1956 –jacques brel —QUAND ON N’A QUE L’AMOUR——–” Sans nulle autre richesse/ Que d’y croire toujours “

 

…Nel 1952, Brel cominciò a scrivere canzoni e a cantarle nei cabaret di Brussels. La famiglia e gli amici di Brel, non supportavano le sue esibizioni, considerandole troppo violente ed emotive. Non apprezzavano neanche i testi delle sue canzoni. Fu in questo periodo che Brel, cominciò ad esibirsi in una stazione radio locale.

Nei primi anni cinquanta si trasferì a Parigi, dove iniziò a scrivere musica e cantare nei cabaret e nelle sale concerti della città. Sul palco portava le sue canzoni accompagnate da grandi gestualità fisiche. Dopo che ebbe raggiunto il successo, anche sua moglie e le figlie si trasferirono dal Belgio nella capitale francese. Nel1956, mentre stava girando l’Europa, registrò la canzone Quand on n’a que l’amour che gli permise di ricevere il primo importante riconoscimento. (WIKI, jacques brel)

 

 

Quand On n'a Que l'AmourJacques Brel nel 1962

JACQUES BREL NEL 1962—

2

 

Jacques Brel
“QUAND ON N’A QUE L’AMOUR”
1956

Quand on n’a que l’amour
A s’offrir en partage
Au jour du grand voyage
Qu’est notre grand amour
Quand on n’a que l’amour
Mon amour toi et moi
Pour qu’éclatent de joie
Chaque heure et chaque jour
Quand on n’a que l’amour
Pour vivre nos promesses
Sans nulle autre richesse
Que d’y croire toujours
Quand on n’a que l’amour
Pour meubler de merveilles
Et couvrir de soleil
La laideur des faubourgs
Quand on n’a que l’amour
Pour unique raison
Pour unique chanson
Et unique secours

Quand on n’a que l’amour
Pour habiller matin
Pauvres et malandrins
De manteaux de velours
Quand on n’a que l’amour
A offrir en prière
Pour les maux de la terre
En simple troubadour
Quand on n’a que l’amour
A offrir à ceux-là
Dont l’unique combat
Est de chercher le jour
Quand on n’a que l’amour
Pour tracer un chemin
Et forcer le destin
A chaque carrefour
Quand on n’a que l’amour
Pour parler aux canons
Et rien qu’une chanson
Pour convaincre un tambour

Alors sans avoir rien
Que la force d’aimer
Nous aurons dans nos mains
Amis le monde entier.

NEL 1971—-Rob Mieremet, AnefoNationaal Archief

 

La traduzione italiana di Angela Bruno

QUANDO SI HA SOLTANTO L’AMORE

Quando si ha soltanto l’amore
Da dividere insieme
Nel giorno del grande viaggio
Che è il nostro grande amore
Quando si ha soltanto l’amore
Amore mio, io e te
Perché scoppino di gioia
Ogni ora ed ogni giorno
Quando si ha soltanto l’amore
Per vivere le nostre promesse
Senz’altra ricchezza
Che il crederci sempre
Quando si ha soltanto l’amore
Per arredare di meraviglie
E ricoprire di sole
La bruttezza della periferia
Quando si ha soltanto l’amore
Come unica ragione
Come unica canzone
E unico aiuto

Quando si ha soltanto l’amore
Per vestire al mattino
Poveri e malandrini
Con mantelli di velluto
Quando si ha soltanto l’amore
Da offrire in preghiera
Per i mali della terra
Come semplici trovatori
Quando si ha soltanto l’amore
Da offrire a coloro
Che hanno una sola battaglia
Ed è cercare la luce
Quando si ha soltanto l’amore
Per tracciare il cammino
E forzare il destino
Ad ogni crocevia
Quando si ha soltanto l’amore
Per parlare ai cannoni
E nient’altro che una canzone
Per convincere un tamburo
Allora senza avere nient’altro
Che la forza d’amare
Avremo nelle mani,
Amici, il mondo intero.

inviata da Manlio Casagrande

Jacques Romain Georges Brel (Schaerbeek, 8 aprile 1929Bobigny, 9 ottobre 1978) è stato un cantautorecompositore belga di lingua francese.

In assoluto uno dei più grandi ed influenti cantautori del novecento, è spesso considerato come un grandissimo poeta per l’espressività e la profondità dei suoi testi, nonché per l’ironia sottile e il gusto della metafora. Ricordato nelle nazioni francofone come attore e regista teatrale. Partecipò nel 1969 al film Mon oncle Benjamin nel ruolo principale. Scrisse, diresse ed apparve nel film Le Far West candidato nel 1973 per la Palma d’oro al Festival di Cannes.

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

1 risposta a 1956 –jacques brel —QUAND ON N’A QUE L’AMOUR——–” Sans nulle autre richesse/ Que d’y croire toujours “

  1. Roberto scrive:

    uno dei più grandi. un suo pezzo è inciso in ogni mio cd.
    ed io canto con lui (quando solo solo e lui non mi sente).
    M’ero costruito una leggenda romantica sulla sua morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.