili provenienti dalle più importanti casate europee impegnati a proteggere la fede cattolica e l’Europa dagli attacchi dei Turchi Ottomani. I membri dell’Ordine si distinguono in Cavalieri, Cappellani e Serventi d’armi sotto l’autorità di un Principe Gran Maestro.

La costruzione dell’edificio s’inserisce nel grande contesto di fortificazioni voluto da Carlo V  a difesa delle roccaforti del regno, nella fattispecie, in seguito all’abbandono del quartier generale dell’isola di Rodi da parte dei Cavalieri Ospitalieri, conseguenza dei ripetuti attacchi da parte delle armate turco-ottomane.

Dopo un breve pellegrinare l’imperatore del Sacro Romano Impero concesse all’Ordine il feudo siciliano dell’arcipelago maltese a fronte della contropartita simbolica annuale costituita da un falco ammaestrato e del potenziamento delle strutture difensive del baluardo posto strategicamente nel canale di Sicilia (21 giugno 1530).

segue :
https://it.wikipedia.org/wiki/Concattedrale_di_San_Giovanni

 

Malta, Europe travel guideLa splendida Malta
foto : Culture Trip

 

 

KAUSHIK PATOWARY, Lo splendido pavimento coperto di pietre tombali della Concattedrale di San Giovanni di Malta

logo

 

18 MAGGIO 2016 

 

NEL LINK TROVATE UN BUON TESTO, OLTRE ALLE IMMAGINI DA NOI PUBBLICATE

https://www.amusingplanet.com/2016/05/the-tombstone-covered-floor-of-st-johns.html

 

 

 

Il pavimento coperto di pietre tombali della Concattedrale di San Giovanni di Malta

 

KAUSHIK PATOWARY

 

 

st-johns-co-cattedrale-malta-11

 

 

 

Credito fotograficowww.maltacultureguide.com

 

st-johns-co-cattedrale-malta-12

 

 

 

 

st-johns-co-cattedrale-malta-5

Credito fotografico: Leon Yaakov/Flickr

 

St John's Co-Cathedral, Valletta 001.jpg

Matthew Axiak – Opera propria

nel link foto belle, non del pavimento, ma dei due quadri di Caravaggio

https://it.wikipedia.org/wiki/Concattedrale_di_San_Giovanni#/media/File:St_John’s_Co-Cathedral,_Valletta_001.jpg

 

 

 

 

 

st-johns-co-cattedrale-malta-7

Credito fotografico: padre Lawrence Lew, OP/Flickr

 

 

 

st-johns-co-cattedrale-malta-6

Credito fotografico: padre Lawrence Lew, OP/Flickr

 

 

 

st-johns-co-cattedrale-malta-1

Credito fotografico: Myriam Refractive/Wikimedia

 

 

st-johns-co-cattedrale-malta-8

Credito fotografico: Gwendolyn Stansbury/Flickr

 

 

 

st-johns-co-cattedrale-malta-2

 

 

 

 

st-johns-co-cattedrale-malta-3

Credito fotografico: Tony Hisgett/Wikimedia

 

 

Concattedrale di St. Johns, La Valletta

Credito fotografico: Jacqueline Poggi/Flickr

 

 

 

 

Concattedrale di St. Johns, La Valletta

Credito fotografico: Jacqueline Poggi/Flickr

 

 

 

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

1 risposta a Ugo Ramella @RamellaUgo – 17.06 – 15 agosto 2022 — ciao, grazie !

  1. DONATELLA scrive:

    E ‘una chiesa in technicolor!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.