Ugo Ramella @RamellaUgo – 20.21 — 2 dicembre 2022 — grazie !

 

Paul Cezanne. La stufa nello studio 1865

 

Immagine

olio su tela
41 x 30 cm

National Gallery, Londra

Il dipinto venne eseguito probabilmente nello studio parigino dell’artista  e rappresenterebbe quindi le condizioni di ristrettezza della sua vita nella capitale. Il suo primo proprietario fu Émile Zola, amico di gioventù dell’artista.

 

Paul Cézanne, Autoritratto (1883-1887); pittura a olio, 44×36 cm, Ny Carlsberg Glyptotek, Copenaghen

 

Cézanne in una fotografia scattata nel 1861
origine sconosciuta

 

 

Pubblicato in GENERALE | Lascia un commento

Partito Democratico @pdnetwork — ANSA.IT –2 DICEMBRE 2022 – 15.50 :: Domani la mobilitazione del Pd, pronta la contromanovra. Iniziative sui territori contro il provvedimento del governo + SABATO 17 DICEMBRE PIAZZA SANTI APOSTOLI ORE 15.00 ” Insieme per difendere la sanità pubblica e politiche sociali “

 

 

manifesto da  :  Partito Democratico @pdnetwork

 

ANSA.IT –2 DICEMBRE 2022 – 15.50
https://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2022/12/02/domani-la-mobilitazione-del-pd-pronta-la-contromanovra_a83a140a-1d08-4c76-a9fc-cb66b14ec26f.html

 

Domani la mobilitazione del Pd, pronta la contromanovra.

Iniziative sui territori contro il provvedimento del governo

 

 

(ANSA) – ROMA, 02 DIC – Si svolgerà domani, sabato 3 dicembre, la mobilitazione “per l’Italia” del Pd sui territori contro la manovra del Governo.

“Una legge di bilancio che oltre a essere iniqua, inefficace e inadeguata a combattere la crisi economica e l’inflazione è un inno all’evasione fiscale, sia sul tema del contante, sia sul tema del Pos”, spiega il segretario Enrico Letta- e sostanzialmente dice agli italiani che hanno sempre pagato le tasse, che sono la maggioranza, ‘l’agenda fiscale ce la facciamo dettare da coloro che evadono il fisco’.

  Noi vogliamo ribellarci e dare voce a chi rifiuta l’idea che chi evade le tasse conti di più rispetto a chi le tasse le paga”.

 Per questo il Partito democratico ha messo a punto una contromanovra le cui proposte saranno illustrate e condivise con tutti i cittadini durante la mobilitazione, ma che riguardano :   “salari, caro vita, inflazione, salario minimo…”. (ANSA).

Secondo Letta “la prima legge di bilancio” della maggioranza “dà l’idea dell’improvvisazione”.

La nostra difesa della costituzione sarà uno degli elementi fondamentali del nostro lavoro.

Questo è un Governo che isola l’Italia in Europa senza alcun vantaggio e facendo un danno profondo all’Europa stessa e il mio invito è quello di continuare la nostra battaglia perché quello di cui oggi c’è bisogno è un’Italia che giochi un ruolo positivo senza isolarsi. Anche sulle vicende finanziarie questo Governo si sta muovendo la logica dell’improvvisazione. Il rientro dei capitali dall’estero è solo una delle questioni che non danno una vera idea di quella che sia la bussola in quella che doveva essere la prima legge di bilancio”, ha detto Letta. ( Ansa, 19 novembre 2022 )

 

 

Partito Democratico @pdnetwork

9.44 –2 dicembre 2022

 

Facciamo sentire la nostra voce, dalle piazze al Parlamento.

Sabato 17 dicembre a Piazza Santi Apostoli a Roma, alle 15, unisciti a noi per ribadire che la #LeggediBilancio del governo #Meloni è iniqua e inadeguata.
Un inno all’evasione fiscale.

Ci vediamo in piazza!

 

 

 

Pubblicato in GENERALE | Lascia un commento

Maria Costanza Boldrini,  Parole semitiche :: SESAMO — UNA PAROLA AL GIORNO.IT + la lunghissima ma emozionante favola di Alì Baba e i quarantotto ladroni con il capo –edizione Livorno, Antonelli, 1852 + Illustrazioni

 

 

UNA PAROLA AL GIORNO.IT – 2 dicembre 2022
https://unaparolaalgiorno.it/significato/sesamo?rm=_

 

Sesamo

 Parole semitiche  con Maria Costanza Boldrini

sè-sa-mo

 

SIGNIFICATO Pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Pedaliaceae i cui semi sono commestibili

 

ETIMOLOGIA attraverso il latino sesamum, il greco sésamon e l’arabo simsim, da una radice semitica (forse accadica, forse babilonese o forse fenicia) che veicola il significato di grasso, oleoso.

 

  • «Apriti, sesamo!»

‘Apriti, sesamo!’ è una frase che si impara molto velocemente quando si è piccoli e assetati di storie fantastiche come quella di Alì Babà e i quaranta ladroni, che tradizionalmente viene  facente parte del ciclo de Le mille e una notte, sebbene sia stata aggiunta alla silloge dai traduttori occidentali nel corso del Settecento e Ottocento.

Le mille e una notte è una raccolta che contiene storie e leggende proprie di culture orientali disparate – Persia, Egitto, India, Mesopotamia, Arabia – raccontate dalla celeberrima Principessa Sheherazade al re Shahryar il quale, ferito dal  della prima moglie, ogni giorno prende in sposa una ragazza e la fa uccidere al termine della prima notte di nozze. La giovane, , utilizza la sete di storie e  del re a proprio vantaggio e ogni sera narra una leggenda diversa, rimandando alla sera successiva il finale di ciascuna, evitando così la morte.

La prima traduzione di questa raccolta la si deve al francese Antoine Galland, orientalista del XVIII secolo che volse in Sésame ouvre-toi! l’arabo iftaḥ yā simsim.

Non è chiaro il motivo che sta dietro questa parola magica. Come può l’umile sesamo, una piantina semplice dai semini profumati, alla base di golose ricette di pasticceria araba, aprire porte di  incantate? La risposta breve è ‘boh’. Quella lunga è costituita da una serie di ipotesi affascinanti che includono la  ebraica e l’utilizzo di olio di sesamo in rituali magici orientali.

Ora, relativamente all’etimologia della parola, non è possibile sbilanciarsi verso alcuna ipotesi, anche se l’idea dell’olio è evocativa, e non perché ci possa suggerire una lubrificazione dei  della porta segreta sul dorso della montagna. La radice  che si cela dietro simsim può avere a che fare con il concetto di ‘grasso’, di ‘unto’ (in arabo una delle parole per dire ‘grasso’ è sam).

Sappiamo che in Oriente, tra le altre cose, era uso ungere il capo dei re (da cui la nozione di Messia e Cristo) e il seme di sesamo è all’origine di un olio molto nutriente, sia dal punto di vista cosmetico che da quello alimentare. Forse era un unguento utilizzato davvero per compiere  e , e qui allora entra in gioco il potere creativo delle parole, rappresentato al meglio da un passo della Genesi in cui «Dio disse: “Sia la luce!”. E la luce fu.»

Anche senza aver con sé del sesamo magico, o dell’olio, nella storia di Alì Babà basta la parola per compiere il  e sbloccare il varco verso un  immenso pieno di tesori di ogni tipo. ‘Le parole non descrivono la realtà, la creano’. Alcune aprono pure le porte.

 

SEGUE DAL LINK :

https://it.wikisource.org/wiki/Le_Mille_ed_una_Notti/Storia_di_Al%C3%AC_Baba_e_di_quaranta_ladroni_sterminati_da_una_schiava

 

 

 

Alì Babà e i quaranta ladroni - Wikipedia

NOTTE CCCLXIII

STORIA

DI

ALÌ BABÀ E DI QUARANTA LADRONI STERMINATI DA UNA SCHIAVA.

 

 

La sultana Scheherazade, svegliata dalla vigilanza della sorella Dinarzade, raccontò al consorte la storia ch’egli aspettava.

— Possente sultano,» diss’ella, «in una città della Persia, sui confini degli stati di vostra maestà, vivevano due fratelli, uno de’ quali chiamato Cassini o l’altro Ali Baba. II padre aveva lasciato loro scarsi beni, ed essendoseli egualmente divisi, pare che eguali esser dovessero le loro fortune; ma il caso dispose altrimenti.

«Cassim sposò una donna la quale, poco dopo il matrimonio, ereditò una bottega ben fornita, un magazzino pieno di merci ed alcune terre, che lo posero d’improvviso in grande agiatezza, costituendolo uno de’ più ricchi negozianti della città.

«Ali Baba, per lo contrario, avendo sposata una donna povera al par di lui, era meschinamente alloggiato, né aveva altra industria, per guadagnarsi il vitto, e mantener sé ed i propri figliuoli, se non di andarla a far legna in una selva vicina, venendo a venderla alla città, caricata su tre somari, che formavano tutto il suo patrimonio.

 

Edmund Dulac – Storie dalle Notti Arabe, Londra 1907

 

«Trovavasi un giorno Ali Baba nella foresta, e finiva di tagliarvi legna bastante all’incirca per caricarne le sue bestie, allorché scorse una densa polvere sollevarsi in aria ed avanzarsi dritto al luogo dov’egli stava. Guardò allora attentamente, e distinse una numerosa comitiva di gente a cavallo che veniva di trotto.

«Benché nel paese non si parlasse di ladroni, non ostante venne ad Ali Baba il pensiero che tali esser potessero quei cavalieri, e senza considerare cosa sarebbe accaduto de’ suoi asini, pensò a mettersi in salvo. Salito sur un grosso albero, i cui rami, a poca altezza, spartivansi in cerchio, sì vicini l’un all’altro, da non essere se non da piccolo spazio disgiunti, vi s’appiattò nel bel mezzo, con tanta maggior sicurezza, che potea vedere senza essere veduto; ergevasi l’albero appiè d’una rupe isolata da tutte le parti, molto più alta dell’albero stesso, e scoscesa in modo che per niun verso vi si poteva salire.

 

Ali Baba in the Wood.jpg

 Aubrey Beardley 1897

 

 

«I cavalieri, grandi, robusti, tutti ben montati e meglio armati, giunsero presso la rupe, ove smontarono; ed Ali Baba, contatine quaranta, dal loro aspetto e dall’equipaggio non dubitò non fossero ladroni. Nè s’ingannava: erano infatti malandrini, i quali, senza far alcuna violenza nei contorni, andavano ad esercitare le loro ruberie assai lontano, tenendo convegno in quel luogo; e ciò ch’ei li vide fare, confermollo nella sua opinione. Ogni cavaliere, sbrigliato il palafreno, lo legò ad un albero, gli passò al collo un sacco pieno d’orzo che portava in groppa, e tutti poi caricaronsi delle loro valige, la maggior parte delle quali parvero ad Ali Baba cosi pesanti, ch’ei le giudicò piene d’oro e d’argento.

«L’uomo più appariscente, carico come gli altri della sua valigia, che Ali Baba prese pel capo dei ladroni, si accostò alla rupe, assai vicino alla grossa pianta su cui stava ricoverato, e schiusosi il varco framezzo alcuni cespugli, pronunciò queste parole: «Sesamo, apriti!» cosi distintamente, che Ali Baba poté intenderle. Appena il capo de’ ladroni ebbele pronunziate, si apri una porta; ed egli, fatti passare prima gli altri, introdotti che furono tutti, entrò anch’egli, e la porta si richiuse.

«I ladroni rimasero a lungo entro lo scoglio, ed Ali Baba, il quale temeva che qualcuno di loro, o tutti assieme ne uscissero, s’egli abbandonava il suo posto per fuggire, fu costretto a restare sull’albero, aspettando con pazienza. Si sentì però tentato di scenderne per impadronirsi di due cavalli, balzare su d’uno, condur l’altro per la briglia, e correre in città, cacciandosi innanzi i tre somari; ma l’incertezza dell’evento l’indusse ad appigliarsi al partito più sicuro.

 

 

Aubrey Beardsley, 1897 – per l’edizione inglese

 

«Finalmente si riaprì la porta, i quaranta ladroni ne sortirono, ed il capitano, entrato per l’ultimo, uscì pel primo, e dopo averseli veduti sfilare davanti, Alì Baba udì che faceva chiudere la porta, pronunciando queste parole: «Sesamo, rinchiuditi.» Tornò ciascuno al suo cavallo, gli ripose la briglia, attaccò di nuovo la valigia alla sella, e vi salì. Quando in fine il capitano vide che tutti erano pronti alla partenza, si mise alla testa, e ripigliò con essi la strada d’ond’erano venuti.

«Alì Baba non discese però subito dall’albero. — Possono essersi dimenticata qualche cosa,» pensò fra se, «che li costringa a tornare indietro, ed io, se ciò accadesse, mi troverei accalappiato.» Li seguì dunque coll’occhio sinchèé li ebbe perduti di vista, e non discese, per maggior sicurezza, se non molto tempo dopo. Avendo tenuto a memoria le parole in forza delle quali il capitano de’ ladroni aveva fatto aprire e chiudere la porta, fu curioso di provare se, pronunziandole, farebbero il medesimo effetto. Passato in mezzo ai cespugli, e veduta la porta che nascondevano, vi si presentò davanti, e disse: «Sesamo, apriti!» Sull’istante la porta si spalancò.»

 

Illustration for a book of tales. One of several editions.

 

NOTTE CCCLXIV

 

 

Edmund Dulac, Storie dalle notti arabe, Londra 1907

 

 

— Sire, Alì Baba erasi aspettato di vedere un luogo di tenebre e d’oscurità, ma fu maravigliatissimo trovandone uno ottimamente rischiarato, vasto e spazioso, scavato dalla mano degli uomini, a volta altissima, che dall’alto della rupe riceveva la luce per un’apertura al modo medesimo praticata. Quivi scorse grandi provvigioni da bocca, balle di ricche merci accumulate, stoffe di seta e di broccato, tappeti di gran valore, e soprattutto oro ed argento monetato a mucchi, ed in sacchi o grandi borse di cuoio le une sulle altre; al vedere le quali cose, gli parve non fossero lunghi anni, ma secoli che quella grotta servisse di rifugio a ladroni succedutisi l’un l’altro.

«Non titubò Alì Baba sul partito da prendere: s’introdusse nella grotta, ed appena vi fu entrato, la porta si rinchiuse; ma non n’ebbe alcuna inquietudine, conoscendo il segreto di riaprirla. Non si attaccò alle monete d’argento, ma bensì all’oro, particolarmente a quello dei sacchi, e levatone in più volte quanto ne potea portare, in quantità sufficiente per formare il carico de’ suoi tre asini, raccolse le bestie ch’eransi disperse, le fece avvicinare alla rupe, le caricò de’ sacchi, e per nasconderli, vi accomodò sopra la legna in modo che non si potessero scorgere. Si presentò quindi dinanzi alla porta, e non ebbe appena pronunziate le parole: «Sesamo, rinchiuditi!» che quella si chiuse; essendosi chiusa da se ogni volta ch’eravi entrato, e rimasta aperta ogni volta ch’erane uscito.

«Ciò fatto, Alì Baba ripigliò la via della città, e giunto a casa, fece entrare gli animali in un cortiletto, chiudendone con gran cura la porta; poi, deposta la poca legna che copriva i sacchi, li portò in casa, ponendoli ed accomodandoli davanti a sua moglie, seduta sur un sofà.

«Apri la donna quei sacchi, ed accortasi ch’erano pieni di danaro, sospettò non il marito li avesse rubati; dimodoché, allorché questi ebbe finito di portarli, non poté trattenersi dal dirgli: — Alì Baba, sareste mai tanto sciagurato per… —

«Alì Baba l’interruppe. — Zitto, moglie, non allarmatevi; io non sono ladro, a meno che non sia esserlo il togliere ai ladri. Cesserete d’avere questa sinistra opinione di me quando vi avrò narrata la mia buona ventura. —

«Vuotò quindi i sacchi, che formarono un grosso mucchio d’oro, dal quale sua moglie rimase abbagliata; poi, le fece l’esposizione del fatto dal principio alla fine, e, terminando, le raccomandò sopra ogni altra cosa di conservare il segreto.

«La donna, rinvenuta dal suo spavento, si rallegrò col marito della loro fortuna, e volle contare pezzo per pezzo tutto l’oro che stavale davanti.

«— Moglie,» le disse Alì Baba, «non avete giudizio; cosa pretendereste fare? quando avrete terminato di contarlo? Corro a scavare una fossa per nascondervelo; non abbiamo tempo da perdere.

 

Eden-Théâtre. Ali-Baba. Manifesto dello spettacolo, litografia, 1890- Bibliothèque nationale de France

 

«— Ma pure è meglio,» rispose la moglie, «sapere almeno all’incirca la quantità che ve n’ha. Vado a cercare nel vicinato una piccola misura, e mentre lo misurerò, voi scaverete la fossa.

«— Donna,» ripigliò Alì Baba, «quello che volete fare non serve a nulla, e ve ne asterrete, se vorrete darmi ascolto. Nonostante, fate ciò che vi piace; ma ricordatevi di conservare il segreto. —

«Per soddisfarsi, la donna esce di casa, e va da Cassim, suo cognato, che non abitava molto lontano. Cassim non trovavasi in casa, ed in mancanza di lui, essa si volge alla moglie, pregandola di prestarle per alcuni momenti una misura; chiestole dalla cognata se la volesse grande o piccola, la moglie di Alì Baba ne domandò una piccola.

«— Volentieri,» disse la cognata; «aspettate un momento, che ve la porto subito. —

«La cognata va a cercare la misura e la trova; ma conoscendo la povertà di Alì Baba, curiosa di sapere che sorta di grano volesse misurare la donna, immaginò di applicare destramente sotto alla misura un po’ di sego, e così fece. Tornò quindi, e presentandola alla cognata, scusossi di averla fatta aspettare, dicendo che aveva penato molto a trovarla.

«La moglie di Alì Baba tornò a casa, pose la misura sul mucchio d’oro, la empi e votolla un po’ più lontano sul sofà, e per più volte, sinché ebbe finito, e contenta del buon numero di misure trovato, partecipollo al marito, il quale aveva allora finito di scavare la fossa.

«Mentre Alì Baba nascondeva sotterra l’oro, ella, per dimostrare alla cognata la sua esattezza e diligenza, le riportò la misura, ma senza osservare esservisi attaccata sotto una moneta d’oro.

«— Cognata,» le disse, rendendogliela, «vedete che non ho tenuto molto tempo la vostra misura; ve ne sono gratissima, e ve la restituisco. —

 

John D. Batten — stesso testo-  1915

 

 

«Appena la moglie di Alì Baba ebbe volta la schiena, la moglie di Cassim guardò sotto alla misura, e non potremmo esprimere il suo stupore trovandovi attaccata una pezza d’oro. L’invidia s’impadronì sul momento del suo cuore.

«— Come!» sclamò; «Alì Baba ha dell’oro da misurare! dove l’ha egli preso, quel miserabile? —

«Cassim, suo marito, non era in casa, come abbiam detto, ma trovavasi alla sua bottega, d’onde non doveva tornare se non la sera; tutto il tempo ch’egli si fece attendere, le parve un secolo, tanto era la di lei impazienza di dargli una nuova, che non avrebbelo sorpreso meno di lei medesima.»

Schahriar e Dinarzade avrebbero voluto che la notte fosse stata meno corta, per udir più a lungo la continuazione d’un racconto si interessante; ma il giorno venne a por fine a codesto piacere.

L’indomani, la sultana delle Indie ripigliò in codesti sensi:

 

Illustrazione di John D. Batten  — dai Racconti di favole dalle Notti Arabe. 1915

 

 

NOTTE CCCLXV

— All’arrivo del marito a casa: — Cassim,» gli disse la donna, «voi credete di essere ricco, ma v’ingannate; Alì Baba lo è infinitamente più di voi: egli non conta il suo oro, ma lo misura. —

«Domandò Cassim spiegazione dell’enimma, ed ella ne diede lo schiarimento, istruendolo dell’astuzia di cui erasi servita per fare la scoperta, e gli mostrò la moneta trovata attaccata sotto alla misura, moneta tanto antica, da essergli ignoto il nome del principe che vi stava inciso.

«Lungi dal mostrarsi lieto della fortuna che poteva essere toccata al fratello per cavarsi dalla miseria, Cassim ne concepì un’invidia mortale, talché passò quasi tutta la notte senza dormire. Alla domane si recò da lui, mentre il sole non era ancor sorto, e non trattandolo da fratello, nome ormai dimenticato sin dacché ebbe sposata la ricca vedova: — Alì Baba,» gli disse, «siete ben riservato nei vostri affari; fate il povero, il miserabile, il pitocco, e poi misurate l’oro!

«— Fratello,» rispose Alì Baba, «non so di che cosa volete parlarmi. Spiegatevi.

«— Non fate l’ignorante,» riprese Cassim. E mostrandogli la moneta d’oro consegnatagli dalla moglie: «Quante pezze avete,» soggiunse, «simili a questa che mia moglie trovò attaccata sotto la misura che la vostra venne ieri a chiederle in prestito? —

«A tal discorso, Alì Baba conobbe che Cassim e la moglie di lui (per l’ostinazione della propria consorte) sapevano già ciò ch’egli aveva tanto interesse a tener celato; ma il fallo era commesso, né si potea riparare. Senza dar al fratello il minimo segno di stupore, né di dispiacere, gli confessò il fatto, o raccontò pure per qual caso avesse scoperto l’asilo dei ladroni ed in qual sito, offerendogli quindi, se volesse conservare il segreto, di fargli parte del tesoro.

«— Lo pretendo anche,» ripigliò Cassim con fiero accento; «ma,» soggiunse, «voglio sapere dove sia precisamente il tesoro, i segni, gl’indizi, e come possa entrarvi anch’io, se me ne venisse voglia; altrimenti corrò a denunziarvi alla giustizia. Se ricusate, non solo dovrete sperarne più nulla, ma ben anco perderete ciò che ne prendeste, mentr’io, per avervi denunziato, ne avrò la mia parte. —

«Alì Baba, piuttosto per buona indole, che intimidito dalle minacce insolenti d’un barbaro fratello, lo istruì pienamente di quanto desiderava, come anche delle parole di cui bisognava servirsi per entrare nella grotta ed uscirne.

«Cassim non ne chiese di più. Lasciò il fratello, risoluto di prevenirlo, e pieno di speranza d’impossessarsi egli solo del tesoro, parte il giorno dopo di buon mattino, prima dello spuntar dell’alba, con dieci muli carichi di grandi forzieri, ch’ei si propone di riempire, riservandosi di condurne un numero maggiore in un secondo viaggio, secondo i carichi che avrebbe trovato nella grotta. Prende dunque la via insegnatagli da Alì Baba, e giunto presso alla rupe, e riconosciuti i segni e la pianta su cui erasi nascosto Alì Baba, cerca la porta, la trova, e per farla aprire, pronunzia le parole: «Sesamo, apriti.» Spalancasi la porta, egli entra, e quella tosto si richiude.

 

altra illustrazione di:
John D. Batten – Fairy tales from the Arabian nights. E. Dixon [ed.] J. D. Batten [ill.] New York : G.P. Putnam’s Sons. c.1915

 

 

Esaminando la grotta, stupisce altamente vedendo ricchezze molto maggiori che non avesse immaginato dal racconto di Alì Baba, e la sua ammirazione crebbe a seconda ch’egli andava esaminando ad una ad una partitamente le cose. Avaro ed amante delle ricchezze qual egli era, avrebbe passato la giornata a pascere gli occhi nella vista di tanto oro, se non avesse pensato d’esser venuto per levarlo e caricarne i dieci suoi muli. Presone adunque un numero di sacchi, quanti ne poteva portare, e venuto alla porta per farla aprire, pieno l’animo d’ogni altra idea fuor di quella che maggiormente importava, avviene ch’egli ha dimenticata la parola necessaria, ed invece di Sesamo, dice: «Orzo, apriti.» Allora si maraviglia che la porta, lungi dall’aprirsi, rimanga chiusa. Nomina egli varie altre sorta di grani, fuor di quello che bisognava, e la porta non si spalanca.

«Cassim non si attendeva simile avvenimento. Nell’estremo pericolo in cui si vede, lo spavento s’impossessa di lui, e più fa sforzi per ricordarsi del vocabolo Sesamo, più s’imbroglia la memoria, ed in breve quella parola diventa per lui come se mai non ne avesse assolutamente udito parlare. Getta a terrai sacchi ond’erasi caricato, percorre a gran passi la grotta ora da una parte, or dall’altra, né più lo movono tutte le ricchezze dalle quali si trova circondato. Lasciamo Cassim deplorare la sua sorte, ch’ei non merita compassione.

«I ladroni tornarono alla grotta verso mezzodì, e quando ne furono a poca distanza, vedendo intorno alla rupe i muli di Cassim carichi di forzieri, inquieti di tale novità, inoltrarono a briglia sciolta, mettendo in fuga i dieci animali che Cassim avea trascurato di legare alle piante, e che pascevano liberamente; di modo che si dispersero qua e là per la selva, tanto lungi che in breve li ebbero perduti di vista.

«I malandrini non si presero la briga di correre dietro ai muli, viemaggiormente importando ad essi di trovarne il padrone. Mentre alcuni girano per cercarlo intorno alla rupe, il capitano smonta cogli altri, e correndo colla sciabola in pugno verso la porta, pronunzia le parole, e quella si apre.

«Cassim, il quale, dal centro della grotta, poté udire il calpestio de’ cavalli, non dubitò dell’arrivo de’ ladroni e della vicina sua perdita. Risoluto almeno di fare uno sforzo per isfuggir loro di mano e salvarsi, si dispone a slanciarsi fuor della porta appena quella si aprisse; quando la vide schiudersi, dopo aver udito pronunciare la fatal parola, sfuggitagli dalla memoria, si gettò fuori così precipitosamente, che rovesciò il capitano; ma non iscampò dagli altri ladroni, i quali, avendo tutti la scimitarra sguainata, gli tolsero all’istante la vita.»

— Questo malvagio fratello non s’ebbe se non quello che meritava,» disse la buona Dinarzade alla sorella, che l’alba aveva allora interrotto; «quanto ammiro ne’ tuoi racconti, cara sorella, è che sempre la morale vi si nasconde sotto il maraviglioso, dimodochè se ne ha istruzione insieme e diletto; spero che il sultano nostro signore ti permetterà di continuare.»

E Scheherazade fecelo l’indomani e le notti seguenti.

 

John D. Batten, 1915

 

 

NOTTE CCCLXVI

— Prima cura de’ masnadieri, dopo quell’esecuzione, fu di entrare nella grotta; trovarono presso alla porta i sacchi che Cassim aveva principiato a movere per portarli via e caricarne i muli, e li riposero a’ loro luoghi, senza avvedersi di quelli tolti in prima da Alì Baba. Tenendo consiglio e deliberando su quell’avvenimento, compresero come Cassim non avesse potuto uscire dalla grotta, ma non seppero immaginare come vi fosse entrato. Cadde loro in mente che potesse essere disceso dall’alto della caverna; ma l’apertura d’onde veniva la luce era così elevata, e la cima della roccia tanto inaccessibile al di fuori, oltre che nulla loro significava averlo egli fatto, che unanimemente confessarono ciò esser fuori della loro penetrazione. Ch’entrato fosse per la porta, non se lo potevano persuadere a meno che posseduto non avesse il segreto per farla aprire; ma tenevano per fermo d’essere i soli a conoscerlo, benché in ciò s’ingannassero, ignorando d’essere stati spiati da Alì Baba, il quale così lo sapeva.

«In qualunque modo fosse avvenuta la cosa, siccome trattavasi di porre le ricchezze comuni al sicuro, convennero di fare in quattro quarti il cadavere di Cassim, e metterli accanto alla porta, al di dentro della grotta, due per parte, onde spaventare chiunque avesse l’audacia di tentare un’impresa consimile; salvo il non tornare alla grotta se non dopo qualche tempo che esalato fosse il puzzo del cadavere. Presa tale risoluzione, la eseguirono, e quando non ebbero più nulla che li trattenesse, lasciarono il loro ricovero ben chiuso, e risaliti a cavallo, andarono a battere la campagna sulle strade frequentate dalle carovane, per attaccarle ed esercitare le consuete ruberie.

«La moglie di Cassim intanto stava in vivissima inquietudine, vedendo già calata la notte, e che il marito non era ancor di ritorno. Andò a casa di Alì Babà tutta agitata, egli disse: — Cognato, voi non ignoratela quanto credo, che Cassim, vostro fratello, è andato nella selva, e per qual motivo. Non n’è ancora tornato, ed ecco inoltrata la notte; temo gli sia accaduta qualche disgrazia. —

«Alì Baba aveva dubitato del viaggio del fratello, dopo il discorso tenutogli, ed appunto per questo erasi astenuto di andare quel giorno alla foresta, onde non dargli ombra. Senza farle verun rimprovero di cui ella potesse offendersi, e neppure suo marito, se avesse vissuto, le disse, che non doveva intimorirsi, e che probabilmente Cassim aveva stimato a proposito di non rientrare in città se non molto innanzi nella notte.

«La moglie di Cassim lo credette pure, e tanto più facilmente, considerando quanto fosse importante, che suo marito facesse le cose in segretezza. Tornò dunque a casa, ed aspettò pazientemente sino a mezza notte. Ma dopo quell’ora le sue smanie raddoppiarono con tanto più sensibile dolore, perché non poteva sfogarlo, né sollevarsi colle grida, delle quali ben s’avvide che la cagione dovea restare nascosta al vicinato. Allora, se il suo fallo era irreparabile, si pentì della pazza curiosità avuta, per una riprovevole invidia, di penetrare negli affari dei cognati. Passò la notte in pianti, ed appena spuntato il giorno, corse da loro annunziando il motivo che la guidava piuttosto colle lagrime che colle parole.

«Non aspettò Alì Baba che la cognata lo pregasse di prendersi il disturbo d’andar a vedere cosa fosse avvenuto di Cassim; ma parti sul momento co’ suoi tre asini, e raccomandatole di moderare l’angoscia, recossi alla selva.

Nell’accostarsi alla rupe, non avendo per istrada veduto né il fratello, né i dieci suoi muli, rimase colpito dal sangue che vide sparso presso alla porta, e ne concepì cattivo augurio. Presentatosi quindi dinanzi alla porta, e pronunziate le parole, quella si aprì, ed ei fu atterrito al tristo spettacolo del corpo del fratello squartato in quattro. Non esitò allora sul partito da prendere onde render al fratello gli ultimi uffizi, dimenticandone il poco fraterno affetto. Trovato nella grotta l’occorrente, fece coi quattro pezzi due fardelli, ne caricò uno de’ somari insieme ad alquanta legna per nasconderli, e caricati gli altri due di sacchi d’oro e di legna come la prima volta, appena ebbe finito e comandato alla porta di chiudersi, ripigliò la via della città, senza perder tempo, usando peraltro la precauzione di fermarsi all’uscire della foresta uno spazio di tempo bastante per entrarvi sol di notte. Arrivato, non introdusse in casa se non i due asini carichi d’oro, e quindi, lasciato alla moglie il pensiero di scaricarli, ed in brevi parole partecipatale l’infelice sorte di Cassim, condusse l’altro somaro dalla cognata.

«Bussò il buon uomo alla porta, che gli fu tosto aperta da Morgiana: era questa una schiava destra, intelligente e feconda d’invenzioni per far riuscire le cose più difficili, ed Alì Baba per tale ben la conosceva.

Entrato pertanto nel cortile, e scaricato l’asino della legna e de’ due involti, presa la schiava in disparte: — Morgiana,» le disse, «la prima cosa che ti chiedo è un inviolabile segreto: comprenderai subito quanto esso sia necessario alla tua padrona ed a me. Ecco in que’ due fardelli il corpo del tuo padrone; si tratta di seppellirlo come se fosse morto naturalmente. Fammi parlare colla tua padrona, e sta attenti a quello ch’io le dirò. —

«Morgiana avvertì la padrona, ed Alì Baba, che li seguiva, subito entrò.

«— Ebbene, cognato,» gli domandò la donna con grande impazienza, «che nuova recate di mio marito? Non iscorgo nulla sul vostro volto che mi debba consolare.

«— Cognata,» rispose Alì Baba, «non posso dirvi nulla, se prima non mi promettiate d’ascoltarmi dal principio alla fine senza aprir bocca, essendo non meno a voi che a me importantissimo di servare, su ciò ch’è accaduto, la maggior segretezza pel vostro bene e riposo.

«— Ahi» sclamò essa senza alzare la voce; «questo preambolo mi fa comprendere che mio marito più non esiste; ma nello stesso tempo intendo la necessità del segreto che mi chiedete. Ben veggo che bisogna farmi violenza; parlate: vi ascolto. —

«Raccontò Alì Baba alla cognata tutto l’esito del viaggio sino al proprio arrivo col corpo di Cassim, e:

«— Cognata,» soggiunse, «ecco per voi un motivo di dolore tanto più grande quanto meno ve lo aspettavate. Sebbene il male sia senza rimedio, se v’ha nondimeno cosa alcuna capace di consolarvi, vi esibisco di unire al vostro il poco di bene che Dio mi ha concesso, collo sposarvi, assicurandovi che mia moglie non sarà gelosa, e vivrete insieme in buona armonia. Se la proposizione vi garba, bisogna pensare ad agir in modo che mio fratello sembri spirato di morte naturale; è questo un pensiero, del quale mi pare potete riposare su Morgiana, mentr’io, dal mio lato, vi contribuirò a tutto potere. —

«Qual miglior partito poteva prendere la moglie di Cassim fuor di quello che Alì Baba le proponeva, essa che, coi beni che le rimanevano per la morte del primo marito, ne trovava un altro più ricco di lei, ed il quale, per la scoperta del tesoro, poteva diventarlo ancora di più? Non ricusò dunque l’offerta, ma la riguardò anzi come un motivo ragionevole di consolazione; asciugate adunque le lagrime, che aveva cominciato a versare in copia, e sopprimendo le acute grida consuete alle donne che abbiano perduto il consorte, dimostrò bastantemente ad Alì Baba che accettava la di lui proposta.

«Lasciò questi la vedova di Cassim in tale disposizione, e raccomandato a Morgiana di far bene le sue parti, tornò sull’asino a casa «Morgiana non si smarrì d’animo; uscì nello stesso tempo di Alì Baba, e recatasi da uno speziale che dimorava in quelle vicinanze, bussa alla bottega, le aprono, ed ella domanda una specie di pastiglie efficacissime nelle malattie più pericolose. Lo speziale gliene consegnò pel denaro presentato, domandandole chi fosse malato in casa del suo padrone.

«— Ah!» diss’ella con un profondo sospiro; «è  Cassim medesimo, il mio buon padrone! Non si capisce nulla del suo male: non parla e non può mangiare.» Ciò detto, portò via le pastiglie, di cui Cassim veramente non era più in grado di far uso.»

 

 

“Histoire d’Ali-Baba et de quarante voleurs exterminés par une esclave”

Godefroy Durand (1832–1896) – Les mille et une nuits contes choisis

 

 

NOTTE CCCLXVII

 

Edmund Dulac – Dalle storie di notti arabe, Londra, 1907

 

 

— Sire, » proseguì la sultana delle Indie, «alla domane, Morgiana tornò dallo stesso speziale, e chiese, colle lagrime agli occhi, un’essenza che solevasi amministrare agl’infermi nell’ultima estremità, più non avendosi speranza de’ loro giorni, se quell’essenza non li faceva guarire,

«— Aimè!» diss’ella con grandissima afflizione, ricevendola dalle mani dello speziale; «temo assai che questo rimedio non faccia miglior effetto delle pastiglie! Ah, che perdo un buon padrone! —

«D’altra parte, siccome Ali Baba e sua moglie furono veduti tutto il giorno andare e venir più volte in aspetto assai mesto alla casa di Cassim, niuno si maravigliò all’udire verso sera le lamentevoli grida della moglie di questo, e soprattutto di Morgiana, annunziatili com’egli fosse spirato.

 

Edmund Dulac, Londra 1907

 

 

«Il giorno appresso, di buon mattino, Morgiana, la quale sapeva esservi sulla piazza un ciabattino, onesto e buon vecchio, che apriva ogni giorno la sua bottega molto tempo prima degli altri, esce, ed andatolo a ritrovare, dandogli il buon giorno appena, lo vide, gli mise in mano una moneta d’oro.

«Baba Mustafà, conosciuto da tutti sotto questo nome, Baba Mustafà, dico, uomo naturalmente allegro e sempre pronto a ridere, guardando la moneta, perché non era ancor ben chiaro, e scorgendo ch’era d’oro: — Buon augurio!» disse; «di che si tratta? Eccomi pronto a servirvi.

«— Baba Mustafà,» gli disse Morgiana, «prendete l’occorrente per cucire, e venite subito con me; ma colla condizione che, quando saremo in un tal sito, vi benderò gli occhi, —

«A tali parole, il ciabattino fece il restio. — Oh, oh!» rispose; «volete dunque farmi fare qualche cosa contro la mia coscienza o contro l’onor mio? —

«Mettendogli in mano un’altra pezza d’oro: — Dio mi guardi,» ripigliò Morgiana, «e all’esigere da voi cosa che non possiate fare con tutta onestà! Venite dunque, e non temete nulla. —

 

Edmund Dulac, Londra 1907

 

 

«Baba Mustafà si lasciò persuadere, e Morgiana, avendogli bendati gli occhi col fazzoletto nel sito indicato, lo condusse in casa del defunto suo padrone, e non gli levò la benda se non nella camera ove aveva collocato il cadavere con ogni quarto al suo posto. Quando glie l’ebbe tolta: — Baba Mustafà,» diss’ella, «vi ho condotto per farvi cucire i pezzi che qui vedete, non perdete dunque tempo, e finito che avrete, vi darò un’altra pezza d’oro. —

«Ultimata l’operazione del ciabattino, Morgiana tornò a bendargli gli occhi nella medesima stanza, e datagli la terza moneta d’oro promessa, e raccomandatogli il segreto, lo ricondusse sino al luogo di prima; e colà, levandogli nuovamente il fazzoletto, lo lasciò andare a casa, accompagnandolo coll’occhi sinché più non lo vide, onde togliergli la curiosità di tornar indietro ad osservare lei medesima.

«Morgiana aveva fatto scaldare un po’ d’acqua per lavare il corpo di Cassim; talché Alì Babà, giunto nel momento ch’essa tornava a casa, poté lavarlo, profumarlo d’incenso ed acconciarlo colle cerimonie d’uso. Il falegname portò il feretro già ordinato per cura di Alì Baba, ed affinché questi non si potesse accorgere di nulla, Morgiana ricevé la cassa alla porta, e pagatolo, lo rimandò, andando quindi ad aiutare Alì Baba a collocarvi il cadavere; quando questi vi ebbe ben inchiodate le assi al disopra, recossi la schiava alla moschea ad avvertire che tutto era pronto per le esequie. Allora le persone della moschea, destinate a lavare i morti, esibirono di venir a compiere la loro funzione; ma essa rispose essere già eseguita ogni cosa.

«Morgiana era appena tornata a casa quando, giunti l’imano e gli altri ministri della moschea, quattro vicini, a ciò chiamati, caricaronsi sulle spalle la bara, e seguendo l’imano, che recitava le preci, la portarono al cimitero. Morgiana, tutta in lagrime, come schiava del defunto, li seguiva colla testa scoperta, mandando alte grida, battendosi a gran colpi il petto e strappandosi i capelli; Alì Baba veniva dopo, accompagnato dai vicini, i quali staccavansi a vicenda tratto tratto per sollevare ed assistere gli altri che portavano il feretro, sinché giungessero al cimitero.

«La moglie di Cassim, intanto, rimase in casa, desolandosi e gettando lamentevoli grida colle donne del vicinato, le quali, secondo l’uso, accorsero durante la cerimonia della sepoltura, ed unendo le loro lamentazioni alle sue, empirono di mestizia tutto il quartiere.

«Per tal modo, la morte di Cassim fu nascosta e dissimulata fra Alì Baba, sua moglie, la vedova di Cassim e Morgiana, con tal industria, che niuno della città, lungi dall’averne cognizione, non ne concepì pur il minimo sospetto.

«Tre o quattro giorni dopo i funerali di Cassim, Alì Baba trasportò i pochi suoi mobili, col denaro tolto dal tesoro dei ladroni, portandolo però soltanto la notte, nella casa della vedova, onde stabilirvisi; il che fece conoscere il nuovo suo matrimonio colla cognata. E siccome siffatti sponsali non sono straordinari nella nostra religione, ninno ne rimase maravigliato.

«Quanto alla bottega di Cassim, Alì Baba avendo un figliuolo, il quale da qualche tempo avea finito il suo garzonato presso un altro mercante all’ingrosso, ch’erasi sempre esternato favorevolmente sulla di lui condotta, gliela diede, promettendogli che, laddove continuasse a diportarsi con saviezza, non istarebbe molto ad ammogliarlo vantaggiosamente secondo il suo stato.»

 

Sindbad the Sailor & Ali Baba and the Forty Thieves (London: Lawrence & Bullen, 1896), to face page 199, showing Ali Baba with his donkeys

Joseph Benwell Clark (1857-1938) – The Arabian nights’ entertainments, Henry Altemus Company, Philadelphia, ca. 1896

 

 

NOTTE CCCLXVIII

— Sire, lasciamo Ali Baba godere del principio della sua buona ventura, e parliamo dei quaranta ladroni. Tornati costoro al nascondiglio della selva nel tempo convenuto, non è a dire la loro maraviglia più non trovando il cadavere di Cassim, e quanto si accrebbe avvedendosi della diminuzione de’ sacchi d’oro.

«— Siamo scoperti e perduti,» disse il capitano; «e se non pensiamo a mettervi un pronto riparo, perderemo insensibilmente tante ricchezze che i nostri antecessori e noi, con tali stenti e fatiche, abbiamo accumulate. Quello che possiamo argomentare dal danno recatoci, è che il ladro, da noi sorpreso, ebbe il segreto di farsi aprire la porta, e che noi giungemmo felicemente nel punto che stava per uscirne. Ma egli non era solo, ed un altro lo deve come lui possedere. Il suo corpo involato ed il nostro tesoro diminuito ne sono segni incontrastabili; or non essendovi apparenza che più di due persone posseggano questo segreto, dopo aver fatto perir l’uno, è d’uopo far parimente perire anche l’altro. Che cosa ne dite, bravi compagni? siete voi pure del medesimo mio sentimento,? —

«La proposizione del capitano de’ ladroni fu trovata sì ragionevole dalla masnada, che tutti l’approvarono, e convennero unanimi che bisognava abbandonare ogni altra impresa per attaccarsi unicamente a quella, non dipartendosene se non quando vi fossero riusciti.

«— Io non mi aspettava meno dal vostro coraggio e dal valor vostro,» riprese il capitano; «ma prima di tutto, fa d’uopo che alcuno di voi, ardito, destro ed intraprendente, vada alla città, senz’armi ed in abito da forestiero, ed adopri l’ingegno in guisa di scoprire se non vi si parli della morte strana di colui che noi trucidammo come meritava, chi ei fosse, ed in qual casa dimorasse. È ciò che c’importa sapere anzi tutto, onde non far nulla di cui avessimo poi a pentirci, scoprendoci da noi medesimi in un paese dove siamo da tanto tempo sconosciuti, e nel quale abbiamo interesse di continuare ad esserlo. Ma, onde animare chi di voi si offrirà ad incaricarsi di tale commissione, ed impedirgli d’ingannarsi, venendoci a fare un falso rapporto, che potesse cagionare la nostra rovina, vi domando se non istilliate a proposito che, in tal caso, ei si sottometta alla pena di morte? —

«Senza. attendere che gli altri dessero i loro suffragi: — Io mi ci sottopongo,» disse un masnadiere, «e mi glorio di esporre la vita, incaricandomi della commissione. Se non riesco, vi ricorderete almeno che non avrò mancato nè di buon volere, né di coraggio pel bene comune. —

«Il malandrino, ricevute molto lodi dal capitano e da’ compagni, si travesti in modo che niuno avrebbelo potuto riconoscere per quello ch’era, e separatosi dalla banda, parti di notte tempo, prendendo sì bene le sue misure, che entrò nella città mentre appena cominciava a spuntar l’aurora. Inoltrassi egli sino alla piazza, ove vide aperta una sola bottega, ch’era quella di Baba Mustafà.

«Stava il ciabattino seduto sulla seggiola, colla lesina in mano, in atto di lavorare al suo mestiere, quando il ladrone se gli accostò augurandogli il buon dì, ed avvistosi della grave sua età: — Galantuomo,» gli disse, «cominciate assai di buon’ora a lavorare; non è possibile che ci vediate ancor bene, vecchio come siete; e quand’anche fosse chiaro, dubito assai abbiate gli occhi abbastanza buoni per cucire.

 

Edmund Dulac – 1907

 

 

«— Chiunque siate,» rispose Baba Mustafà, «bisogna che non mi conosciate. Vecchio qual sono, ho vista eccellente, e non ne dubiterete neppur voi quando saprete non esser molto che ho cucito un morto in un luogo dove non faceva certo più chiaro di adesso. —

«Altissima gioia provò il ladrone di essersi, arrivando, rivolto ad un uomo, il quale subito, com’ei non ne dubitava, gli dava da per sè notizia di ciò che avevalo colà condotto, senza domandarglielo.

«— Un morto!» ripigliò con maraviglia; e per farlo parlare: «Perchè cucire un morto?» soggiunse. «Volete probabilmente dire che cuciste il lenzuolo nel quale stava avvolto. — No, no,» riprese Baba Mustafà; «so benissimo quello che voglio dire. Vorreste farmi cianciare, ma non ne saprete di più. —

«Non ebbe il masnadiero bisogno di maggiori schiarimenti per esser persuaso di avere scoperto ciò ch’era venuto cercando. Trasse di tasca una moneta d’oro, e mettendola in mano al ciabattino, gli disse: — Non ho nessuna voglia di conoscere il vostro seguito, benché possa assicurarvi che, se doveste confidarmelo, non lo divulgherei certo. La sola cosa di cui vi prego è di farmi la grazia d’insegnarmi o venirmi a mostrare la casa nella quale cuciste quel morto. —

Quand’anche avessi la volontà di soddisfare alla vostra domanda,» rispose Baba Mustafà, tenendo la moneta in mano come per restituirla, «vi assicuro che non potrei farlo: dovete credere alla mia parola. Ed eccone la ragione: fui, cioè, condotto sino in un certo luogo ove mi si bendarono gli occhi, e di là mi lasciai guidare sin nella casa, da cui, eseguitovi ciò che dovea farvi, mi ricondussero nella medesima guisa allo stesso luogo. Vedete l’impotenza in cui sono di potervi servire.

«— Almeno,» riprese il ladrone, «dovete ricordarvi all’incirca della strada che avrete percorsa cogli occhi bendati. Venite, ve ne prego, con me; vi benderò gli occhi in quel tal sito, e cammineremo insieme per la medesima strada e le stesse giravolte che potranno tornarvi in mente; e siccome ogni fatica merita premio, eccovi un’altra pezza d’oro. Venite, fatemi il piacere che vi domando.» Sì dicendo, gli diede la moneta.

«Le due pezze tentarono Baba Mustafà; le guardò alcun tempo in mano senza aprir bocca, consultando fra sé che cosa dovesse fare. Si cavò finalmente dal seno la borsa, e ripostevele: — Non posso assicurarvi,» disse al malandrino, «di ricordarmi precisamente della strada che mi fecero fare; ma poiché cosi volete, farò il possibile per rammentarmene.»

 

Felix Mendelssohn, 1781

 

 

 

NOTTE CCCLXIX

— Baba Mustafà, con grande contento del masnadiero, si alzò, e senza chiudere la bottega, dove non eravi nulla di prezioso da perdere, condusse il ladrone sino al luogo nel quale Morgiana avevagli ben dati gli occhi. Giunti colà: — Qui,» disse Baba Mustafà, «qui è dove mi posero la benda, ed era voltato come mi vedete.» Il bandito, il quale aveva preparato il fazzoletto, glielo legò sugli occhi, e gli camminò allato, parte conducendolo, e parte lasciandosi da lui guidare, finché si fermò.

«— Mi pare,» disse Baba Mustafà, «di non essere andato più innanzi.» E si trovò precisamente davanti alla casa di Cassim, dove allora dimorava Alì Baba. Prima di levargli il fazzoletto, il ladrone fe’ prestamente, con un po’ di gesso che teneva in mano, un segno sulla porta; e quando glie l’ebbe tolto, chiesegli se sapeva a chi appartenesse la casa. Baba Mustafà rispose non essere di quel quartiere, e perciò non poteva dirgli nulla.

«Quando il masnadiero vide che non poteva ricavar altro dal ciabattino, lo ringraziò dell’incomodo recatogli; e lasciatolo tornare alla sua bottega, ripigliò la via della selva, persuaso di trovarvi buonissima accoglienza.

«Poco tempo dopo che il ladrone ed il ciabattino si furono separati, Morgiana uscì dalla casa di Alì Baba per non so qual affare; e tornando, notato il segno fatto dal ribaldo, si fermò per osservarlo.

— Cosa significa quel segno?» disse fra sé; « vorrebbe qualcuno male al mio padrone, oppure l’hanno fatto per divertirsi? In qualunque intenzione abbiano potuto farlo,» soggiunse, «è meglio cautelarsi contro ogni evento. —

«Prende dunque tosto del gesso, e siccome le due o tre porte prima di quella erano simili, le segna tutte nel medesimo modo, e rientra in casa senza parlare dell’accaduto ai padroni.

 

Edmund Dulac, Londra

 

 

«Il masnadiero intanto, che continuava il suo cammino, giunse alla selva, e raggiunta in brev’ora la compagnia, fece il rapporto del buon esito del suo viaggio, esagerando la fortuna avuta di aver subito trovato un uomo, da cui sapere il fatto ond’era venuto ad informarsi, che niuna fuor di colui avrebbegli potuto indicare. Fu ascoltato con alta soddisfazione, ed il capitano, prendendo a parlare per tutti, dopo averlo lodato per la sua diligenza: — Compagni,» disse, volgendosi alla masnada, «non abbiamo tempo da perdere; partiamo ben armati senza che ciò apparisca, e quando saremo entrati nella città separatamente, l’un dopo l’altro, per non dare sospetto, la piazza maggiore sia il luogo di riunione, gli uni da una parte, gli altri dall’altra, mentr’io andrò a riconoscere la casa, insieme al nostro collega, latore della buona novella, affinché io possa giudicare del partito che sarà per meglio convenirci. —

«Il discorso del capitano fu dai ladroni applaudito, e fra breve trovaronsi in istate di partire. Sfilarono a due a due, a tre a tre, e camminando a ragionevole distanza gli uni dagli altri, s’introdussero nella città senza destar sospetto, entrandovi per gli ultimi il capitano e quello ch’era venuto alla mattina. Condusse costui il capo nella contrada dove avea segnato la casa di Alì Baba, e giunto davanti ad una delle porte marcate da Morgiana, gliela fece notare, dicendogli esser quella. Ma continuando la strada senza fermarsi, per non dar sospetto, com’ebbe il capitano osservato che la porta seguente portava un segno eguale e nel medesimo sito, lo indicò alla guida, chiedendo se fosse quella o la prima. Il conduttore, confuso, non seppe cosa rispondere, ed ancor meno quand’ebbe veduto che le quattro o cinque porte successive erano anch’esse marcate nella stessa guisa. Giurò egli al capitano di averne segnala una sola, e:
— Non so,» soggiunse, «chi possa aver marcate le altre con tanta somiglianza; ma in questa confusione, confesso di non poter distinguere il mio segno. —

«Il capitano, vedendo il suo disegno andato a vuoto, recatosi alla piazza maggiore, fece dire a’ suoi, dal primo in cui incontrossi, d’aver perduta la fatica e fatto un viaggio inutile, e che non avevano altro partito fuorché di riprendere la via del comune rifugio. Ne diede anzi l’esempio, e tutti lo seguirono nel medesimo ordine ond’erano venuti.»

 

Edmund Dulac – Stories from the Arabian nights, Laurence Housman transl. Edmund Dulac illustr. New York: Hodder and Stoughton. 1907

 

 

 

NOTTE CCCLXX

 

Questa notte, Scheherazade, ripigliando la parola:

— Adunata che fu la banda nella selva, il capitano spiegò la ragione per cui li aveva fatti tornar indietro; in conseguenza la guida fu tosto dichiarata degna di morte ad una sol voce, e colui vi si condannò da sé medesimo, riconoscendo che avrebbe dovuto prender meglio le sue precauzioni, e presentò con fermezza il collo a quello che uscì dalle file per mozzargli il capo.

«Siccome trattavasi, per la conservazione della masnada, di non lasciar invendicato il torto a lei fatto presentasi un altro ladrone, il quale promette dì riuscir meglio dell’altro allora punito, e domanda la preferenza. Viene esaudito: egli parte, corrompe Baba Mustafà, come corrotto lo aveva il predecessore, e colui gli fa, cogli occhi bendati, conoscere la casa di Alì Baba. La segnò il ladro di rosso nel sito meno apparente, contando fosse quello un mezzo sicuro per distinguerla dall’altre già marcale di bianco.

«Ma poco tempo dopo, Morgiana uscì di casa come il giorno precedente, e quando fu per rientrarvi, quel segno rosso non isfuggì ai vigili suoi sguardi; sicché fatto lo stesso raziocinio della prima volta, non mancò di praticare lo stesso segno alle altre porte vicine e nel medesimo luogo.

«Il masnadiero, di ritorno a’ suoi compagni nella foresta, non lasciò di decantare la presa precauzione, infallibile, come asseriva, per non confondere la casa di Alì Baba colle altre. Il capitano ed i ladri credono colui che la cosa debba riuscire.
Recansi pertanto alla città nello stesso ordine e colle medesime precauzioni di prima, armati pure nella stessa guisa, disposti a fare il colpo che meditavano; ed il capitano col malandrino vanno direttamente alla contrada di Alì Baba; ma quivi trovano la medesima difficoltà della prima volta. Pieno di sdegno è il capitano, e l’altro coperto d’una confusione non minore di quella dei suo predecessore in tale intrapresa.

«Per tal modo, costretto il capitano a ritirarsi anche in quel giorno colla sua gente, tutti malcontenti come il dì innanzi, il ladrone, quale autore dell’equivoco, subisce similmente il castigo, cui si era volontariamente assoggettato.

«Il capitano intanto, vedendo la masnada scemata già di due bravi soggetti, temé di vederla viemaggiormente diminuita se continuava a fidarsi in altrui, onde essere informato al vero della casa di Alì Baba; resa edotto, dal loro esempio, che tutti i suoi non erano capaci se non pei colpi di mano, ed inetti ad agire di testa nelle occasioni, s’incaricò in persona della bisogna, e venuto alla città, coll’assistenza del ciabattino, il quale gli rese lo stesso servigio, come ai due altri deputati della congrega, non pensò a far segni onde conoscere la casa di Alì Baba; ma esaminolla tanto bene, non solo considerandola con attenzione, ma ben anco passandovi e ripassandovi più volte davanti, ch’eragli omai impossibile prenderne abbaglio.

«Contento il capitano dei masnadieri del suo viaggio, ed istruito di quanto desiderava, tornò al bosco; giunto nella grotta, dove i compagni lo attendevano: — Camerati,» disse loro, «nulla ormai c’impedirà di prendere piena vendetta del danno recatoci, conoscendo ora con certezza la casa del colpevole, sul quale dev’ella cadere. Ho già pensato, per istrada, ai mezzi di fargliela sentire così destramente, che niuno potrà aver cognizione del nostro ricovero, né del tesoro, tale essendo lo scopo cui mirar dobbiamo nella nostra impresa; altrimenti, invece di esserci utile, ne tornerebbe funesta. Per giungere a tal fine, ecco dunque cosa ho immaginato: quando ve l’avrò esposta, se alcuno si avvisi di spediente migliore, potrà comunicarlo. —

«Allora egli spiegò in qual modo intendeva governarsi, e riscossa la generale approvazione, li incaricò che, spargendosi ne’ borghi e ne’ villaggi circonvicini ed anche nelle città, facessero acquisto di muli, in numero di diciannove, e di trentotto grandi vasi di cuoio da trasportar olio, uno pieno e gli altri vuoti.

«In due o tre giorni, i ladroni fecero tal provvista. Siccome i vasi vuoti erano un po’ stretti d’imboccatura per l’esecuzione del suo disegno, il capitano li fece alquanto allargare; e fatto entrare in ciascuno di essi uno de’ suoi uomini colle armi opportune, lasciando aperto ciò che aveva fatto scucire per lasciar loro libera la respirazione, li chiuse in modo che parevano pieni d’olio; ed a meglio mascherarli, li unse d’olio all’esterno, prendendone dal vaso pieno.

«Così disposte le cose, quando i muli furono carichi dei trentasette ladroni, non compreso il capitano, ciascuno nascosto in un otre, e dell’altro pieno d’olio, il capo, qual condottiero, prese la via della citta nel tempo divisato, e vi giunse sull’imbrunire, circa un’ora dopo il tramonto, com’erasi proposto. Entra, e si avvia direttamente alla casa di Alì Babà, col pensiero di bussare alla di lui porta e chiedere di passarvi la notte co’ muli, col beneplacito del padrone. Ma non ebbe la briga di bussare, trovando Alì Baba sulla soglia, dove prendeva il fresco dopo cena; fermati allora i suoi muli, e voltosi a lui: — Signore,» gli disse, «vengo assai da lontano coll’olio che vedete, per venderlo domani al mercato, ed a quest’ora non so dove andar ad alloggiare. Se non vi fosse d’incomodo, fatemi il favore di ricevermi in casa vostra onde passarvi la notte: ve ne sarò molto grato. —

«Benché Alì Baba avesse veduto nella selva colui che gli parlava, ed intesane anche la voce, come avrebb’egli potuto riconoscerlo pel capo de’ quaranta masnadieri, sotto il suo travestimento da mercadante d’olio?

«— Siate il ben venuto,» gli disse; «entrate.» Sì dicendo, gli fe’ largo per lasciarlo passare coi muli, com’egli infatti eseguì.

«In pari tempo Alì Baba chiamò uno schiavo che aveva, e gli comandò, che quando i muli fossero scaricati, li mettesse non solo al coperto nella scuderia, ma lor porgesse anzi fieno ed orzo. Si prese poi anche il disturbo d’andar in cucina ad ordinare a Morgiana di allestir subito da cena per l’ ospite allora giunto, e preparargli il letto in una camera.

«Ali Baba fece anche di più: per festeggiar l’ospite colla miglior accoglienza, quando vide che il capitano dei ladroni ebbe scaricate le sue bestie, che queste erano state condotte nella stalla com’egli aveva ordinato, e ch’ei cercava un sito per passare la notte a ciel sereno, andò a prenderlo per farlo entrare nella sala in cui soleva ricevere gli amici, dicendo non permetterebbe mai che dormisse in corte. Se ne scusò vivamente il capitano, sotto pretesto di non voler essergli d’incomodo, ma invero per aver modo di eseguire con maggior libertà il piano che meditava; né cedette alle gentilezze di Ali Baba se non dopo pressantissime istanze.

«Non contento Alì Baba di tener compagnia all’uomo che mirava a togliergli la vita, finché Morgiana avesse servita la cena, continuò a discorrere di varie cose che credè potessergli piacere, e non lasciollo se non quando ebbe finito il pasto con cui avevalo trattato.

«— Vi lascio qui padrone,» gli disse; «non avete che a domandare le cose di cui potreste aver bisogno; non v’ha nulla in casa mia che non sia a vostra disposizione.»

Dinarzade stava si attenta al racconto della sultana, ch’essa non s’avvide dell’alba; ma Scheherazade avverti il consorte esser tempo di alzarsi; ciò ch’ei fece, aspettando con impazienza la notte susseguente.

 

Morgana che danza per distrarre Ali Babà dal suo ospite che vuole assassinarlo, 1890
Henry Justice Ford (1860-1941)

 

NOTTE CCCLXXI

 

Edmund Dulac, 1907

 

— Sire,» ripigliò l’indomani la sultana, «il capitano de’ malandrini, alzatosi in pari tempo di Ali Baba, lo accompagnò sino alla porta, e mentre questi entrava in cucina per parlare con Morgiana, egli uscì nella corte, col pretesto di andar a vedere nella scuderia se nulla mancava a’ suoi muli.

«Alì Baba, raccomandato nuovamente alla schiava di aver cura dell’ospite, e non lasciarlo mancare di cosa alcuna: — Morgiana,» soggiunse, «ti avverto che domattina vado al bagno prima di giorno; abbi cura che la mia biancheria sia pronta, dandola ad Abdalla (era il nome del suo schiavo), e preparami un buon brodo da prendere al mio ritorno.» Dopo tali ordini, si ritirò per coricarsi.

«Il capitano de’ ladri intanto, all’uscire dalla stalla andò a dare alla sua gente l’ordine di quanto dovevano fare, e cominciando dal primo otre sino all’ultimo, disse a ciascheduno: — Allorché mi sentirete gettar sassolini dalla stanza dove sarò alloggiato, non mancate di farvi largo, tagliando l’otre da cima a fondo col coltello del quale siete muniti, e di uscirne subito: in breve sarò da voi. —

«Il coltello del quale ei parlava era aguzzo ed affilato a tal uopo. Fatto questo, ei tornò in casa, e presentatosi alla porta della cucina, Morgiana, preso un lume, lo condusse alla camera per lui preparata lasciandovelo, non senza prima domandargli se avevi bisogno di qualche altra cosa. Onde non destar sospetti, il capitano spense il lume poco tempo appresso, e si coricò bell’e vestito, pronto ad alzarsi dopo il primo sonno.

«Morgiana, non dimenticando gli ordini di Alì Baba, gli prepara le biancherie per il bagno, le consegna allo schiavo Abdalla, il quale non era andato ancor a dormire, e posta al fuoco la pentola per fare il brodo, mentre sta schiumandolo, si spegne la lucerna. Non v’era più olio in casa, e mancavano anche le candele. Che cosa fare? Essa ha bisogno di lume per ischiumar la pentola, e ne dimostra il suo imbroglio ad Abdalla.

«— Mi sembri imbarazzata,» le disse Abdalla. «Va a prender olio in uno dei vasi che sono là in corte. —

«Morgiana ringrazia Abdalla del suggerimento, e mentre questi va a coricarsi presso alla camera del padrone per seguirlo al bagno, essa prende l’ampolla dell’olio, e scende in corte. Accostatasi al primo otre che trova, ecco il ladro, che vi stava celato, domandarle sottovoce: — È tempo? —

«Benché colui avesse parlato a voce bassa, non dimeno Morgiana fu colpita dal suono, tanto più facilmente perchè il capitano dei masnadieri, appena scaricati i muli, aveva aperto, non solo questo, ma ben anche tutti gli altri vasi, per dar aria alla sua gente, la quale d’altronde stava malissimo, senza però essere priva della facoltà di respirare.

«Qualunque altra schiava fuor della nostra, sorpresa com’ella fu, trovando un uomo nell’otre invece dell’olio che cercava, avrebbe fatto un fracasso capace di produrre gravi disgrazie. Ma Morgiana era molto superiore alle sue eguali: comprese in un attimo l’importanza di custodire il segreto; l’urgente pericolo in cui versava Alì Baba, la sua famiglia, ed anche sè medesima; la necessità di mettervi un pronto riparo senza schiamazzo; e colla sua intelligenza ne avvisò subito i mezzi. Riarmasi tosto dalla sorpresa e dal terrore, senza dimostrare la menoma commozione, facendo le veci del capitano dei ladri, rispose alla domanda, e disse: — Non ancora, ma fra poco.» Accostossi al vaso seguente, e senti farsi la medesima domanda, e così di seguito, sinché  giunse all’ultimo ch’era pieno d’olio; ed alla stessa domanda, diede a tutti la risposta medesima.

«Per tal modo Morgiana conobbe che il suo padrone, credendo dar ricetto in casa propria ad un mercante d’olio, vi aveva invece accolto trentotto ladroni, compresovi il falso mercante loro capitano.

Riempita dunque in fretta la sua ampolla d’olio che prese dall’ultimo otre, torna in cucina, e riaccesa la lampada, prende un’ampia caldaia, va in corte e la riempie coll’olio del vaso. La porta in casa, la pone sul fuoco, e v’ammucchia sotto la legna, perchè quanto più presto bollirà l’olio, tanto più presto avrà eseguito ciò che contribuir deve alla salvezza comune della casa, che non ammette ritardo. L’olio finalmente bolle; essa prende la caldaia, e va a versare in ciascun otre, dal primo sino all’ultimo, tanto olio ardente quanto basta per soffocarli e privarli di vita, come in fatti loro la tolse.

«Eseguita senza strepito codesta azione, degna del coraggio di Morgiana, come aveva progettalo, torna la schiava nella cucina colla caldaia vuota, e chiusa la porta, estingue il gran fuoco acceso, non lasciandovene se non quanto bisognava per cuocere il brodo ordinato da Ali Baba. Spegne poscia la lucerna, e sta in profondo silenzio, risoluta di non coricarsi se non avesse prima osservato cosa sarebbe accaduto, da una finestra della cucina che guardava sulla corte, per quanto poteva permetterlo l’oscurità della notte.

«Non era scorso un quarto d’ora che Morgiana attendeva, quando il capitano si svegliò. S’alza, guarda per la finestra che apre, e non vedendo alcun lume, e sentendo una gran quiete e profondo silenzio in tutta la casa, dà il segnale gettando i sassolini, parecchi dei quali caddero sugli otri, com’ei non poté dubitarne dal suono che gliene giunse agli orecchi. Porge ascolto, e non ode, né scorge nulla che faccia comprendere mettersi la sua gente in moto.

S’inquieta, getta altri sassolini per la seconda e la terza volta: cadono sui vasi; eppure nessuno de’ ladroni dà il minimo segno di vita, né egli può comprenderne la cagione. Tutto agitato, scende nel cortile col minore strepito fattibile; si accosta in egual modo al primo otre, e mentre vuol chiedere al ladrone, cui crede vivo, se dorme, sente un odore nauseabondo d’olio caldo e di bruciato esalante dal vaso, d’onde rileva che la sua impresa contro Alì Baba, per ammazzarlo, spogliare la casa, e riprendersi, se poteva, l’oro tolto alla sua comunità, era fallita. Passa al vaso seguente ed a tutti gli altri l’un dopo l’altro, e trova che la sua gente era perita della medesima sorte; e dalla diminuzione dell’olio nell’otre che avea portato pieno, comprese la maniera adoperata onde privarlo del soccorso ch’ei ne attendeva. Disperato d’aver fallito il colpo, corse alla porta del giardino di Alì Baba, che metteva nel cortile, e di giardino in giardino, scavalcando i muri, fuggì.

«Allorchè Morgiana non udì più rumore, nè vide più tornare il finto negoziante, dopo averlo buona pezza aspettato, non dubitò del partito preso da colui, piuttosto che tentar di salvarsi per la porta di strada, chiusa a doppia chiave. Soddisfatta e lietissima per essere così ben riuscita a porre in salvo tutta la casa, andò finalmente a letto, e si addormentò.

«Alì Baba, frattanto, uscito innanzi giorno, andò al bagno, seguito dallo schiavo, senza saper nulla del maraviglioso avvenimento accaduto in casa sua mentre dormiva, a proposito del quale Morgiana non avea stimato di destarlo, con tanta maggior ragione in quanto che essa non aveva tempo da perdere nell’istante del periglio, e ch’era affatto inutile turbarne il riposo dopo averlo stornato.»

 

 

Walter Paget (1863-1935)

 

NOTTE CCCLXXII

— Quando tornò dal bagno, entrando in casa che già il sole era alzato, Alì Baba stupì talmente di vedere ancora al loro posto gli otri, e che il mercatante non si fosse recato co’ muli al mercato, che ne chiese la ragione a Morgiana, la quale era venuta ad aprirgli la porta, ed aveva lasciato tutte le cose nello stato in cui il padrone le vedeva, per offrirgliele in ispettacolo, e spiegargli più sensibilmente ciò ch’ella aveva fatto per la di lui conservazione.

« — Mio buon padrone,» disse Morgiana, rispondendo ad Alì Baba, «Dio vi conservi, voi e tutta la vostra casa! Intenderete meglio ciò che desiderate sapere, quando avrete veduto ciò che debbo mostrarvi: abbiate il disturbo di venire con me. —

«Alì Baba segui Morgiana, la quale, chiusa la porta, e condottolo al primo vaso, gli disse: — Guardate dentro, e ditemi se c’è olio. — «Alì Baba guardò, e vedendo seduto nell’otre un uomo, balzò indietro tutto spaventato, mandando altissimo strido.

« — Non temete nulla,» gli disse Morgiana: «l’uomo che vedete non vi farà alcun male; ne ha fatto, ma non è più in caso di oprarne, né a voi, né a verun altro: non ha più vita.

«— Morgiana,» sclamò Ali Baba, «che vuol dir ciò? Spiegati.

«— Ve lo spiegherò,» riprese Morgiana; «ma moderate la vostra maraviglia, e non destate la curiosità de’ vicini su d’una cosa ch’è importantissimo di tener occulta. Guardate prima di tutto gli altri vasi.

 

Edmund Dulac, 1907

 

 

— «Alì Baba guardò ad uno ad uno tutti gli altri vasi, dal primo sin all’ultimo, in cui era l’olio, e nel quale notò che il liquido era notabilmente scemato; e rimase come estatico, or volgendo gli occhi sui vasi, ora guardando Morgiana, senza aprir bocca, tanto era il suo stupore. Alla fine, come se gli fosse tornata la favella: — E del mercante,» domandò, «cosa n’è stato?

«— Quel mercante,» rispose Morgiana, «lo era tanto com’ io sono mercantessa. Vi dirò chi è, e cosa fu di lui. Ma udrete tutta la storia più comodamente nella vostra stanza, essendo tempo, pel bene della vostra salute, che, dopo essere uscito dal bagno, beviate il brodo. —

«Mentre Alì Baba recavasi nella propria stanza, Morgiana, andata in cucina a prendere il brodo, glielo recò; ma prima di sorbirlo, Alì Baba le disse: — Or via, comincia a soddisfare alla mia impazienza, e narrami una storia tanto strana con tutte le sue circostanze. —

«Morgiana, per obbedire al padrone, così cominciò: — Signore, ier sera, quando voi vi foste ritirato per andarvene a letto, preparai le biancherie pel bagno, come mi comandaste, e lo consegnai ad Abdalla. Poscia, posta al fuoco la pentola del brodo, mentre l’andava schiumando, la lucerna, per mancanza d’olio, si spense d’improvviso, nè ve n’era una goccia nell’ampolla. Cercai qualche moccolo, e non ne trovai neppur uno; Abdalla, vedendomi imbarazzata, mi ricordò i vasi pieni d’olio che stavano in corte, com’ei non ne dubitava più di me, e come anche voi credevate. Presi l’ampolla, e corsi all’otre più vicino; ma quando vi fui presso, ne uscì una voce che mi chiese: — È tempo?»
Non mi spaventai, e compresa sul momento la malizia del falso mercante, senza esitare risposi tosto: — Non ancora, ma fra poco.» Passai al vaso susseguente, ed un’altra voce mi fece la medesima interrogazione, alla quale io risposi in egual modo. Andai quindi dagli altri tutti, un dopo l’altro, ed a simile domanda, risposta eguale, né trovai olio se non nell’ultimo otre, ove riempii l’ampolla. Quand’ebbi considerato esservi in corte trentasette ladroni, i quali attendevano soltanto il segnale od il comando del loro capo, preso da voi per un mercatante, e cui avevate fatto sì care accoglienze, per mettere in combustione tutta la casa, non perdei tempo: riportai in cucina l’ampolla, accesi il lume, e presa la caldaia più grande, andai ad empirla d’olio; postala quindi al fuoco, allorchè fu ben ardente, corsi a versarne in ciascun otre, ove stavano i ladroni, quanto ne occorreva per impedirli tutti dall’eseguire il pernicioso disegno che li aveva guidati.

Finita così la faccenda nel modo già mentovato, tornai in casa, spensi il lume, e prima di andarmene a letto, mi misi ad esplorare tranquillamente, dalla finestra, qual partito avrebbe preso il falso mercante d’olio.

In capo a qualche tempo, intesi che, per segnale, gettava dalla finestra alcuni sassolini, i quali caddero su gli otri; ne gettò una seconda ed anche una terza volta, e non iscorgendo, nè vedendo alcun movimento, discese, e lo vidi andare di vaso in vaso sino all’ultimo; poi l’oscurità della notte me lo fece perdere di vista. Stetti ancora ad osservare per qualche tempo, e veduto che più non tornava, non dubitai non fosse fuggito pel giardino, disperato della mal riuscita della sua impresa. Persuasa adunque che ormai la casa fosse sicura, mi coricai. —

«Terminando, Morgiana soggiunse: — Ecco la storia che mi chiedeste, ed io sono convinta ch’essa sia la conseguenza d’un’osservazione da me fatta da due o tre giorni, e di cui non credetti dovervi parlare. Una volta, tornando di buon mattino dalla città, vidi che la porta di casa era stata marcata di bianco, ed il giorno dopo di rosso, vicino al segno bianco; ed ogni volta, senza sapere a qual fine fossero stati fatti quei segni, io aveva marcato nella stessa guisa e nel sito medesimo due o tre porte de’ nostri vicini, al di sopra e al di sotto della nostra. Se voi connettete ciò con quanto è ora accaduto, troverete che ogni cosa venne macchinata dai ladroni della foresta, de’ quali non so perché la banda sia scemata di due. Comunque sia, eccola ridotta a tre al più. Ciò dimostra che avevano giurato la vostra ruina, e che sarà bene tenervi in guardia, sinchè sia certo che ne resti qualcuno al mondo. Io intanto non dimenticherò nulla per vegliare, come vi sono obbligata, alla vostra conservazione. —

«Allorché Morgiana ebbe finito il suo discorso, Alì Baba, commosso per la grande obbligazione che le doveva, disse: — Io non morrò se non t’abbia ricompensata come meriti. Ti devo la vita; e per cominciare a darti un segno di riconoscenza, ti dò sin da questo istante la libertà, aspettando di mettervi il colmo nella maniera che mi propongo. Convengo con te che i quaranta ladroni m’abbiano tese queste insidie. Iddio me ne liberò per tuo mezzo, e spero vorrà continuare a preservarmi dalla loro malvagità, e terminando di sviarla dal mio capo, liberare il mondo dalle loro persecuzioni e dalla maladetta loro genìa. Or ne resta a sotterrare al più presto i cadaveri di questa peste del genere umano, con tanto segreto, che niuno sospettar possa del loro destino; io corro a lavorarvi con Abdalla. —

 

Nouvelle imagerie d’Epinal   :  tra il 1874 e il 1888
Rijksmuseum – http://hdl.handle.net/10934/RM0001.COLLECT.534196

 

 

NOTTE CCCLXXIII

— Sire,» ripigliò la domane Scheherazade, «il giardino di Alì Baba era di molta lunghezza, e terminato da piante altissime. Senza differire, andò egli dunque sotto quelle piante, col suo schiavo, a scavare una fossa lunga e larga in proporzione de’ cadaveri che vi dovevano seppellire; il terreno era facile a smuovere, e non misero molto tempo a finirla. Trassero allora fuor degli otri i morti, e poste a parte le armi ond’eransi muniti i ladroni, li trasportarono nel giardino, disponendoli nella fossa, e copertili colla terra che ne aveano levata, ne dispersero il resto nei dintorni, per modo che il terreno apparve eguale come prima. Alì Baba fece poi nascondere diligentemente i vasi dell’olio e le armi, e quanto ai muli, non avendone allora bisogno, li mandò a più riprese al mercato, ove li fece vendere per mezzo del suo schiavo.

«Mentre Alì Baba prendeva tutte queste misure per togliere alla cognizione del pubblico il mezzo pel quale erasi in sì poco tempo arricchito, il capitano de’ quaranta masnadieri era tornato alla selva pieno d’inconcepibile amarezza; e nell’agitazione o piuttosto confusione che lo dominava per la sgraziata riuscita dell’impresa, tanto contraria alle sue speranze, rientra nella grotta, senza aver potuto fermarsi, per via, ad alcuna risoluzione su ciò che dovesse tentare contro Alì Baba. «La solitudine da cui trovossi circondato in quella tetra dimora, gli parve tremenda.

«— Brava gente,» sclamò, «compagni delle mie veglie, delle mie corse e delle mie fatiche, dove siete? Che posso io fare per voi? Vi aveva io adunati e scelti onde vedervi perire tutti in una volta, per un destino si fatale ed indegno del vostro coraggio? Meno amaro sarebbe il mio cordoglio se foste morti colla sciabola in pugno da valorosi. Quando avrò io raccolta una nuova masnada di gente destra come voi? E quando pur il volessi, potrei intraprenderlo, e non esporre tanto oro, tanto argento, tante ricchezze, in preda a colui che se n’è già arricchito in parte? Non posso, né devo pensarvi, se prima non l’abbia tolto di mezzo. Ciò che non ho potuto fare con soccorso possente, lo tenterò io solo; e quando avrò per tal guisa provveduto acciò il tesoro non sia più esposto al saccheggio, allora lavorerò a fare che non rimanga senza successori, né padroni dopo di me, e che si conservi ed accresca per tutta la posterità. —

«Presa tale risoluzione, ei non fu imbarazzato a cercare i mezzi di effettuarla; allora, pieno di speranza, e collo spirito tranquillo, passò chetamente la notte.

«Alla domane, il capitano de’ masnadieri, destatosi di buon’ora, com’erasi proposto, si vesti civilmente, conforme al disegno meditato, venne alla città, prese alloggio in un khan, ed aspettandosi che quanto era accaduto in casa di Alì Baba potesse aver fatto rumore, domandò al custode, per modo di conversazione, se non ci fosse qualche cosa di nuovo nella città; colui gli parlò d’ogni altra cosa fuor di quella che importavagli di sapere.

Giudicò egli di qui che la ragione, per la quale Alì Baba custodiva l’importante segreto, provenisse perché questi non voleva fosse divulgata la cognizione, cui solo possedeva, del ]tesoro e del mezzo di entrarvi, e perché non ignorava essere questa cognizione la causa per cui si attentava alla sua vita. La qual cosa animollo vie maggiormente a nulla trascurare per disfarsi di lui per la medesima via del segreto.

«Provvidesi egli allora d’un cavallo, di cui si servì per trasportare al suo alloggio varie sorta di preziose stoffe e tele fine, facendo ripetuti viaggi alla foresta, colle precauzioni necessarie per tenere nascosto il luogo dove andava a prenderle. Per ismerciar quindi le mercanzie, ammassata che n’ebbe quantità sufficiente, cercò una bottega, e trovatala, la prese in affitto, la empi delle sue robe, e venne a stabilirvisi. Li bottega trovossi per caso rimpetto a quella appartenuta a Cassim, ed occupata da poco dal figliuolo di Alì Baba.

 

Illustrazione dalle Notti Arabe-
William Strang (1859-1921) –

 

 

«Il capitano de’ ladroni, il quale aveva preso il nome di Kodjah Hussain, non mancò, come nuovo venuto, di fare le sue civiltà; secondo l’uso, ai mercanti vicini. Ma siccome il figlio di Alì Baba era bel giovane, né mancante di spirito, ed aveva più di sovente occasione di parlargli ed intertenersi seco lui che non cogli altri, si legò in breve d’amicizia con esso. Si diede anzi a coltivarlo più assiduamente, quando, tre o quattro giorni dopo ch’erasi colà stabilito, potè riconoscere Alì Baba, il quale, venuto a trovare il figliuolo, si fermò a conversare con lui, come soleva fare di tempo in tempo, ed ebbe dal figlio medesimo saputo, dopo la partenza di questi, essere suo padre. Crebbe quindi di sollecitudini presso di lui; lo accarezzò, gli fece alcuni regalucci, ed invitollo più volte a pranzo.

«Il figlio di Alì Baba non volle aver tante obbligazioni a Kodjah Hussain senza rendergli la pariglia. Ma egli era alloggiato non troppo agiatamente, e non aveva gli stessi comodi per trattarlo come desiderava; parlò del suo disegno al padre, facendogli osservare non sarebbe stata cosa urbana di rimaner più a lungo senza contraccambiare le gentilezze di Kodjah Hussain.

«Ali Baba incaricossi con piacere del trattamento.

«— Figliuolo,» gli disse, «domani è venerdì, ed essendo giorno nel quale i mercanti all’ingrosso, come Kodjah Hussain e voi, tengono chiuse le botteghe, andate con lui al passeggio, e tornando, fate in modo di passare da casa mia ed indurlo ad entrarvi. Sarà meglio far così, che non invitandolo nelle forme. Vado intanto ad ordinare a Morgiana di allestire la cena, e tenerla preparata. —

«Il venerdì, il figliuolo di Alì Baba e Kodjah Hussain trovaronsi il dopo pranzo nel sito del convegno, ed andati al passeggio, nel ritornarne, siccome il primo avea cercato di far passare il finto mercante per la contrada nella quale dimorava il padre, giunti davanti alla sua porta, lo fermò, e bussando: — È questa,» gli disse, «la casa di mio padre, il quale, dall’esposizione che gli feci dell’amicizia onde mi onorate, m’incaricò di procurargli il vantaggio della vostra conoscenza. Vi prego di aggiungere questo piacere a tutti gli altri, de’ quali vi son debitore. —

«Sebbene Kodjah Hussain fosse così pervenuto allo scopo propostosi, ch’era di poter entrare in casa di Alì Baba, e togliergli la vita senza arrischiare la propria, non facendo strepiti, non tralasciò nondimeno di scusarsi e fingere di congedarsi dal figliuolo; ma siccome lo schiavo di Ali Baba aveva già aperta la porta, il giovane lo prese cortesemente per mano, ed entrando pel primo, lo tirò seco, forzandolo, in certo modo, ad entrare suo malgrado.»

 


Apriti Sesamo
Charles Taylor – Library of Congress Catalog: https://lccn.loc.gov/2012648517

 

 

NOTTE CCCLXXIV

— Alì Baba ricevette Kodjah Hussain a viso aperto, e colla più buona accoglienza che potesse mai desiderare. Lo ringraziò della bontà usata al figlio, e: — L’obbligo,» soggiunse, «ch’ei ve ne deve e che vi professo anch’io, è di tanto maggiore, in quanto che egli è un giovine inesperto ancora degli usi del mondo, e voi non isdegnate di contribuire a formarlo. —

«Hussain rese ad Ali Baba complimento per complimento, assicurandolo che se suo figlio non aveva ancora acquistata l’esperienza dell’età, aveva però un buon senso che tenevagli luogo dell’assennatezza di molti vecchi.

«Dopo un dialogo di breve durata sopra altri argomenti indifferenti, volea Kodjah Hussain partire; ma Alì Baba, fermandolo: — Dove volete andare, signore?» gli disse. «Vi prego di farmi l’onore di cenar con me; il pasto che voglio darvi è molto inferiore ai vostri meriti, ma qual è, spero lo gradirete con altrettanto buon cuore quanta è la mia intenzione di offrirvelo.

«— Signor Alì Baba,» riprese Kodjah Hussain, «sono persuasissimo del vostro buon cuore, e se vi domando in grazia che non vi dispiaccia se me ne vado senza accettare la vostra cortese esibizione, vi supplico a credere che nol faccio per inciviltà, né per disprezzo, ma sol perchè ne ho una ragione, cui approvereste se vi fosse nota.

«— E quale può esser mai questa ragione, o ]signore?» rispose Alì Baba. «È lecito domandarvela? — Posso dirla,» replicò Kodjah Hussain, «ed è che non mangio carne, né intingolo ove sia sale; arguite voi stesso la trista figura che farei alla vostra tavola.

— Se non avete altra ragione,» insistè Alì Baba, «essa non deve privarmi dell’onore di possedervi a cena, a meno che non lo vogliate assolutamente. In primo luogo, non v’ha sale nel pane che si mangia in casa mia; e quanto alle carni ed agl’intingoli, vi prometto che non ve ne sarà in ciò che vi verrà posto davanti; corro a darne l’ordine. Fatemi dunque la grazia di trattenervi; sono subito da voi. —

«Alì Baba andò in cucina, ed ordinò a Morgiana di non metter sale sulle carni che dovea servire in tavola, e preparare in fretta due o tre intingoli tra quelli che avea già comandati, in cui non fosse sale.

«Morgiana, la quale stava per mettere in tavola, non seppe frenarsi dal dimostrare il suo malcontento a quel nuovo ordine, e dallo spiegarsene chiaro col padrone. — Chi è dunque,» gli disse, «quest’uomo tanto difficile, che non mangia sale? La vostra cena non sarà più buona se ritardo a servirla.

«— Non andar in collera, Morgiana,» rispose Alì Baba; «è un galantuomo. Fa quello che ti dico. —

«Obbedì Morgiana, benchè mal volentieri, e venuta in curiosità di conoscere l’uomo che non mangiava sale, quando ebbe terminato, ed ammannita da Abdalla la tavola, lo aiutò a recare le vivande; ma guardando Kodjah Hussain, lo riconobbe subito, adonta del suo travestimento, pel capitano de’ masnadieri, ed esaminatolo con attenzione, si avvide che celava sotto l’abito un pugnale.

— Non mi maraviglio più,» disse allora fra sè, «che lo scellerato non voglia mangiar sale col mio padrone! è il suo più fiero nemico, e vuol assassinarlo; ma io ne l’impedirò.

—«Finito ch’ebbe Morgiana di servire in tavola e di farla servire per mezzo di Abdalla, colse il tempo mentre cenavano, e fece i preparativi necessari per l’esecuzione d’un colpo de’ più arditi; avea già compita ogni cosa, allorché Abdalla venne ad avvertirla che attendevansi la frutta. Reca le frutta, e quando lo schiavo ebbe levato quanto stava sulla tavola, ve le dispone.

Poscia mette accanto ad Ali Baba un tavolo, e su questo il vino con tre tazze; ed uscendo, conduce seco Abdalla come per andar a cenare insieme, e lasciar ad Alì Baba, secondo l’uso, la libertà di conversare e divertirsi piacevolmente coll’ospite, e farlo ber bene.

«Stimò allora il falso Kodjah Hussain, o piuttosto il capitano de’ quaranta ladroni, giunta l’occasione di togliere la vita ad Alì Baba. — Ora,» disse fra sé, «ubbriacherò il padre ed il figlio, e questi, al quale pur voglio lasciare la vita, non m’impedirà di piantare il pugnale nel cuore di suo padre; indi fuggirò pel giardino, come già feci l’altra volta, mentre la cuoca e lo schiavo non avranno ancor finito di cenare, oppure si saranno addormentati in cucina. —

 

John D.  Batten – 1915

 

 

«Invece di cenare, Morgiana, penetrando il pensiero del finto Kodjah Hussain, non gli diede il tempo di mettere in esecuzione la sua perfidia; vestitasi di un abito graziosissimo di ballerina, e presa un’acconciatura conveniente, si cinse una cintura d’argento dorato, alla quale attaccò un pugnale con fodero e manico dello stesso metallo, «quindi coprissi il volto con una maschera. Così travestita, disse allo schiavo: — Abdalla, prendi il tuo tamburello, ed andiamo dal padrone a dare all’ospite, all’amico di suo figliuolo, il divertimento che talvolta diamo a lui stesso. —

«Prende Abdalla lo strumento, comincia a suonarlo camminando dinanzi a Morgiana, e presentasi in sala, mentre questa, entrando dietro a lui, fa una profonda riverenza con aria franca, come per domandar licenza di mostrare la propria abilità.

«Siccome Abdalla vide che il padrone voleva parlare, cessò di battere il tamburello, e questi: — Entra, Morgiana, entra,» le disse; «Kodjah Hussain giudicherà di quello onde sei capace, e ce ne dirà il suo parere. Almeno, o signore,» soggiunse, volgendosi al finto negoziante, «non crediate ch’io entri in ispese per darvi questo bel divertimento. Me lo trovo in casa, e vedete che sono il mio schiavo e la mia cuoca e spenditrice a un tempo, quelli che me lo danno. Spero che non vi spiacerà. —

«Kodjah Hussain non si attendeva che Alì Baba fosse per aggiungere quel divertimento alla cena onde l’onorava, e ciò gli fece temere di perdere l’occasione ch’ei credeva aver trovata. Ad ogni evento però, si consolava della speranza di poterla rinvenire in breve, continuando a coltivare l’amicizia del padre e del figlio. Laonde, benchè avesse preferito che Alì Baba si fosse compiaciuto di non darglielo, finse nondimeno di mostrategliene grato, ed ebbe la condiscendenza di dichiarargli che se ne sarebbe divertito anch’egli.

«Allorché Abdalla vide che Alì Baba e Kodjah Hussain avevano cessato dai loro discorsi, ricominciò a suonare lo strumento ed accompagnarlo colla voce sopra un’arietta da ballo; e Morgiana, la quale non la cedeva a veruna danzatrice di professione, ballò in modo da farsi ammirare, anche da tutt’altra compagnia di quella alla quale dava tale spettacolo, ed in cui forse non eravi che il falso Kodjah Hussain che vi facesse poca attenzione.

«Ballate ch’ebbe varie danze colla stessa grazia e la forza medesima, trasse finalmente dal fodero il pugnale, e tenendolo in mano, ne ballò una in cui giunse a superar sè medesima per le figure diverse, [i leggeri movimenti, i salti sorprendenti con gli sforzi maraviglisi con cui seppe accompagnarla, ora brandendo il pugnale come per ferire, ora fingendo di piantarselo nel seno.

«Infine, come fuor di respiro, strappò ad Abdalla il suo tamburello colla sinistra, e brandendo sempre colla destra il pugnale, andò a presentare l’istrumento dalla parte concava ad Alì Baba, ad imitazione dei ballerini e ballerine di mestiere, che usano così per sollecitare la liberalità degli spettatori.

«Alì Baba gettò nel tamburello di Morgiana una moneta d’oro; colei si volse quindi al giovane, che seguì l’esempio del padre. Kodjah Hussain, vedendo ch’essa stava per presentarsi anche a lui, avea già tratta dal seno la borsa per farle il suo regalo, e vi metteva la mano, allorchè Morgiana, con un coraggio degno della fermezza e risoluzione sin allora spiegate, gli ficcò nel cuore il pugnale tanto addentro, che non lo ritrasse se non dopo averlo spento.»

 

Edmund Dulac – Stories from the Arabian nights, Laurence Housman transl. Edmund Dulac illustr. New York: Hodder and Stoughton. 1907

 

 

NOTTE CCCLXXV

Il giorno già stava per ispuntare, quando Dinarzade destò la sorella. — Per fortuna,» disse la sultana, «siamo alla fine del racconto, e credo d’aver il tempo di finirlo.» E voltasi al consorte:

— Sire,» continuò, «Alì Baba ed il figlio di lui, spaventati da quell’azione, mandarono un altissimo grido. — Ah, sciagurata!» sclamò il primo; «che cosa hai fatto? È forse per rovinar me colla mia famiglia? «— Non già per rovinarvi,» rispose Morgiana; «il feci per la vostra salvezza. —

«Aprendo allora la veste di Kodjah Hussain, e mostrando ad Alì Baba il pugnale ond’era armato: — Guardate,» disse, «qual fiero nemico è costui, e fissatelo ben in volto: in lui riconoscerete il falso mercante d’olio ed il capitano de’ quaranta ladroni. E non considerate anche ch’ei non volle mangiar sale con voi? Ci voleva di più onde persuadervi dell’iniquo suo disegno? Era già entrata in sospetto sin dal momento in cui mi faceste conoscere di avere un simile convitato. L’ho poi veduto, e ben iscorgete che mal fondato non era il mio sospetto. —

«Alì Baba, riconoscendo il nuovo obbligo che doveva alla donna, per avergli salvata una seconda volta la vita, l’abbracciò, e le disse: — Morgiana, ti ho data la libertà, ed allora ti promisi che la mia riconoscenza non si sarebbe limitata a ciò, e vi avrei fra poco posto compimento. Il tempo è venuto, ed io ti faccio mia nuora.» Poi, volto al figlio: «Giovane,» proseguì, «io vi credo abbastanza buon figliuolo per non trovare strano ch’io vi dia in moglie Morgiana senza consultarvi. Voi non le dovete minori obbligazioni di me. Vedete che Kodjah Hussein non avea ricercata la vostra amicizia se non nella mira di riuscir meglio a togliermi la vita col tradimento; e se vi fosse riuscito, non dovete dubitare che avrebbe sacrificato anche voi alla sua vendetta. Considerate di più che, ammogliandovi a Morgiana, sposate il sostegno della mia famiglia finché vivrò, e l’appoggio della vostra sino alla fine dei vostri giorni. —

«Il figlio, ben lungi dall’attestarne verun malcontento, dimostrò com’ei consentisse a quel matrimonio, non tanto per obbedire al padre, quanto per esservi indotto dalla propria inclinazione.

«Si pensò poi a’ sotterrare il corpo del capitano  accanto a quelli dei trentasene ladroni, e ciò pur si fece con tal segretezza, che non fu saputo se non dopo molti anni, quando niuno più era interessato nella pubblicazione di questa memorabile storia.

«Pochi giorni appresso, Alì Baba celebrò le nozze del figliuolo con Morgiana con grande solennità, dando una splendida festa, accompagnata da danze, da spettacoli e dai consueti divertimenti; ed ebbe la soddisfazione di vedere che i suoi amici ed i vicini da lui invitati, senza conoscere i veri motivi di quel matrimonio, ma che d’altronde non ignoravano le belle e buone qualità di Morgiana, lo lodavano altamente della sua generosità e del suo buon cuore.

«Dopo il matrimonio, Alì Baba, astenutosi di tornare alla grotta, sin da quando ne aveva tratto il cadavere del fratello Cassim sopra uno de’ suoi tre asini, coll’oro ond’erano carichi, temendo di trovarvi i ladroni od esservi sorpreso, se ne astenne ancora dopo la morte de’ trentotto masnadieri, compresovi il capitano, nella supposizione che i due altri, de’ quali eragli ignoto il destino, fossero tuttora in vita. Ma scorso un anno, e visto che non erasi tentata alcuna cosa per inquietarlo, ebbe la curiosità di farvi un viaggio, prendendo le precauzioni necessarie per la propria sicurezza. Montato dunque a cavallo, e giunto vicino alla caverna, prese buon augurio non accorgendosi di vestigio alcuno d’uomini, né di cavalli. Messo piede a terra, attaccò ad un albero il destriero, e presentandosi davanti alla porta, pronunciò le parole: «Sesamo, apriti!» da lui non dimenticate. La porta spalancossi, egli entrò, e lo stato in cui trovò tutte le cose, gli fecero giudicare niuno esservi entrato dal tempo circa che il falso Kodjah Hussain era venuto ad aprir bottega nella città, e che così la masnada de’ quaranta ladroni era scomparsa.

 

 

 

Edizione: Anonimo. Le Mille ed una NottiNovelle arabe. Livorno, Giacomo Antonelli e C., 1852. Fonte: Internet Archive

 

ILLUSTRAZIONI TUTTE DA:

https://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Ali_Baba?uselang=it

Pubblicato in GENERALE | Lascia un commento

ANTONO GNOLI, Gustavo Zagrebelsky: “La mia vita da giurista, attento alla democrazia, all’etica del dubbio e alla vita delle persone” -REPUBBLICA  14 LUGLIO 2013

 

 

In vacanza a San Pietroburgo a gennaio, alla scoperta delle sue mille luci

SAN PIETROBURGO A GENNAIO –
https://www.agendaviaggi.com/san-pietroburgo-a-gennaio/

 

 

REPUBBLICA  14 LUGLIO 2013
https://www.repubblica.it/cultura/2013/07/14/news/gustavo_zagrebelski_la_mia_vita_da_giurista_attento_alla_democrazia_all_etica_del_dubbio_e_alla_vita_delle_persone-62946625/

 

Gustavo Zagrebelsky: “La mia vita da giurista, attento alla democrazia, all’etica del dubbio e alla vita delle persone”

 

 

Le origini russe, Bobbio, il diritto. Parla l’ex presidente della Consulta

 

 

Fiume Dora, sullo sfondo il Campus universitario Luigi Einaudi. Fotografia di Angela Caterini, 2015
FOTO:  https://www.museotorino.it/view/s/0af77f2f7ff7425aa48a6d77e7447326

 

L’appuntamento con Gustavo Zagrebelsky è nella nuova università torinese che accoglie Giurisprudenza e Scienze politiche. Il campus, dedicato a Luigi Einaudi, ha un’aria sinuosa e trasparente. Colpisce il tetto che sembra l’enorme guscio di una tartaruga. Il professore mi attende all’ingresso. Non c’è nulla di formale, come ci si aspetterebbe da un grande giurista. Noto che tra le mani stringe un libro: una raccolta di saggi dedicata al Grande Inquisitore. Mi informa che sull’argomento sta preparando un libro e che della tantissime interpretazioni che sono state offerte delle pagine di Dostoevskij quella che lo ha maggiormente convinto è del teologo Dietrich Bonhoeffer. Penso alla sua morte avvenuta in un campo di concentramento nazista per impiccagione. E al fatto che lì, in quell’aprile del 1945, l’inquisitore prese il volto di un tiranno folle e crudele che ne decretò la condanna a morte.

 

Questa sua predilezione per Dostoevskij da cosa nasce?
“Dal senso di inquietudine e di confessione che attraversa i suoi romanzi. Più mi addentro nei suoi personaggi e più resto turbato dall’impasto di abiezione e salvazione che essi restituiscono”.

 

È la duplicità della natura umana.
“Che non trovo per esempio in Tolstoj, il quale ci regala dei bellissimi monumenti classici, mentre in Dostoevskij si avverte un tormento continuo. Non credo sia secondario che egli scrivesse sotto l’assillo dei debiti”.

 

Detto da un giurista è curioso.
“Perché? Dostoevskij era attento non tanto alle dottrine generali ma alla condizione umana; seguiva i processi e descriveva i comportamenti degli avvocati, degli imputati e dei giudici. Anche un giurista non può ignorare la vita delle persone”.

 

Non dovrebbe occuparsi di norme generali e astratte?
“Certo, ma il diritto giusto non esiste in assoluto. Il suo dramma è che la norma pura e semplice può agire con violenza sulla condizione particolare, ma al tempo stesso la singolarità delle situazioni può distruggere la norma”.

 

E allora?
“La discussione resta aperta. Pascal diceva che alla legge si ubbidisce perché è legge”.

 

E se la legge è ingiusta?
“Se si introduce un elemento di valutazione di giustizia il rischio è la distruzione dell’ordine, perché ciascuno può dire: la legge è ingiusta e io non obbedisco. È una vecchia questione”.


Talmente antica da risalire ad Antigone?

“Quella tragedia è una delle grandi fonti di ispirazione del diritto. Antigone ne rappresenta il lato tradizionale, il sangue, il genos, gli dèi; mentre Creonte è la legge modernizzatrice e artificiale. Credo ci sia bisogno di entrambi gli aspetti. Se uno dei due si libera dell’altro, il diritto può diventare uno strumento pericoloso. Il compito del giurista si svolge lì in mezzo”.

 

Per fare esattamente cosa?
“Per difendere la duplicità. Mi sono formato in questa università e la mia impostazione era forgiata sui principi di Hans Kelsen. Mi sembrava un sistema perfetto. Ma le norme possono essere equivoche. Interpretabili. Ed ecco allora il bisogno di andare oltre Kelsen”.

 

E quindi oltre Bobbio?
“Bobbio fu un pilastro di questa università e vide in Kelsen un punto di riferimento fondamentale. Ma lui, che si definiva positivista aggiungeva che era un positivista inquieto”.

 

È stato uno dei suoi maestri?
“È stato un mio professore ammiratissimo e ricordo che le sue lezioni erano belle anche esteticamente. Però il mio vero maestro fu Leopoldo Elia, che insegnava diritto costituzionale”.

 

Perché ha scelto il mondo del diritto?
“Mi piacerebbe risponderle: per convinzione e decisione. In realtà fu per caso. L’iscrizione a giurisprudenza avvenne perché ritenevo fosse una facoltà non molto complicata e in grado di aprire molte strade. Mio padre voleva che prendessi ingegneria. Mi portò da un suo amico, un celebre fisico russo che abitava a Torino e si chiamava Gleb Wataghin. Aveva fatto costruire nel suo laboratorio un acceleratore di particelle. Era un ometto vulcanico. Davanti a quell’acceleratore restai muto. Non sapevo cosa chiedere. E Wataghin disse a mio padre: tutto, ma non la fisica!”.

 

Il caso ha governato spesso la sua vita?
“Quasi sempre. È incredibile come io mi sia inserito nelle situazioni senza nessun particolare progetto. Devo aggiungere che ho avuto una vita professionale molto fortunata. E mi considero un uomo libero che, con un certo tormento, si illude di fare al momento la cosa giusta”.

 

E quali sono i suoi tormenti?
“Non essere abbastanza chiaro in quel che dico o scrivo. Poi ci sono i tormenti più personali. A me pesa moltissimo per esempio dire qualcosa che possa dispiacere a qualcuno col quale ho un buon rapporto. E questo tanto più, in quanto viviamo in un tempo in cui la gente si offende facilmente.Davanti a certe reazioni anch’io, a volte, non so trattenermi”.

 

Nel senso?
“Contrariamente a quello che si vede sono un iracondo. Però cerco di tenere sotto controllo gli scoppi d’ira. Ritrovo in me molto di mio padre. L’ira, insieme alla vodka e al gioco, è una caratteristica del popolo russo”.

 

Lei ha origini russe?
“La mia famiglia proveniva da San Pietroburgo. I miei nonni erano in vacanza a Nizza nel 1914 quando scoppiò la guerra e furono chiuse le frontiere. Mio padre era nato nel 1909, quindi all’epoca era un bambino. Poi, quando ci fu la rivoluzione in Russia il nonno, che era ufficiale a Mosca, riuscì a rientrare.Di lui per anni non avemmo più notizie. Salvo poi ricomparire con nostra sorpresa. Il regime sovietico lo espulse come persona inutile e non gradita”.

 

E suo padre cosa faceva?
“Per dare una mano alla famiglia all’inizio fece il garzone di un ciabattino. Poi nella comunità russa di Nizza ci fu una spaccatura. Noi emigrammo a San Remo.Circolava in famiglia la storiella che la nonna era convinta di aver trovato il sistema per sbancare il casinò. Naturalmente dilapidò quel poco di gioielli che ci era rimasto. Mio padre, al quale non mancavano le risorse, si mantenne agli studi di Economia e Commercio con una serie di lavoretti, tra cui la composizione di brevi racconti che spediva al Corriere Mercantile di Genova, spacciandoli come novelline di Gogol da lui tradotte”.

 

Iracondo e intraprendente.
“Era dotato di quel fascino russo che ha quasi sempre un fondo dissipativo. Di lui, una specie di gagà senza un soldo, si innamorò perdutamente mia madre, una valdese che veniva dalla Val Chisone”.

 

Val Chisone, vista dal Forte di Finestrelle

VAL CHISONE :
https://nonsoloturisti.it/2013/01/sotto-la-luna-piena-in-val-chisone/

 


Cos’è l’ira?

“Spinoza la mette tra le passioni tristi. Per dirla con il mio amato Dostoevskij è la prova che il nostro impasto è fatto di cose belle e pessime”.

 

Un giurista non dovrebbe misurarsi più con Kafka che con Dostoevskij?
“Non dimentichi le mie origini. In entrambi troviamo l’angoscia, l’assurdo, il nulla, la spersonificazione. Ma mentre in Kafka sembra esserci la resa, in Dostoevskij c’è la resistenza. Kafka è già precipitato; Dostoevskij è sul crinale dell’abisso. Uno parla di una società minacciata dal nulla l’altro di una società vinta dal nulla. Come giurista mi interessa più Dostoevskij”.

 

Forse anche per la drammatizzazione del problema di Dio. Si nota in lei un interesse per i testi biblici.
“In effetti, ho una certa propensione. Ho perfino dedicato tre anni, nel tempo libero dall’attività alla Corte Costituzionale, alla traduzione di un grande testo di Chaim Cohn che ha studiato i resoconti evangelici dal punto di vista ebraico. Mi è servito come esercizio d’autodisciplina per resistere alla tentazione di trasformarmi in giurista tutto di un pezzo”.

 

Anche interessarsi di democrazia è un modo per uscire dallo specialismo giuridico?
“Un giurista non ha solo la legge di cui occuparsi. Un tempo si poteva teorizzare la democrazia come il miglior modo di convivenza, adesso si rischia di dire le stesse cose dando l’impressione di fare una predica”.

 

Evitando la predica, c’è un aspetto della democrazia al quale non possiamo rinunciare?
“Credo che la sua essenza consista nell’allontanare giorno dopo giorno il momento dei coltelli. Parlando, discutendo, confrontandosi e anche confliggendo sugli interessi ma sempre fermandosi un attimo prima che si sfoderino i pugnali. Perciò abrogare l’idea di democrazia significa legittimare il sopruso”.

 

Vent’anni fa non si sarebbe posto il problema in questi termini.
“Non ne sarei così sicuro. È un paese il nostro che non ha quasi mai saputo discutere”.

 

Viviamo nell’età del disprezzo?
“Siamo passati dall’ammirazione per il potere all’invidia e alla conseguente frustrazione. Oggi non si invidia più ma si disprezza. La società si è divisa tra i molti che disprezzano e i pochi che sono disprezzati”.

 

Chi sono i pochi?
“Sono le oligarchie che un tempo erano nascoste e oggi sono percepite come tali”.

 

Ovvero gli inammissibili privilegi di cui ancora godono?
“Sono mondi – finanziari e politici – chiusi all’esterno e molto litigiosi al loro interno. Da qui ne consegue quello che per me è diventato il chiodo fisso: aprire il mondo dei piccoli numeri ai grandi numeri, immettere energie sociali nuove in questo mondo chiuso”.

 

La democrazia è ancora dubbio?
“Mi ribello all’idea che chi professa l’etica del dubbio sia un nichilista”.

 

Magari è solo un relativista.
“Non trovo sia un insulto, se relativismo significa atteggiamento non dogmatico e pluralistico, non sia cioè l’alternativa secca tra vero e falso, amico e nemico. L’etica del dubbio si fonda sulla premessa che la verità esiste ma che nessuno la può afferrare completamente e che però esistendo non è insensato cercarla”.

 

Un atto di fede.
“No, una dimensione terza che un tempo era Dio, poi lo Stato. Oggi quel terzo dobbiamo crearlo dal basso”.

 

Sembra affiorare l’anima russa.
“Non mi dispiacerebbe. Provengo da una famiglia con una lunga storia alle spalle. Noi, i figli, sappiamo poco anche di quella che, poi, è stata la vita di esuli, tra la Costa Azzurra e la riviera ligure. Sembra quasi che volutamente si sia steso un velo di oblio su vicende dolorose che sarebbe stato molto interessante cercare di riportare alla luce. In fondo, si è trattato d’una sia pur piccola scheggia di una grande storia europea”.

 

E cosa le fa venire in mente?
“Penso a nostro padre che riposa vicino a nostra madre nel piccolo cimitero di San Germano Chisone, in terra valdese. Chi si aspetterebbe mai di trovare lì, su una lapide, la croce ortodossa? Quante vicende, traversie, dolori, sradicamenti e nuovi radicamenti; quanta storia!”.

 

Quando dice figli allude a lei e a suo fratello?
“In realtà siamo in tre. Io, quello che una volta si diceva “il più piccolo”. Poi, Vladimiro, giurista anche lui, di tre anni più vecchio di me. Il più grande di tutti è Pierpaolo, non giurista, che ci protegge”.

 

Da cosa?
“Dall’ipertrofia giuridica”.

 

VAL CHISONE — PIANTINA DELLA VALLE

Gli abitanti della Val Chisone chi sono? – Portale della Val Chisone e Germanasca PineroleseDA : https://www.google.com/url?sa=i&url=https%3A%2F%2Fwww.valchisone.it%2Fgli-abitanti-della-val-chisone-chi-sono%2F&psig=AOvVaw3lGUd4yDQeoeGsotb6UYso&ust=1670083464501000&source=images&cd=vfe&ved=0CAMQjB1qFwoTCODY–6n2_sCFQAAAAAdAAAAABAY

 

 

Val Chisone - WikipediaVAL CHISONE – WIKIPEDIA

Pubblicato in GENERALE | Lascia un commento

mario e didì — nanna nanna ..

 

 

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona, cane e spazio al chiuso

Pubblicato in GENERALE | Lascia un commento

Gabriele Corno @Gabriele_Corno — 10.19 — 2 dicembre 2022 — sono tutti bellissimi !

 

Un elefantessa dà alla luce nella riserva Masai Mara in Kenya sotto la pioggia

Pubblicato in GENERALE | Lascia un commento

CORUMBA’ -MATO GROSSO DO SUL- BRASILE — Edifici storici + + Video, 8 min ca — IL PANTANAL, 200.000 km 2 :: la più grande palude del mondo- PATRIMONIO UNESCO

 

 

File:Prédios no Porto Geral, Corumba MS.jpg

https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Pr%C3%A9dios_no_Porto_Geral,_Corumba_MS.jpg

 

Porto Geral, Corumbá, Sig

 

 

 

Mappa del Pantanal in Brasile, Bolivia e Paraguay © Pantanal Escapes

CORUMBA’.MATO GROSSO DEL SUD — NEL PANTANAL– vedi in piccolo, dove si trova dentro il Brasile

 

 

Vecchi edifici storici ed eleganza sbiadita lungo il lungofiume di Porto Geral di Corumbà. Questi sono in progressivo restauro e risalgono all’era pre-ferroviaria e pre-stradale quando Corumbá fungeva da “emporio” del territorio del Mato Grosso. Questo è il vecchio edificio Casa Vasquez & Sons (fotografato prima del restauro) che ora è il Memorial do Homem Pantaneiro.

 

Porto Geral

 

 

Porto Geral

 

 

 

Corumbà, zona del porto  fluviale

 

 

Pantanal City Corumba Mato Grosso Do Stock Photo 1541099744 | Shutterstock

 

 

Corumba brazil hi-res stock photography and images - Alamy

 

 

Port of corumba hi-res stock photography and images - Alamy

 

 

se vuoi vedere qualcosa sul Pantanal, 

c’è un bel video di 8 min. ca:

 apri qui:

IL PANTANAL BRASILIANO –VIDEO WWF — 8 minuti ca + testo, wiki + alcune foto

https://www.neldeliriononeromaisola.it/wp-admin/revision.php?revision=415442#:~:text=IL%20PANTANAL%20BRASILIANO%20%2D%2DVIDEO%20WWF%20%2D%2D%208%20minuti%20ca%20%2B%20testo%2C%20wiki%20%2B%20alcune%20foto

 

Pubblicato in GENERALE | Lascia un commento

Mauro Biani @maurobiani – 17.01 — 1 dicembre 2022 — grazie !

 

#braccianti #dignità #lavoro #sfruttamento

#caporalato #diritti #ghetto

Tutto a posto. Oggi su  @repubblica

 

 

 

Pubblicato in GENERALE | 1 commento

video, 2.09 — GIGI PROIETTI E L’ORANGO — + un’altra che segue volendo..

 

Pubblicato in GENERALE | 1 commento

Totò e la lettera all’ignorante cafone (dal film Miseria e Nobiltà).mp4 + testo sotto

 

 

Pubblicato in GENERALE | 1 commento

+++ GUSTAVO ZAGREBELSKY, Quanto sono pericolosi i valori maneggiati dai potenti della Terra — REPUBBLICA – 12 APRILE 2022

 

 

REPUBBLICA DEL 12 APRILE 2022
https://www.repubblica.it/cultura/2022/04/12/news/
ucraina_idee_gustavo_zagrebelsky_quanto_sono_
pericolosi_i_valori_maneggiati_dai_potenti_della_terra-345238175/

 

Quanto sono pericolosi i valori maneggiati dai potenti della Terra

 

 

Leopoli, la madre del soldato ucraino Lubomyr Hudzeliak piange sulla sua bara Leopoli, la madre del soldato ucraino Lubomyr Hudzeliak piange sulla sua bara

 

Da una parte c’è la “Santa Russia” imperiale. Dall’altra si erge l’Occidente, amministratore della civiltà dei diritti. Ma una cosa è aiutare le vittime promuovendo la pace; altra cosa è attizzare cattive passioni: la crisi dà fiato ai nazionalisti.

I morti ammazzati dai viventi sono sulla terra, anzi sotto terra; i valori sono in cielo. I morti chiedono compassione. Non sanno che farsene, dei valori. I potenti che ammazzano dove stanno? Sulla terra o in cielo? Evidentemente in terra, saldissimamente in terra, perché altrimenti non sarebbero potenti. Eppure, non fanno che evocare valori. Quando fanno finta d’essere in cielo, sono truffatori. Più si sale verso il cielo, più si perde di vista l’umanità.

 

 

Non c’è guerra, non c’è violenza, non c’è sopraffazione che non cerchino di giustificarsi, un tempo attraverso la santificazione, oggi attraverso la ideologizzazione. La violenza ha bisogno di “valorizzarsi”. Tanto più alto è il valore al quale ci si attacca, tanta più è la violenza cui ci si sente autorizzati. Per sua natura, “il valore deve valere”, cioè deve essere imposto con ogni mezzo. Il valore è astratto e puro e, come tutte le astrazioni, non è interessato al concreto. Anzi, lo disprezza perché nel concreto si annida la varietà, la relatività, l’impurità. Per realizzarsi, ogni ostacolo può, anzi deve essere spazzato via. Trasformata in valore anche la pace può giustificare la guerra, la “guerra giusta” o la guerra preventiva, per esempio (si vis pacem ecc.). Perfino la vita come valore può giustificare la morte (mors tua ecc.). Questa è la logica perversa del pensare per astrazioni.

Ripeto, a scanso di equivoci: i valori possono essere cose bellissime ma, maneggiati dai potenti, spesso fanno paura. In nome della promessa ad Abramo fatta dal “dio geloso” degli Ebrei, furono sterminate le popolazioni della terra di Canaan; in nome di Allah si proclama il Jihad offensivo contro gli infedeli; “Dio lo vuole” è il motto d’ogni “guerra santa”, d’ogni “crociata”, d’ogni sterminio degli eretici. Yahweh, Allah, il Dio cristiano degli eserciti hanno in comune l’assolutismo del valore. Chi potrebbe opporsi a chi parla e agisce in nome d’un dio? L’appello diretto, esplicito, a un dio di questa fatta, nel mondo secolarizzato odierno non fa più presa come un tempo. Le religioni, anzi, hanno fatto passi avanti verso la reciproca comprensione e il “dialogo interreligioso”, per essere possibile, deve rinunciare non ai propri valori, ma alla loro assolutizzazione. Ma, hanno trovato dei validi succedanei secolarizzati altrettanto astratti e pericolosi.

Tutte le “visioni del mondo”, le Weltanschauungen (parola del nazismo) hanno parlato di “missioni” al servizio dell’umanità, o della civiltà, e si sono inevitabilmente risolte in razzismo, imperialismo, invasioni, stragi, partiti unici. Le guerre coloniali erano giuste per civilizzare i popoli primitivi, erano dunque un regalo. Lo stesso, gli sterminî degli indios per convertirli al cristianesimo. Il “destino manifesto” attribuito dalla Provvidenza agli americani chiamava i governanti di Washington al compito di espandere la libertà e la democrazia, tanto per incominciare con la cruentissima annessione del Nuovo Messico e con l’espansione in Arizona, Colorado, Nevada e Texas a spese dei popoli autoctoni.

 

La battaglia di Smolensk (1812) fra l’armata russa e Napoleone in un dipinto del 1839La battaglia di Smolensk (1812) fra l’armata russa e Napoleone in un dipinto del 1839

 

Napoleone conquistò l’Europa e invase la Russia al prezzo di milioni di vittime in nome degli inviolabili valori della Rivoluzione. I nazisti e i fascisti si credevano in pieno diritto nel voler conquistare il proprio “spazio vitale” a danno dei popoli di “razza inferiore”. I dirigenti comunisti non dicevano certo di agire per sete di potere, ma per la felicità del popolo finalmente senza classi. Così, i valori, nelle mani dei potenti della terra, sono sempre stati armature ideologiche di politiche di potenza, fantasmi che si aggirano tra le genti con lo scopo di reciproche distruzioni. Questa è la sorte di tutte le dottrine universalistiche in mano alle potenze della terra, anche di quelle apparentemente più nobili e benevole. Il fatto, poi, che esse siano usate selettivamente, per intervenire qua e non là, secondo convenienze, dice tutto sul valore dei valori.

E oggi? Con quali fantasmi abbiamo a che fare?

Da una parte c’è l’ininterrotta presunzione della Russia d’essere destinataria d’una missione universale, che sia la “Santa Russia” imperiale o la “liberatrice dei popoli” o la patria della spiritualità ortodossa insidiata dal materialismo occidentale. Viene in mente l’immagine potente, meravigliosa agli occhi degli slavofili e terrificante per tutti gli altri, che conclude Le anime morte di Gogol: la troika che attraversa il mondo come un uragano, davanti alla quale tutti i popoli piegano il ginocchio. Dall’altra parte, si erge l’Occidente, amministratore della civiltà dei diritti umani, della libertà, della democrazia: tutte bellissime cose che spesso, però, valgono soprattutto per rinfacciarne agli altri la violazione.

Ma, queste sono per l’appunto cose che stanno in cielo. Quando scendono in terra nelle mani dei potenti si trasformano in appropriazione monopolistica della legittimità. Servono le guerre, non la pace. Nella migliore delle ipotesi, i rapporti possono “congelarsi” temporaneamente, come nei decenni della “guerra fredda”. Abbiamo creduto in un “disgelo” che, in fondo, non ha mai sconfitto la politica di potenza, l’estensione delle “zone d’influenza”, la lotta per l’affiliazione o la dominazione dei popoli poveri e deboli che, per loro sfortuna, vivono nelle terre ricche.

Anche in quegli anni non c’era la pace, sebbene la guerra sembrasse improbabile nell’equilibrio del terrore. Improbabile non vuol dire impossibile e oggi ce ne rendiamo pienamente conto guardando la tragedia dell’Ucraina che, in fondo e per ora, sembra solo un foruncolo, ma forse è l’escrescenza su un’infezione che non è stata curata. Il che non diminuisce l’orrore, ma l’accresce.

I potenti che in tempo di guerra brandiscono una superiorità morale brandendo i loro valori si espongono a facili ironie e, soprattutto, non favoriscono la pace. Alzano barriere, armano i confini, creano incomunicabilità e ostilità. Alimentano il fanatismo, il conformismo, i “partiti unici” e comprimono le intelligenze. Si rialzano le frontiere. Si allontanano le speranze in un futuro in cui i nostri figli possano sentirsi membri d’una famiglia umana non divisa da vecchi e nuovi nazionalismi, possano viaggiare liberamente, possano stringere amicizie e coltivare amori con chi e come vogliono. Questa crisi, qualunque ne sia la fine, quando e se se ne verrà fuori, lascerà una scia di odio, di risentimenti, di desideri di rivincita, di altre violenze. Già ora si stanno distruggendo in un colpo solo i tanti fili economici, culturali, politici, giuridici e sociali che nei decenni sono stati faticosamente intessuti principalmente in Europa. Poiché, poi, la crisi dà fiato ai nazionalisti, consolida oligarchie, avvantaggia demagoghi e produttori di armi d’ogni tipo, è probabile che, al di là della propaganda e degli sdegni esibiti, vi sia chi ne trae vantaggio.

Con questa regressione dovremo fare i conti. Smascherando l’uso dei valori che stanno in cielo, guardando i morti e le sofferenze che stanno in terra. Qui, non là, sta la verità.

Accogliendo profughi senza distinzioni. Intessendo e potenziando relazioni, non interrompendole. Salvaguardando la dignità e l’universalità della cultura. Fornendo, nell’immediato, gli aiuti necessari a chi ne ha bisogno per vivere, sopravvivere e difendersi. La guerra c’è, e ci sono gli aggressori e gli aggrediti. Questa è l’unica certezza su cui non sono consentiti dubbi. Ma, una cosa è aiutare le vittime promuovendo la pace; altra cosa è attizzare cattive passioni. Dunque non aizzare i fanatici dell’Occidente, i nazionalisti, i sovranisti che oggi hanno l’occasione di mostrarsi come i suoi più efficaci difensori. Aiutare, ma contrastare le idee aggressive che prefigurano un futuro altrettanto o, forse, peggiore e, comunque, allontanano la prospettiva di un’intesa che metta fine alla guerra. Sobrietà e spirito critico, non per negare l’evidenza, ma per evitare il peggio.

Pubblicato in GENERALE | 1 commento

GUSTAVO ZAGREBELSKY, LA LEZIONE, EINAUDI, 2022 + ROBERTO ESPOSITO, Silenzio, comincia la lezione -REPUBBLICA 27 novembre 2022

 

Gustavo Zagrebelsky

La lezione

2022
Gli Struzzi – Nuova Serie
pp. 120
€ 13,00

 

«Una lezione non è un tram che vi porta da un posto all’altro, ma è una passeggiata con gli amici».
Pavel Florenskij

 

Quotidianità e culmine di una via alla conoscenza, la lezione, cosí come la pensa e desidera Gustavo Zagrebelsky, è insieme un tempo e un luogo di amicizia – di filía -, creativo tanto per gli studenti quanto per il professore. «La lezione è una sorta di chiamata a raccolta intorno al sapere». La lezione mette insieme persone diverse e parole diverse: è, anzi, una «casa delle parole», parole con le quali professore e studenti creano il mondo nominandolo. «La scuola e la lezione, che si nutrono necessariamente di parole, hanno di conseguenza questo dovere primario: usarle con tutte le cautele del caso, sapendo che il veleno dell’equivoco è sempre in agguato». Lezione si fa insieme, come una passeggiata fra amici. Amici, però, soprattutto della conoscenza. Se il professore inevitabilmente deve sedurre, deve farlo non verso se stesso, bensí verso la materia che tratta. A lezione c’è «fascino» se c’è «voglia» di partecipare… «con allegria, commozione, paura, turbamento: insomma con l’intelletto e l’emozione». A lezione, nessuno può permettersi di «ripetere» e basta, se si fa sul serio. Né gli studenti né il professore. Tutti, ognuno per la parte che gli compete, devono partecipare al processo della ricerca. La lezione pensa se stessa mentre si sviluppa, con pause, digressioni, interventi di qualche studente, per poi riprendere il filo, il cammino. Per tutto il resto basterà il manuale, quello sí, per forza, fisso e ripetitivo, semplice strumento di supporto, sostituto impossibile della creatività e, di piú, della vivacità della lezione. Come voti ed esami del resto, che, con un simile tipo di lezione, diventano quello che sono da sempre: mero controllo degli «strumenti» di base per addentrarsi nella materia. L’organismo vivente della «classe» è una società in miniatura e cosí «la costruzione di una classe può essere vista come una prefigurazione, una promessa, un’immagine della società che vogliamo costruire, competitiva, discriminatoria, violenta oppure cooperativa, ugualitaria, amichevole». Ciò che in fondo la scuola richiede è di pensarsi in modo utopico, come qualcosa cui si lavora incessantemente ben sapendo che la perfezione è irraggiungibile. Solo allora vale la pena di essere severi. E, quando occorre, eretici.

COMMENTO :

REPUBBLICA DEL  27 NOVEMBRE 2022

Lezione di filosofia in una stampa d'epoca del XIV secolo

Lezione di filosofia in una stampa d’epoca del XIV secolo

 

Silenzio, comincia la lezione: il nuovo libro di Gustavo Zagrebelsky

di Roberto Esposito

“La lezione non è un viaggio su un tram, ma una passeggiata a piedi, perché per chi viaggia è importante camminare e non solo arrivare”. A scrivere queste parole è Pavel Florenskij, il “Leonardo russo”, fucilato nel 1937, perché refrattario a irreggimentarsi nel sistema oppressivo sovietico.Secondo l’antica tradizione peripatetica, e la religiosità mistica, quando si passeggia importante non è solo la destinazione ultima, ma anche l’itinerario che si percorre. Con le sue pause, deviazioni, diramazioni. E con lo sguardo del viaggiatore spostato dai dettagli all’orizzonte profondo che li circonda. Anziché procedere per forza in avanti, su binari fissi, chi passeggia, pur senza perdere di vista l’approdo finale, può saggiare strade diverse, inoltrarsi lungo sentieri laterali, arricchire l’itinerario con incontri imprevedibili.

A riprendere queste considerazioni, articolandole in un quadro di rara suggestione, è Gustavo Zagrebelsky, in un libro agile, appena edito da Einaudi, col titolo La lezione. La lezione non si limita a riempire il tempo che scorre tra i due campanelli dell’inizio e della fine. È un’esperienza di vita, quasi un organismo vivente che, secondo il significato latino di legere e greco di légein, riunisce un gruppo di persone intorno a qualcuno che, parlando, getta luce su qualcosa di opaco. La lezione non è un dialogo o una confessione, né semplicemente una discussione. Non si rivolge a un unico interlocutore, e neanche a tutti, bensì a un gruppo raccolto in quel luogo pubblico, ma circoscritto, che è l’aula.

Anche il termine “aula”, interrogato nella sua provenienza etimologica (aulòs), è qualcosa che eccede lo spazio delimitato da quattro pareti. È – o dovrebbe essere – un luogo in cui le parole risuonano, vibrano, trasmettendo un sapere che non è somma inerte di conoscenze passate, ma apertura di senso sulla contemporaneità. L’insegnamento, quando è tale, oltre ad istruire, istituisce, nel senso che dà vita a qualcosa di nuovo, destinato a sedimentarsi e farsi esperienza vissuta. Ma la lezione, che istituisce, è a sua volta consentita dalla prima tre le istituzioni umane, è cioè dal linguaggio. Zagrebelsky dedica pagine intense alla funzione umanizzante della parola. Oggi nelle aule scorrono immagini sugli schermi o si ascoltano suoni. Ma né le immagini né i suoni possono sostituire le parole. Così come, per esprimersi, anche le sensazioni o le emozioni, devono tradursi in parole. Sono queste che profilano i contorni delle cose, legandole a noi in una rete di significati condivisi.

 

Gustavo Zagrebelsky

Gustavo Zagrebelsky  (San Germano Chisone1º giugno 1943) è un giurista italianogiudice costituzionale dal 1995 al 2004 e presidente della Corte costituzionale nel 2004.

 

Le parole ci aprono un mondo, che altrimenti ci resterebbe ignoto e ostile. In un certo senso siamo noi stessi a crearlo, nominandolo – non, come il Dio cristiano, ritirandosi da esso, ma abitandolo. Certo le parole possono travisare, ingannare, mentire – come spesso hanno fatto e continuano a fare. Basti pensare come i vocaboli “libertà” e “democrazia” vengono inghiottiti da realtà che ne rovesciano il significato. Ma possono anche fissare qualcosa che fino a un certo momento non aveva nome e che tuttavia irrompe nella storia con una potenza distruttiva che va colta nella sua assoluta specificità. Come è accaduto con i termini “genocidio” o, oggi, “femminicidio”.

Insomma la parola può essere una trappola, ma anche una risorsa, senza la quale la nostra vita, da semplice materia vivente, non potrebbe superare la soglia del bíos, farsi forma di vita. La lezione – la scuola – è il luogo di trasmissione, attraverso la parola, di contenuti che non devono limitarsi a riempire un’ignoranza, ma attivare una tensione, stimolare un interesse, fecondare un’esperienza. Attenzione, in nessun modo Zagrebelsky indulge a concezioni “democraticistiche” della scuola. È consapevole dei danni irreparabili provocati, in anni non lontani, dai “voti politici”, dai cedimenti diffusi nei confronti di richieste insensate, dal rovesciamento dei rapporti tra studenti e professori, con i primi che giudicano e valutano i secondi.

Certo, trasformare la scuola e l’università in una sorta di esamificio e gli esami in interrogatori, incapaci di andare aldilà dalla pura quantificazione delle nozioni apprese, stravolge il senso stesso della lezione. Ciò non toglie che, almeno fin quando varranno i titoli di studio, non si può rinunciare a verifiche, prove, controlli. Del resto, senza ostacoli da superare, non è possibile crescere. Ma questo non può significare cedere al linguaggio afono delle circolari ministeriali, alla insensatezza sgrammaticata delle “linee guida”, all’ottusità della macchina burocratica che tratta la scuola come un’azienda. La scuola non può vivere fuori dalla freschezza dei rapporti concreti tra studenti e docenti, senza gli stimoli, i confronti, le sane competizioni che in questi anni di didattica a distanza sono inevitabilmente venuti meno.

Solo questa concretezza, nata dalla condivisione tra i ruoli, che pure devono restare distinti, dei maestri e degli allievi può restituire alla discussione, piuttosto bislacca, che sta nascendo intorno alla nozione di merito, un senso meno legato alle ideologie del momento. Il problema, come emerge da questo libro, è che una scuola che è meglio non definire “di massa”, ma semmai “di tutti”, non deve legittimare stratificazioni sociali, cristallizzare diseguaglianze o addirittura autorizzare esclusioni. Solo a partire da questo presupposto il principio del merito può ritrovare la sua funzione culturale e sociale.

 

 

 

UNA NOTA SU ::

Pavel Aleksandrovič Florenskij

 

Pavel Florenskij e l'amicizia come essenza dell'io - Tempi

 

Pavel Aleksandrovič Florenskij (in russoПа́вел Алекса́ндрович Флоре́нский?Evlach9 gennaio 1882 – Leningrado8 dicembre 1937) è stato un filosofomatematico e presbitero russo.

A partire dal 1991, in seguito all’apertura degli archivi del KGB, l’editoria, la critica e la ricerca hanno riscoperto il suo contributo alla letteratura e alla filosofia contemporanea, evidenziandone la vasta gamma di implicazioni, che si muovono dal campo strettamente teologico alla filosofia della scienza. Irriducibile, difficilmente etichettabile sotto una disciplina e un pensiero sistematico e preconcetto, si deve all’editoria italiana[1] la sua prima traduzione mondiale (La colonna e il fondamento della Verità1974) grazie a Elémire Zolla e Pietro Modesto. Padre del geologo e astronomo Kirill Pavlovič Florenskij, morì fucilato per ordine del regime sovietico l’8 dicembre 1937.

 

La teologia geometrica (ma non euclidea) di Pavel Florenskij

Florenskij nasce presso Yevlax, località nel governatorato di Elizavetpol’ del distretto di Dževanšar, entro i confini dell’attuale Azerbaigian, il 9 (21) gennaio 1882. Nel 1983 la famiglia si trasferisce a Tblisi.
La famiglia Florenskij abiterà a lungo in Georgia, dalla quale il giovane Pavel si allontanerà solo al compimento dei 18 anni, per poi raggiungere l’Università di Mosca, dove frequenterà  l’Università di matematica, seguendo inoltre i seminari di filosofia antica di N.S. Trubeckoj e L.M. Lopatin. Nel 1903 Florenskij stringe una rilevante amicizia con il poeta Andrej Belyj.
Nel 1904 il filosofo russo matura la scelta di iscriversi alla Facoltà Teologica, nei pressi del monastero della Trinità di San Sergio a Sergiev Posad. Nel 1906, contro una condanna a morte, pronuncia in Accademia il sermone Il grido del sangue: gli costerà già tre primi mesi di reclusione, poi commutati in grazia.
Il 25 agosto 1910 sposa Anna Michaijlovna Giacintova, dalla quale nel 1911 avrà il primo figlio. Il 24 aprile 1911 viene solennemente ordinato sacerdote della Chiesa ortodossa.

 

Il filosofo Pavel Florenskij arrestato dalla GPU- foto di anonimo

 

Il 26 febbraio 1933 Florenskij viene condotto agli arresti, condannato a dieci anni di gulag e più tardi trasferito in un campo di prigionia presso le isole Solovki, nel Mar Bianco. Qui, al posto di un antico monastero, era stato eretto il primo campo di detenzione e “rieducazione” comunista.
Il filosofo del simbolo e dello sguardo, della discontinuità e del ritmo, viene inghiottito dal totalitarismo: le autorità comunicano la data ufficiale della sua morte, il 15 dicembre 1943, poi rettificata alla stessa famiglia solo agli albori dei primi anni novanta.
Passando per la caduta definitiva dell’Unione Sovietica, il fascicolo del KGB relativo al suo caso mostrò lo svolgimento della vicenda: Pavel Alksandrovič Florenskij venne fucilato l’8 dicembre 1937, nei pressi di Leningrado, nello stesso anno in cui il fratello Aleksandr veniva arrestato, condannato a cinque anni di lavori forzati per andare a morire nell’ospedale del lager di Berelech l’anno successivo. V
enne fucilato dopo anni di detenzione nel campo delle Solovki, in tempi in cui il numero degli individui sottoposti dal regime a una condizione simile, in luoghi e in modi diversi, raggiungeva la soglia dei due milioni nell’intero territorio dell’Unione Sovietica.  Il rinvenimento nel cuore del bosco di Sandormoch, sessant’anni più tardi, di alcune fosse comuni, potrebbe nascondere e celare per sempre le stesse spoglie di Pavel Florenskij.

«Da quel dicembre del 1937 alla metà degli anni ottanta il nome di Florenskij era stato completamente cancellato, rimosso dalla coscienza pubblica del paese, sebbene sempre gelosamente custodito nella memoria viva di pochi discepoli, amici e familiari. […] Figura davvero geniale della storia del pensiero umano, dietro la sua apparenza sobria e dimessa, sotto le sue tonache ruvide e lise, custodiva una grandezza della quale ancora soltanto in parte possiamo intuire la portata.»
(Natalino Valentini, Sull’orlo del visibile pensare, in P.A. Florenskij, La mistica e l’anima russa, 2006)

 

da:

https://it.wikipedia.org/wiki/Pavel_Aleksandrovi%C4%8D_Florenskij

dove c’è un elenco dei moltissimi testi di questo autore tradotti in italiano 

Pubblicato in GENERALE | Lascia un commento

David Alfaro Siqueiros @artistsiqueiros — 13.18 — 30 novembre 2022 – infinitamente grazie ! – troppo attuale.

 

 

David Alfaro Siqueiros,

Collective Suicide, 1936

#museumofmodernart #davidalfarosiqueiros
moma.org/collection/wor

 

 

 

 

 

 

 

 qualcosa su :

DAVID ALFARO SIQUEIROS

 

David-Alfaro-Siqueiros.png

David Alfaro Siqueiros, anno sconosciuto
Archivio Casasola
foto : https://en.wikipedia.org/wiki/David_Alfaro_Siqueiros

 

 

foto : https://www.guiadasartes.com.br/david-alfaro-siqueiros/principais-obras

 

David Alfaro Siqueiros  (Camargo29 dicembre 1896 – Cuernavaca6 gennaio 1974), è stato un pittoremuralista e militare messicano, particolarmente noto per i suoi lavori appartenenti alla corrente del cosiddetto realismo sociale; celebri, a questo proposito, i murales da lui dedicati alla storia del Messico, insieme a Diego Rivera e José Clemente Orozco.
Era un membro del Partito Comunista Messicano, e uno stalinista e sostenitore dell’Unione Sovietica che guidò un tentativo fallito di assassinare Leon Trotsky nel maggio 1940

 

 

ALTRI QUADRI DALLO STESSO LINK SU TWITTER : 

https://twitter.com/artistsiqueiros

 

 

Immagine

David Alfaro Siqueiros, [Untitled], 1931
#artsoftheamericas #museumarchive

brooklynmuseum.org/opencollection

 

 

 

Immagine

The Dance of the Rain
#siqueiros #davidalfarosiqueiros
wikiart.org/en/david-alfar

 

 

Immagine

David Alfaro Siqueiros, [Untitled], 1931

#artsoftheamericas #davidalfarosiqueiros brooklynmuseum.org/opencollection

 

 

Immagine

Women of Chilpancingo, 1960
#davidalfarosiqueiros #siqueiros
wikiart.org/en/david-alfar

Pubblicato in GENERALE | Lascia un commento

ℝℕ ℕℝ @AndreaMarano11 – 9.34 – 1 dicembre 2022 — grazie !

ᴘɪᴇᴛʀᴇ

@PBerizzi

 

 

 

Pubblicato in GENERALE | Lascia un commento

TURKU, PORTO DELLA FINLANDIA SUD-OVEST –CITTA’ STORICA BRUCIATA NEL 1827 — PARTE DELLE CASE SALVATE SI TROVANO NEL MUSEO DELL’ARTIGIANATO COSTRUITO NEL 1940 ALLA FINE DELLA ” GUERRA D’INVERNO ” CON LA RUSSIA — 30 novembre 1939 / 12 marzo 1940

 

 

 

Il castello medievale di Turku visto dal lato del porto

Il castello medioevale di Turku visto dal lato del porto
Otto Jula – Opera propria

 

 

Aura River in central Turku

Il fiume Aura nel centro di Turku
kallerna – Opera propria

 

Finlandia cartina immagini e fotografie stock ad alta ...

TURKU E’ UN PORTO ALL’ESTREMO SUD-OVEST DA DOVE PARTONO I TRAGHETTI PER LA SVEZIA

 

Turku, dove si trova

CARTINA : https://www.google.com/

 

Turku (in svedese Åbo ; in latino Aboa) è una città di 191 499 abitanti ( dati 2012 ) della Finlandia sud-occidentale, situata nella regione del Varsinais-Suomi.
La città è bilingue. Il finlandese e lo svedese sono gli idiomi ufficiali.
Per un lungo periodo Turku fu la capitale politica e il primario centro culturale del paese. Nel 1640 fu fondata l’università.
Fino al 1812 Turku fu la capitale della Finlandia, parte del regno di Svezia. Quando questo territorio fu conquistato dalla Russia, i russi spostarono la capitale a Helsinki dove è rimasta fino ad oggi.

Nel 1827 la città venne devastata da un grande incendio; la ricostruzione iniziò l’anno successivo ad opera dell’architetto Carl Ludwig Engel ( vedi dipinto sotto ). Lo spostamento dell’università a Helsinki pose fine al periodo di splendore della città. Nel 1918 vi fu fondata l’università in lingua svedese, la Åbo Akademi e due anni dopo fu fondata l’università in lingua finlandese.

Oggi Turku è sede dell’Arcivescovado della Finlandia. La cattedrale, risalente al XIV secolo è uno dei tre edifici in muratura della città risalente a quei tempi ancora esistenti. Il Castello di Turku, fondato nel XIII secolo, costruito su un’isola a guardia della foce del fiume, è stato, nel corso dei secoli, assimilato alla terraferma. All’interno del castello si trova il museo storico che ripercorre le vicende dell’edificio e della città, posizionandola nel contesto evolutivo degli usi, delle tradizioni e dei costumi del Paese nel corso dei secoli.

Oggi la città conta quattro istituti universitari.
È da segnalare che il Politecnico di Turku è il maggior politecnico della Finlandia e la Turku school of Economics è il secondo istituto di scienze economiche più prestigioso del paese.

 

 

La cattedrale di Turku- 1814 – prima del grande incendio-1827
Carl Ludvig Engel ( 1778-1840 )

 

 

Turku cathedral 26-Dec-2004.jpgLa cattedrale di Turku
Ekhoc – Opera propria

 

un’altra foto

La chiesa nel 2009

Otto Jula – Opera propria

 

 

La cattedrale in autunno sul lato sinistro del fiume Aura e una delle sedi dell’Università
Andrei Niemimäki da Turku, Finlandia

 

 

Il Palazzo comunale di Turku
Lehmankukka – Opera propria

 

 


Kotivalo – Opera propria

 

TESTO E ALCUNE FOTO DA :
https://it.wikipedia.org/wiki/Turku

 

 

SEGUE DA :

28/05/2020 —

https://www.ts.fi/uutiset/4964910

Il Museo dell’Artigianato – Luostarinmäki

 

Il museo Luostarinmäki festeggia il suo 80° anniversario. Il museo è stato aperto in circostanze eccezionali dopo la Guerra d'Inverno nel 1940.

 

Il Museo dell’Artigianato compie quest’anno gli 80 anni, essendo stato aperto, in circostanze eccezionali, dopo la guerra dell’inverno 1940.

Il blocco è stato chiamato Luostarinmäki dall’incendio di Turku del 1827.

Luostarinmäki è pieno di artigiani provenienti da diversi settori e l’artigianato tradizionale prende vita nelle botteghe storiche del museo. Musica popolare e gioia : Antti Paalanen, nome di spicco della musica folk contemporanea, sarà l’interprete principale della serata.

 

 

Vista del vicolo da Luostarinmäki.

Il quartiere dei musei di Luostarinmäki è l’unica area unificata di case in legno a Turku che è stata conservata nell’incendio di Turku del 1827.
Gli edifici di oltre 200 anni si trovano nei loro luoghi originali e i vicoli, i cortili e le case dell’isolato formano un ambiente unico nel centro della città.

da : https://www.turku.fi/

 

PINTEREST

 

PINTEREST

 

PINTEREST

 

Pubblicato in GENERALE | Lascia un commento

ROBERTO MUROLO CI CANTA DUE BELLISSIME MUSICHE ATTRIBUITE A DONIZETTI : ” Me voglio fa’ ‘na casa ‘mmiez”o mare ” e ” Fenesta che lucive “

 

Roberto Murolo | InfoTurismoNapoliFOTO : http://www.infoturismonapoli.it/roberto-murolo/

Roberto Murolo (Napoli19 gennaio 1912 – Napoli13 marzo 2003) è stato un cantautorechitarrista e attore italiano.

 

 

 

 

Testo

Me voglio fa’ ‘na casa ‘mmiez”o mare

Me voglio fa’ ‘na casa ‘mmiez”o mare

Fravecata de penne de pavune

Fravecata de penne de pavune

D’oro e d’argiento li scaline fare

D’oro e d’argiento li scaline fare

E de pietre preziuse li barcune

E de pietre preziuse li barcone

Quanno nannella mia se ne va a affacciare

Quanno nannella mia se ne va a affacciare

Ognuno dice ognuno dice

Mo’ sponta lu sole

 

 

 

Fenesta che lucive e mo nun luceSign’è ca nenna mia stace malataS’affaccia la sorella e mme lu dice“Nennella toja è morta e s’è atterrata”

Chiagneva sempe ca durmeva solaMo dorme co’ li muorte accompagnata

Mo dorme co’ li muorte accompagnata

Addio fenesta, restate ‘nzerrataCa nenna mia mo nun se po’ affacciareIo cchiù nun passarraggio de’ ‘sta strataVaco a lo camposanto a passiare

Zì parrocchiano mio, tienence cura‘Na lampa sempe tienece allummata

‘Na lampa sempe tienece allummata

 

TESTO DA :

https://www.google.com/search?q=fenesta+ca+lucive+

Pubblicato in GENERALE | 1 commento

+++ NICOLA GUERRA, Univ. di Turku, Finlandia- Il mito delle Waffen-SS non tramonta a Ovest

 

 

LIMES ONLINE DEL 23 AGOSTO 2022 

https://www.limesonline.com/il-mito-delle-waffen-ss-non-tramonta-a-ovest/128954

 

Il mito delle Waffen-SS non tramonta a Ovest

 

Germany/Palestine/Israel: Haj Amin al-Husseini, the Grand Mufti of Jerusalem, inspecting Bosnian volunteers of the Waffen SS while giving the Nazi salute, 1941. Photo by Mielke (CC BY-SA 3.0 License). (Photo by: Pictures from History/Universal Images Group via Getty Images)

Il gran mufti di Gerusalemme Haj Amin al-Husseini ispeziona i volontari bosniaci delle Waffen SS con saluto nazista, 1941 (Foto di Mielke, History/Universal Images Group via Getty Images)

 

Con angolazioni contrapposte la galassia nazifascista europea guarda alle truppe d’élite volute da Himmler. Il battaglione Azov e la deslavizzazione dell’Ucraina. I casi italiano e tedesco. Il possibile utilizzo nel confronto Oriente-Occidente.

 

di Nicola Guerra

 

Dalla fine della seconda guerra mondiale il mito delle Waffen-SS riscuote un’elevata fortuna editoriale con narrazioni e ricostruzioni alquanto poliedriche e talvolta contrastanti. Generalmente descritte come l’élite combattente del Terzo Reich, le truppe ebbero in realtà una storia complessa e piuttosto travagliata.


Le Waffen-SS nascono per volere di Himmler, secondo il quale per completare la rivoluzione nazionalsocialista sarebbe stato necessario sostituire le Forze armate convenzionali con un ordine militare rivoluzionario superiore, ideologicamente preparato e costruito attorno alla figura del soldato politico¹. Idea che viene fortemente ostracizzata dalla Wehrmacht e non gode dell’appoggio di Hitler, tanto che le Waffen-SS vengono inizialmente equipaggiate con materiale di scarto. È grazie alla tenacia di Himmler che, con l’aiuto di Albert Speer², si realizza un intenso sviluppo della tecnologia militare di questa forza armata e si avviano massicce campagne di arruolamento che prevedono il reclutamento di volontari stranieri, inizialmente senza il permesso di Hitler³.


Gli effettivi delle Waffen-SS, stimati in circa 900 mila uomini, incorporano numerosi volontari cosacchi, musulmani di Bosnia ed Erzegovina, slavi, indiani, caucasici, asiatici, con un amalgama che giungerà a comprendere ben trentasette nazionalità diverse. Hitler, nonostante i successi sul campo di battaglia, si lamenterà più volte del fatto che armi ed equipaggiamento militare sono destinati a unità straniere, quelle delle Waffen-SS, a discapito di unità germaniche⁴. è il riflesso delle mai sopite tensioni che attraversano l’ideologia e l’esperienza nazionalsocialista, che al suo interno vede convivere e scontrarsi il pangermanismo hitleriano e la concezione imperiale himmleriana, nazione verso impero. Del resto, è proprio la particolarità dello sviluppo e della composizione di queste truppe a determinare ancora oggi contrastanti mitizzazioni.


Nel quadro del conflitto russo-ucraino, che ha visto numerosi politologi fornire interpretazioni sulla missione di «denazificazione» dell’Ucraina rivendicata da Mosca, è importante considerare le diverse mitizzazioni ideologiche che caratterizzano gli ambienti dell’estrema destra, del neofascismo e del neonazismo europei. Un’area politica che vede alcuni militanti impegnati come foreign fighters negli opposti schieramenti. Sono due, e assai differenti tra loro, i meccanismi principali di costruzione del mito delle Waffen-SS che si determinano in queste aree del radicalismo politico e si traducono in diverso orientamento ideologico e geopolitico.


Da una parte l’area numericamente più cospicua dei movimenti di estrema destra europei che attuano un processo di mitizzazione delle Waffen-SS presentandole come eccellenza militare del Terzo Reich e quindi di un «arianesimo in armi» che si oppone alle «orde barbariche orientali del bolscevismo». Dall’altra una mitizzazione propria di un universo assai composito di movimenti che spaziano dai neofascisti non suprematisti, irrisi dall’estrema destra come «terzomondisti», ai gruppi nazionalbolscevichi e agli eurasisti, che mitizzano invece le Waffen-SS come esercito composto da molteplici lingue, etnie e credo religiosi e quindi incarnazione di un pan-nazionalsocialismo e di un europeismo, se non anche eurasismo, a forti tinte anti-americane.


Dal 2014 la guerra in Ucraina ha portato alla ribalta il battaglione Azov che per ideologia e simbologia si rifà proprio al mito delle Waffen-SS⁵, secondo l’interpretazione che tipizza l’estrema destra. Un mito dai marcati tratti filo-occidentali, dove per Occidente si intente il blocco euroamericano, e quindi filo-americani. Il mito proprio del battaglione Azov è incentrato sull’esasperazione del concetto di «crociata contro il bolscevismo» attribuibile alle Waffen-SS e viene declinato nel presente come crociata contro i popoli asiatici, ritenuti barbarici in base a visioni di suprematismo occidentale, e contro il «neosovietismo» attribuito alla Federazione Russa. È un processo di mitizzazione frutto del percorso di deslavizzazione della cultura ucraina e di riscrittura della storia nazionale a favore della creazione del mito occidentale, se non addirittura nordico, che si traduce in un ipernazionalismo ostile all’identità russa presente in vaste zone del paese.

 


Ukrainian veterans of the 'Azov' volunteer battalion attend a rally dedicated to the Volunteer Day in honor of volonteer fighters who joined Ukrainian Army at a war conflict at eastern the country regions, in downtown of Kyiv, Ukraine, on 14 March, 2020. Several thousands Ukrainians including servicemen, volunteers and their supporters marched in central of Ukrainian capital despite the ban on holding mass events because of the COVID-19 coronavirus. On 11 March 2020 the Ukrainian Government has approved measures in the face of a threat of coronavirus infection outbreak in Ukraine and to prevent the spread of COVID-19 coronavirus. The quarantine in educational institutions for a period of three weeks introduced in Ukraine from March 12, and to impose restrictions on conducting mass events in which 200 or more people are planned to participate. (Photo by STR/NurPhoto via Getty Images)

Veterani del battaglione Azov manifestano a Kiev, 14 marzo 2020 (Foto di STR/NurPhoto via Getty Images)


 

Da ciò il ricorso alla simbologia runica delle Waffen-SS, la rivendicazione di superiorità non solo culturale ma persino etnica e la convinzione di adempiere una missione superiore di purificazione della nazione, da perseguire con ogni mezzo. Un processo che, ridisegnando l’identità nazionale, porta alla mobilitazione di gruppi combattenti che assumono funzione di barriera geopolitica armata all’influenza russa e di repressione dell’anima russofona presente nel paese⁶. Alcune di queste dinamiche sono osservabili anche negli interventi online dei militanti e dei maîtres à penser del principale movimento della destra radicale italiana, CasaPound Italia (Cpi), che esprimendo solidarietà al battaglione Azov, e secondo alcuni report avendo rapporti di collaborazione con esso⁷, definiscono gli odierni russi come «sovietici» o «neosovietici» e dipingono un imperialismo russo che minaccia l’Europa, dalla quale Mosca sarebbe esclusa, concepita come Occidente euro-americano.


La pubblicazione quest’anno di un testo autobiografico e apologetico di un membro del battaglione Azov, dal titolo indicativo Valhalla Express, vede tra i curatori Domenico Di Tullio, figura storica di Cpi. A ben guardare sono dinamiche non nuove all’interno del radicalismo politico italiano di estrema destra che, se si esclude l’esperienza di movimenti come Giovane Europa e l’Organizzazione lotta di popolo (Olp), già dai cosiddetti anni di piombo aveva visto i gruppi come Ordine nuovo (On) e Avanguardia nazionale (An) scegliere il golpismo filo-occidentale in Grecia come in Cile, e quindi schierarsi con la Nato e gli Stati Uniti come barriera contro il comunismo⁸.

Volendo rintracciare le origini di questa lettura parziale e distorsiva dell’esperienza delle Waffen-SS, che assume funzionalità in senso filo-occidentale nello scacchiere culturale e geopolitico europeo, è utile tenere presente che l’unico studio interamente dedicato al fenomeno dei volontari europei è stato per lunghi anni il lavoro apologetico di Felix Steiner del 1958, nel quale l’ex Waffen-SS enfatizzava il ruolo di queste truppe come esercito antibolscevico europeo precursore della Nato⁹.


Il secondo processo di mitizzazione delle Waffen-SS al quale si assiste, e che caratterizza gruppi abbastanza eterogenei generalmente definiti dai media come rossobruni, può essere invece definito di matrice europeista ed eurasista. Una mitizzazione che, emersa con chiarezza a seguito del conflitto russo-ucraino, appare al momento numericamente minoritaria e riconducibile a gruppi di carattere metapolitico come i neofascisti non suprematisti, i nazionalbolscevichi e gli eurasisti. Questo processo di mitizzazione, che risulta più coerente con le dinamiche storiche che videro effettivamente le Waffen-SS fronteggiare sia l’esercito sovietico (che oggi non è più tale) sia quello americano, è anche storiograficamente più allineato ai desiderata del loro fondatore, che le concepiva come insieme di soldati politici al servizio di una Nuova Europa unificata che cancellasse tutte le malattie dei passati nazionalismi¹⁰ e di un impero europeo dall’Atlantico agli Urali ispirato dalle teorie geopolitiche di Karl Haushofer¹¹.

Visione questa che nel secondo dopoguerra influenzerà anche il pensiero di Jean Thiriart, improntato a un nazionalbolscevismo europeo contro l’occupante americano, la cui organizzazione Giovane Europa sarà presente anche in Italia.

Questa seconda mitizzazione delle Waffen-SS è ispirata, al contrario della precedente, da una forte opposizione al concetto di Occidente e agli Stati Uniti e perpetra il sogno di un’Eurasia unita da Lisbona a Vladivostokdella quale la Russia, oggi non più sovietica, è parte integrante.


Le implicazioni di questi due opposti miti delle Waffen-SS hanno una certa valenza non solo culturale e politica ma anche geopolitica. Prendendo infatti in considerazione Lettonia, Lituania ed Estonia, è possibile osservare come dopo il collasso dell’Unione Sovietica e l’ottenimento della sovranità nazionale il mito delle Waffen-SS sia stato incentivato e adoperato come fattore storico-culturale che portasse un contributo alla creazione dell’identità nazionale, alla distinzione dal nemico russo e alla creazione di un ipernazionalismo a tratti etnico.


Il 16 marzo in Lettonia viene celebrato il «giorno del ricordo dei legionari», che commemora i volontari lettoni nelle Waffen-SS. Riconosciuto ufficialmente dal parlamento come festività nazionale dal 1998 al 2000, viene oggi osservato in modo non ufficiale a seguito delle accuse russe di glorificazione del nazismo¹². Sempre in Lettonia un’interrogazione al Parlamento europeo del 2006 segnalava l’erezione di monumenti dedicati ai volontari nelle Waffen-SS¹³.

Anche in Estonia i media internazionali danno notizia di manifestazioni pubbliche per celebrare i volontari nazionali nelle Waffen-SS e nel luglio del 2013 una manifestazione ha ricevuto le congratulazioni di Urmas Reinsalu, ministro della Difesa¹⁴.

Il mito delle Waffen-SS nell’area baltica non rimane circoscritto all’estrema destra e, permeando la società a livello di costruzione identitaria, contribuisce alla riscrittura della storia nazionale indirizzando la politica attuale¹⁵.

 


La mitizzazione baltica delle Waffen-SS è di tipo filo-occidentale e contribuisce indubbiamente all’adesione nel 2004 di questi paesi alla Nato, vissuta come erede delle Waffen-SS contro la Russia. Poco importa che a livello storico numerosi fossero i russi che sotto la guida del generale Vlasov combatterono nell’Esercito russo di liberazione (Roa) e numerosi i nazionalisti russi che si aggregarono alle Waffen-SS¹⁶.

L’odierno mito baltico si attiva in funzione filo-occidentale, filo-americana e antirussa attraverso un anticomunismo in assenza di comunismo e, soprattutto, in base a un suprematismo occidentale nei confronti dei paesi ritenuti asiatici.

Un meccanismo che si verifica anche in Ucraina, dove il mito della 14ª Waffen-Grenadier-Division der SS «Galizien» ha contribuito non solo alla fondazione di battaglioni neonazisti come Azov e Tornado, che dispregiativamente gli eurasisti definiscono «NaziNato» o «fascionato», ma anche all’ipernazionalismo antirusso e al desiderio di sentirsi e fare parte dell’Occidente e della Nato.

 


Carta di Laura Canali - 2022

Carta di Laura Canali – 2022


 

È importante notare come anche in Finlandia, prossima candidata all’ingresso nell’Alleanza Atlantica, sia presente un certo mito del soldato delle Waffen-SS concepito come combattente contro il bolscevico, il russo e il pericolo imperituro che viene da Mosca.

 

Torni lauri.jpg

Lauri Allan Törni (Viipuri28 maggio1919 – distretto di Phước Sơn18 ottobre1965) è stato un militarefinlandese, conosciuto negli Stati Uniti come Larry Thorne, che ha combattuto per tre diverse nazioni: FinlandiaGermania nazista e Stati Uniti.
( https://it.wikipedia.org/wiki/Lauri_T%C3%B6rni )

 

Assai popolare è la figura di Lauri Törni, soldato finlandese decorato in tre diversi eserciti: quello nazionale, le Waffen-SS e l’esercito americano con il quale trovò la morte durante una missione nel Quang Nam vietnamita¹⁷. Si assiste anche in questo caso a un mito delle Waffen-SS prettamente occidentale, filo-americano e antirusso.


Ma se la diffusione del mito delle Waffen-SS, declinato in antirussismo e filo-occidentalismo, ha certamente giocato un ruolo di stimolo nella costruzione degli ipernazionalismi ucraino e baltico, essa ha rivestito e riveste anche un ruolo geopolitico.

Esaminando la carta geografica dell’Europa si può osservare che le nazioni in cui tale tipologia di mito è prevalsa, a seguito di un’alacre diffusione seguita alla disgregazione dell’Unione Sovietica, sono entrate a far parte della Nato o si sono candidate a farlo e, tracciando una linea lungo la direttrice Nord-Sud, nel loro insieme contribuiscono a costituire quello che può essere definito un contemporaneo Intermarium ( 1. NOTA AL FONDO ).

La sua funzione appare in tutta evidenza antirussa e destinata a frapporre una barriera fisica, culturale, militare e geopolitica al dialogo tra Berlino e Mosca.

L’ingresso della Finlandia nella Nato, con la rinuncia di questa alla sua tradizione politica di non ostilità, completerebbe tale barriera di interposizione e garantirebbe

alla Nato di avvicinarsi alla base navale russa di Murmansk, strategica per il controllo delle rotte artiche, all’oblast’ di Arcangelo e al cosmodromo di Pleseck e al Golfo di Finlandia, con la possibilità di esercitare un più stringente controllo sul Mar Baltico.

 


Carta di Laura Canali - 2022

Carta di Laura Canali – 2022


 

Dato che il mito occidentalista delle Waffen-SS ha giocato e gioca un importante ruolo culturale e geopolitico, è necessario comprendere meglio le implicazioni della contrapposizione tra i due differenti miti citati. Prendendo a riferimento il caso italiano, dove l’estrema destra ha una lunga tradizione, è stato possibile esaminare le diverse conseguenze delle due differenti mitizzazioni. Per quanto concerne CasaPound Italia, analizzando gli articoli pubblicati sulla rivista Il Primato Nazionale e i post pubblicati su Facebook da militanti e dirigenti, emerge come rispetto al conflitto in corso il movimento ritenga «assolutamente impossibile stare con Putin»¹⁸ e dipinga uno scenario geopolitico ancora congelato a Jalta. Il conflitto russo-ucraino viene commentato come se non fosse mai caduto il Muro di Berlino, l’Unione Sovietica non si fosse dissolta e vi fossero due sole superpotenze che si contendono il mondo¹⁹, negando che

sia in atto uno scontro che comporta il passaggio dall’unipolarismo al multipolarismo²⁰.

 


La prospettiva di Cpi, rispetto all’analisi generalmente accettata di un nascente «ordine mondiale alternativo», resta ancorata a visioni tipiche della guerra fredda. Proprio da queste posizioni il movimento sostiene che «il teorema eurasista non sta in piedi»²¹ e nei post online attacca l’eurasista russo Aleksandr Dugin con queste parole: «L’idea che questa sia una guerra contro il “grande reset” meriterebbe una risposta particolarmente in linea con le migliori tradizioni russe in fatto di gestione del dibattito, la camicia di forza». I militanti del movimento postano interventi su Facebook nei quali il battaglione Azov è paragonato ai trecento spartani delle Termopili o alla strenua difesa da parte delle Waffen-SS della Berlino assediata dai sovietici. Alcuni maîtres à penser del movimento, nelle loro analisi e narrazione del conflitto, definiscono i russi ricorrendo ad aggettivi come «sovietici» o «neosovietici» e si spingono a ironizzare con toni suprematisti sulle truppe «di provenienza asiatica» o di religione islamica della Russia. Il mito della crociata contro il bolscevismo delle Waffen-SS assume nuovamente carattere mobilitante a favore dell’Occidente e, sebbene con alcuni distinguo tattici atti a stemperare le tensioni interne, della Nato nello scontro con la Russia. Coloro che non aderiscono a questa ricostruzione, principalmente eurasisti e nazionalbolscevichi, sono apostrofati come «prigionieri della narrazione comunista».


Dall’altro versante, assai eterogeneo, appare invece un’adesione non priva di distinguo all’operato russo, visto come difesa legittima dall’espansionismo della Nato e opportunità funzionale a rompere «il giogo americano sull’Europa». Viene reclamata a gran voce l’uscita dall’Alleanza Atlantica e si anima il sogno di un blocco europeo ed eurasiatico che con un proprio esercito sia capace di inserirsi nel nuovo mondo multipolare come avversario degli Stati Uniti. Si tratta di una posizione che concepisce le Waffen-SS come esercito composto dai migliori soldati dei popoli eurasiatici e animate dalla lotta contro il capitalismo e gli Stati Uniti.


Queste dinamiche di diversa mitizzazione in corso nei movimenti del radicalismo politico di estrema destra e neofascista d’Europa sembrano essere pressoché inconciliabili: da una parte con l’Occidente e la Nato, dall’altra con la Russia e il sogno eurasiatico. La polarizzazione avvenuta in questi ambienti del radicalismo politico potrebbe anticipare un dualismo ideologico Occidente-Oriente suscettibile di investire altre aree del radicalismo politico, come quelle di sinistra e dei partiti populisti. Se in Italia le forze parlamentari si sono dimostrate estremamente fedeli all’Alleanza Atlantica, le recenti elezioni francesi hanno mostrato invece come dei tre principali partiti nazionali due fossero apertamente contrari alla Nato e uno scettico verso di essa, quello di Macron, che nel 2019 aveva definito l’Alleanza «in stato di morte cerebrale»²².


 

Trattando il tema del mito delle Waffen-SS e della sua influenza politica non è possibile trascurare la Germania. Nel 2018 uno scandalo travolge la Bundeswehr e i media riportano la presenza, documentata grazie alle intercettazioni del MAD (il servizio segreto militare tedesco), di circa cinquecento militari che pur avendo giurato fedeltà alla Bundesrepublik sono rimasti fedeli agli ideali del Terzo Reich²³.

Qualche mese prima era scoppiato il clamoroso caso del tenente Franco Albrecht.

se vuoi qui trovi altre notizie  :
https://www.agi.it/estero/news/2022-07-15/condannato-ex-soldato-             pianificava-attacco-neonazista-germani-17451165/

 

Aggregato nel 2009 all’Accademia militare francese di Saint Cyr dove si era diplomato con una tesi sulla «strategia di cambiamento politico e sovversione», il tenente si era spacciato per rifugiato siriano in un centro profughi dell’Assia. Viene accusato di collaborare ad azioni di false flag, gli attentati con falsa rivendicazione per far ricadere la responsabilità sui rifugiati pianificati da Maximilian T., di stanza nel suo stesso reparto a Strasburgo²⁴. I casi, che non appaiono isolati, risultano essere in crescita anche all’interno del Commando forze speciali (KSK) e una ricerca di Der Spiegel ne rileva quattrocento, tra incidenti a opera di militanti di estrema destra e attività antisemite, che vedrebbero il coinvolgimento di ufficiali di polizia²⁵.


Se in passato i media tedeschi avevano considerato l’estremismo di destra un fenomeno che caratterizzava soprattutto la ex DDR, le recenti indagini mostrano una capillare diffusione sul territorio nazionale. Secondo alcuni analisti si tratta di un fenomeno che potrebbe essere posto in correlazione con la crescita delpartito populista di destra Alternative für Deutschland (AfD), che conta molti elettori tra le forze dell’ordine e i militari, mentre altri fanno notare che al suo interno le frange estremiste sono minoritarie e che in Germania i nazisti veri non scelgono la militanza nei partiti²⁶.

 

2019-04-11 Pressekonferenz der AfD by Olaf Kosinsky-8116.jpg
foto : Olaf Kosinsky – Opera propria

Alexander Gauland, (Chemnitz20 febbraio 1941) è un politico tedesco che ha ricoperto il ruolo di co-leader, assieme alla collega Alice Weidel, dell’Alternativa per la Germania (AfD) nel Bundestag da settembre 2017. Dirigente della CDU, alle elezioni statali del lander dell’Assia nel 1987, è diventato Segretario di Stato a capo della Cancelleria di Stato dell’Assia fino al 1991.  Co-fondatore del partito nel 2013, del partito è presidente dal 2017 al novembre 2019. È membro del Bundestag (MdB) dal settembre 2017 al settembre 2021.

 

 

AfD è generalmente considerato un partito pro russo come si evince dalla contrarietà alle attuali sanzioni contro Mosca e dalle precedenti prese di posizione. Nel 2019 il leader del partito Alexander Gauland aveva già espresso la sua opposizione a sanzionare la Russia e dichiarato al quotidiano Komsomol’skaja Pravda che la Germania non avrebbe dovuto essere coinvolta nella questione russo-ucraina sui territori contesi²⁷.


 

Il vice ammiraglio Kay-Achim Schönbach è ispettore della marina tedesca nel comando navale.
Il vice ammiraglio Kay-Achim Schönbach / foto : https://www.focus.de/

 

Un ulteriore scandalo che ha recentemente colpito l’esercito tedesco è quello del viceammiraglio Kay-Achim Schönbachpoi dimessosi con effetto immediato, che durante un convegno a Delhi ha affermato che l’Ucraina non riuscirà mai a recuperare la Crimea e che «va dato il rispetto che merita» al presidente russo Putin.

Se per l’Italia è storicamente assodato che sin dagli anni Settanta i più noti movimenti della destra radicale (An e On) avessero posizioni antisovietiche e guardassero con favore ai golpe militari a guida americana come quelli in Grecia e in Cile, la situazione tedesca era anche all’epoca ben più complessa. Ciò si evince, ad esempio, dal caso del gruppo neonazista tedesco Hoffmann, responsabile della strage all’Oktoberfest del 1980, che infiltrato sia da Stay Behind sia dalla Stasi aveva assunto posizioni filopalestinesi dopo una rocambolesca esperienza in Libano²⁸.

 


Carta di Laura Canali - 2022

Carta di Laura Canali – 2022


 

È pertanto difficile, rispetto alla situazione dei paesi baltici, dell’Ucraina e della Finlandia, dove è dominante la mitizzazione filo-Nato, asserire in quale direzione prevalente si possa attivare effettivamente il mito delle Waffen-SS nella destra radicale e nel neonazismo tedesco. Se il loro mito gioca e ha giocato un ruolo di attivazione e incremento degli ipernazionalisti baltico, ucraino e in parte finlandese, in funzione antirussa e atlantista, è difficile al momento definirne la traiettoria in Germania.


Il mito dell’élite militare del Terzo Reich, oltre che per il succitato fenomeno dei foreign fighters nei conflitti in corso e potenzialmente in quelli futuri, appare rilevante anche per una sua possibile e ulteriore attivazione politica e geopolitica. Qualora il nascente nuovo ordine mondiale multipolare si traducesse in una contrapposizione Ovest-Est, non è possibile escludere che le frange dell’estrema destra europea, cultrici di opposte mitizzazioni, possano essere attivate a diverso livello, sia di propaganda sia operativo, in uno scenario che ricorderebbe quello della guerra fredda. Permanendo i dubbi sull’orientamento che il mito delle Waffen-SS determina in Germania, la situazione di Italia, Finlandia, paesi baltici e Ucraina è chiaramente indirizzata a un radicale antirussismo e atlantismo.


 

La narrazione dei media italiani sul battaglione Azov. Dopo un’iniziale stigmatizzazione del suo indirizzo neonazista sembra anticipare un possibile scontro Occidente-Oriente, accusato di numerosi crimini di guerra in Donbas²⁹, il battaglione ucraino viene oggi presentato prevalentemente come difensore delle democrazie occidentali, con interviste chiarificatrici alle mogli dei miliziani³⁰.

pordenonelegge : Toni Capuozzofoto : https://www.pordenonelegge.it/

Antonio Capuozzo (Palmanova7 dicembre 1948), è un giornalistascrittoreblogger e conduttore televisivo italiano.

 

Un approccio propagandistico che ha spinto il cronista di guerra Toni Capuozzo a definire i membri di Azov come «nazisti pragmatici»³¹ e gli eurasisti a definizioni irridenti come «nazisti buoni» e «NaziNato».


È utile notare come uno scenario di forte contrapposizione Occidente-Oriente che si traduca in una nuova guerra fredda³² potrebbe innescare la riattivazione di esperienze e strutture come quelle di Stay Behind³³

( COME L’ORGANIZZAZIONE GLADIO: https://www.youtube.com/watch?v=lVqaYX8tA1E – 7 minuti ca//
G. Pellegrino, G. Fasanella, C. Sestieri, Segreto di Stato. La verità da Gladio al caso Moro, Torino 2000, Einaudi. )

 

In questo scenario e nel quadro di queste strutture, non è possibile non considerare che un certo interesse per i militanti animati dal mito occidentalista delle Waffen-SS e da forte antirussismo e sinofobia potrebbe rientrare nuovamente nella strategia operativa della Nato. Se molto ci si è interrogati sull’uso del lessema «denazificazione» adoperato da Putin durante il discorso che annunciava l’«operazione militare speciale» in Ucraina, non è da escludere, viste anche le numerose proteste formali presentate da Mosca contro la mitizzazione ufficiale avvenuta nei paesi baltici, che il leader russo facesse riferimento a un crescente uso culturale, militare e geopolitico in senso filoccidentale e pro Nato del mito delle truppe di élite nazionalsocialiste.


Carta di Laura Canali - 2021

Carta di Laura Canali – 2021


Note:

¹ N. Guerra, I volontari italiani nelle Waffen-SS. Pensiero politico, formazione culturale e motivazioni al volontariato, Chieti 2014, Solfanelli, p. 11.

² K.W. Estes, A European Anabasis – Western European Volunteers in the German Army ad SS, 1940-1945, Capitolo 4: «Transformation in 1943», New York 2003, Columbia University Press, p. 2.

³ M.P. Gingerich, «Waffen-SS recruitment in the “Germanic” Lands, 1940-41», Historian, n. 59, Estate 1997, pp. 815-830.

⁴ T. Ripley, The Waffen-SS at war. Hitler’s Praetorians 1925-1945, St. Paul 2004, Zenith Imprint, p. 90.

⁵ A. Umland, “Irregular Militias and Radical Nationalism in Post-Euromaydan Ukraine: The Prehistory and Emergence of the “Azov” Battalion in 2014», Terrorism and Political Violence, vol. 31, n. 1, 2019, pp. 105-131; T. Bezruk, A. Umland, V. Weichsel, «Der Fall “Azov”. Freiwilligenbataillone in der Ukraine», Osteuropa, vol. 65, n. 1-2, pp. 33-41; T. Saressalo, Aki-Mauri Huhtinen, «The Information Blitzkrieg. “Hybrid” Operations Azov Style», The Journal of Slavic Military Studies, vol. 31, n. 4, pp. 423-443.

⁶ Aa.Vv., Donbass. Una guerra nel cuore dell’Europa, Firenze 2017, Passaggio al Bosco; M. Dalla Mora, From the Euromaidan to the Hybrid War in the Donbass An Analysis of the Ukraine Crisis and the Determinants of Russian Foreign Policy, Saarbrücken 2019, AV Akademikerverlag.

⁷ «Casapound e i neonazisti ucraini del Battaglione Azov», Voxkomm, youtube.com; «La foto della bandiera di CasaPound nel campo di addestramento nazista di Carpatian Sich», Giornalettismo, 20/11/2017.

⁸ N. Guerra, «Il linguaggio politico di piazza della destra radicale e dei movimenti neofascisti negli anni di piombo», Mediterranean Language Review, n. 27, 2020, pp. 61-85; Id., «Il linguaggio degli opposti estremismi negli anni di piombo. Un’analisi comparativa del lessico nelle manifestazioni di piazza», Italian Studies, vol. 75, n. 4, 2020, pp. 470-486; Id., «Il linguaggio politico della sinistra e della destra extraparlamentari negli anni di piombo», Italian Studies, vol.76, n. 4, 2021, pp. 406-420.

⁹ F. Steiner, Die Freiwilligen. Idee und Opfergang, Göttingen 1958, Presse-Verlag.

¹⁰ K.W. Estes, A European Anabasis – Western European Volunteers in the German Army ad SS, 1940-1945, Introduction: «The Volunteer Phenomenon», New York 2003, Columbia University Press, 2003, p. 6.

¹¹ C. Bishop, SS Hitler’s foreign divisions. Foreign volunteers in the 338 Waffen-SS 1940-1945, London 2005, Amber Books, p. 11.

¹² E.-C. Pettai, V. Pettai, Transitional and Retrospective Justice in the Baltic States, Cambridge 2014, Cambridge University Press, p. 234.

¹³ Interrogazione orale H-0567/06, Parlamento europeo, 20/6/ 2006.

¹⁴ «Estonian Pro-Fascists Celebrate Country’s 1944 Waffen SS Legion», Defending History, vol. XIII, n. 4618, 29/72013.

¹⁵ M. Minkenberg, Transforming the Transformation? The East European Radical Right in the politica process, London-New York 2015, Routledge.

¹⁶ N. Thomas, J. Shumate, Hitler’s Russian and Cossack Allies 1941-45, London 2015, Bloomsbury Publishing Plc; E. Nolte, La guerra civile europea 1917-1945. Nazionalsocialismo e bolscevismo, Milano 2008, Rizzoli, pp. 539-543.

¹⁷ J. Tyrkkö, Lauri Törnin tarina. Vapaustaistelijan vaiheita Viipurista Vietnamiin, Helsinki 1982, Alea-kirja; J.M. Cleverley, Born a soldier. The times and life of Larry A. Thorne, Charleston 2008, BookSurge Publishing.

¹⁸ A. Scianca, «La “tentazione Jalta” e il nostro futuro», Il Primato Nazionale, n. 55, 2022, p. 17.

¹⁹ Ivi, pp. 14-17; A. Piscitelli, «Il sole non sorge (ancora) a Est», ivi, pp. 24-27.

²⁰ J. Kaplan, The 21st century Cold War. A new world order?, London-New York 2021, Routledge; P. Urio, «China and the New World Order. Why and How China’s Foreign Policy Has Put an End to the World America Made», in China 1949-2019, Singapore 2019, Springer, pp. 195-320; «The alternative world order», The Economist, 19/3/2022.

²¹ A. Scianca, «La “tentazione Jalta” e il nostro futuro», Il Primato Nazionale, n. 55, 2022, p.15.

²² «Why Macron matters», The Economist, 9/4/2022.

²³ M. Bartsch, M. Baumgärtner, J. Diehl et al., «Exploring Right-Wing Extremism in Germany’s Police and Military”, Der Spiegel, 13/8/2020.

²⁴ A.-S. Lang, «Alles, was hier passiert, ist Ihr Schicksal», Frankfurter Allgemeine, 8/4/2022.

²⁵ M. Bartsch, M. Baumgärtner, J. Diehl et al., op. cit.

²⁶ Ibidem.

²⁷ «AfD-Mann führt Delegation nach Russland», NtvMarta 17/6/2019; E. 9esnokov, «Glava partii “Al’ternativa dlja Germanii” Aleksandr Gauland: “Situacija v Donbasse – eto vnutrennee delo Rossii i Ukrainy”» («Il capo del partito Alternativa per la Germania: Alexander Gauland: “La situazione nel Donbas è affare interno tra Russia e Ucraina”), kp.ru, 9/3/2019.

²⁸ N. Guerra, “La Strage di Bologna nel contesto storico della Guerra Fredda. Le “piste palestinesi”, il Lodo Moro e le “relazioni scomode” nel percorso di ricerca storica», Settentrione – Nuova Serie, n. 28, 2016, pp. 65-80.

²⁹ «War crimes of the armed forces and security forces of Ukraine: torture and inhumane treatment. Second report», Osce, 2015, The Foundation for the Study of Democracy; «You Don’t Exist». Arbitrary Detentions, Enforced Disappearances, and Torture in Eastern Ukraine», 2016, Amnesty International Usa; «Unlawful detentions and torture committed by Ukrainian side in the armed conflict in Eastern Ukraine», Kyiv 2017, Usaid.

³⁰ I. Riccio, «“Fiere di loro”: la battaglia delle mogli dell’Azov», Il Giornale, 29/4/2022; A. Muglia, «Ucraina, a Roma la moglie del capo del reggimento Azov: “Non siamo nazisti, ecco come si vive nell’acciaieria”», Corriere della Sera, 29/4/2002.

³¹ S. Palazzo, «Toni Capuozzo: “Battaglione Azov? Nazisti pragmatici»”. Pirog: “No, siamo nazionalisti”», ilsussidiario.net, 26/4/2022.

³² G.M. Hahn, Ukraine over the edge. Russia, the West and the «new Cold War», Jefferson 2018, McFarland & Company Inc. Publishers.

³³ D. Ganser, NATO’s secret armies. Operation gladio and terrorism in western Europe, London 2005, Frank Cass; G. Pellegrino, G. Fasanella, C. Sestieri, Segreto di Stato. La verità da Gladio al caso Moro, Torino 2000, Einaudi.

1 NOTA :

 Il significato strategico dell’Intermarium risiede nella volontà di creazione di un terzo polo geopolitico tra Germania e Russia. Sebbene il piano sia stato concepito soprattutto dalla risorta Polonia alla fine della Prima guerra mondiale, negli ultimi anni dodici paesi dell’Europa centro-orientale hanno inaugurato un progetto che si ispira ad esso chiamato Three Seas Initiative (TSI) o Trimarium. Formalmente, la TSI si autodefinisce un forum per stimolare il commercio e la connettività nei campi del trasporto, dell’energia e delle infrastrutture tra Stati membri dell’UE posti tra il Mar Baltico, l’Adriatico e il Mar Nero anche attraverso il consolidamento di forti legami transatlantici. Tuttavia, una comprensione geopolitica della TSI porta a considerarla uno strumento concepito per controbilanciare il peso di Berlino, Parigi o Roma all’interno dell’UE, promuovere gli interessi degli Stati Uniti e della NATO in Europa centro-orientale, e, estendendo lo sguardo a paesi post-sovietici come l’Ucraina, accrescere la rivalità tra Occidente e Russia.

 

DA :

Logo

Dall’Intermarium al Trimarium. L’Europa centro-orientale tra nuove iniziative e vecchi schemi

https://www.geopolitica.info/europa-centro-orientale-nuove-iniziative-vecchi-schemi/#:~:text=Il%20concetto%20dell’Intermarium%2C%20letteralmente,intellettuale%20e%20strategico%20polacco%20interbellico.

Pubblicato in GENERALE | 1 commento

MARANO ANDREA @AndreaMarano11 – 8.24 — 30 novembre 2022 — grazie !

 

ᴘᴜɴᴛᴏ ᴅɪ sᴠɪsᴛᴀ

 

ELLE KAPPA 

 

SU REPUBBLICA

 

 

Pubblicato in GENERALE | Lascia un commento

Gislaine🌸🌷 @magioliveira — 15.25 — 29 novembre 2022 — grazie !

 

gattino affamato

 

Pubblicato in GENERALE | 1 commento

Gabriele Corno @Gabriele_Corno — 9.09 — 29 novembre 2022 — bellissimo !

 

 

Viaggiando con i Cranes lungo la vallata della Loira

 

Pubblicato in GENERALE | 1 commento

ANSA.IT — 30 NOVEMBRE 2022 –11.06 :: Ecco ‘Sisifo’, nuovo tirannosauro antenato del T-rex. Scoperto negli Usa, è l’anello mancante nell’evoluzione

 

 

Ecco ‘Sisifo’, nuovo tirannosauro antenato del T-rex.

Scoperto negli Usa, è l’anello mancante nell’evoluzione

 

ANSA.IT — 30 NOVEMBRE 2022 –11.06


https://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/terra_
poli/2022/11/29/ecco-sisifo-nuovo-tirannosauro-antenato-
del-t-rex_f32e9419-6700-4a39-a703-c67d8ce724c6.html#:~:text=Scoperto%20negli%20Usa%2
C%20%C3%A8%20l’anello%20mancante%20nell
‘evoluzione&text=Scoperta%20negli%20Stati%20
Uniti%20una,come%20le%20prominenti%20creste%20sopraccigliari.

 

 


Daspletosaurus wilsoni aveva creste sopraccigliari uniche (fonte: © Andrey Atuchin & Badlands Dinosaur Museum)

 

Quattro tirannosauri lottano per la carcassa di un centrosauro (fonte: © Rudolf Hima & Badlands Dinosaur Museum)

 

§
D. wilsoni era l’anello di congiunzione tra D. torosus e D. horneri (fonte: Badlands Dinosaur Museum)

 

Scoperta negli Stati Uniti una nuova specie di tirannosauro considerata l’anello mancante nella linea evolutiva che ha portato al T-rex: chiamata Daspletosaurus wilsoni, presenta caratteristiche anatomiche uniche, come le prominenti creste sopraccigliari.

Lo dimostrano i resti dell’esemplare rinvenuto in Montana, soprannominato ‘Sisifo’ perché come il personaggio mitologico era sovrastato da un’enorme quantità di materiale roccioso, ben otto metri. Il suo identikit è pubblicato sulla rivista PeerJ dai paleontologi della Montana State University e del Badlands Dinosaur Museum in North Dakota.

Lo studio è stato condotto sul cranio e sullo scheletro parziale di Sisifo, recuperati tra il 2017 e il 2021 dalla Judith River Formation nella regione nord-orientale del Montana.

Il fossile, risalente a circa 76 milioni di anni fa, presenta un mix di caratteri tipici dei tirannosauri più primitivi trovati in rocce più antiche, come le prominenti creste sopraccigliari, e caratteri più vicini a quelli dei tirannosauri di epoche successive (incluso il T-rex), come le alte orbite oculari e le tasche pneumatiche espanse (in pratica delle sacche d’aria) che alleggerivano il cranio. Ciò suggerisce che D. wilsoni potrebbe essere l’anello mancante nella linea evolutiva dei Daspletosaurus che ha portato al T-rex.

Pubblicato in GENERALE | 1 commento

ANSA.IT –30 NOVEMBRE 2022 –15.01 :: Tumori, al via la terapia combinata. Ha un doppio bersaglio. Iavarone, scoperto ruolo delle mutazioni

 

ANSA.IT –30 NOVEMBRE 2022 –15.01
https://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/biotech/2022/11/30/tumori-al-via-la-terapia-combinata.-ha-un-doppio-bersaglio_3e4c3566-f5b7-4214-9e93-3bfbd4d5b2e4.html

 

Tumori, al via la terapia combinata. Ha un doppio bersaglio.

Iavarone, scoperto ruolo delle mutazioni

 

 

 

Al nastro di partenza negli Stati Uniti i primi test di terapia combinata contro i tumori, nei quali almeno due farmaci vengono diretti simultaneamente contro due proteine note per aiutare le cellule malate: è il nuovo approccio nato dalla scoperta del ruolo svolto dalle mutazioni genetiche che causano i tumori.

Pubblicato su Cancer Discovery, la rivista dell’Associazione americana per la ricerca sul cancro (Aacr), il risultato si deve al gruppo coordinato dall’italiano Antonio Iavarone, che da molti anni ha lasciato l’Italia per lavorare negli Stati Uniti e che dalla Columbia University di New York si è recentemente trasferito nell’Università di Miami, dove è vicedirettore del Sylvester Comprehensive Cancer Center. Con lui ha condotto la ricerca un’altra italiana, Anna Lasorella, docente di Biochimica e Biologia molecolare nello stesso centro di ricerca.

Le prime mutazioni coinvolte nei tumori erano state scoperte dagli stessi ricercatori nei tumori maligni del cervello.

“Adesso sappiamo che lo stesso gene, chiamato LZTR1, è coinvolto in più tumori e in alcune sindromi legate allo sviluppo di tumori, come la Schwannomatosi, una condizione rara e dolorosa che consente ai tumori benigni di crescere attorno ai nervi”, ha detto Iavarone all’ANSA. “Abbiamo scoperto che cosa fanno le mutazioni coinvolte nei tumori e questo – ha aggiunto – è importante perché permette di bersagliare i meccanismi dello sviluppo tumorale. Ora possiamo sfruttare questa conoscenza”.

E’ un passo in avanti importante verso la nuova strategia che identifica i tumori sulla base delle loro caratteristiche molecolari e che sceglie quindi come bersagli i meccanismi legati alle mutazioni pericolose. Il gene LZTR1, per esempio, finora era noto per essere un nemico dei tumori (oncosoppressore), e adesso si è visto che quando muta diventa invece un alleato dei tumori, favorendone lo sviluppo. I ricercatori hanno scoperto che, in condizioni normali, il gene distrugge due proteine, chiamate EGFR e AXL, che tendono ad accumularsi in modo abnorme, provocando la formazione del tumore. Se invece è mutato, non le blocca. “Le mutazioni di LZTR1 svolgono un ruolo significativo in molti tumori, tra cui il tumore del polmone, cervello, mammella, colon, esofago e altri. Inoltre, le variazioni ereditarie di LZTR1 possono causare la syndrome nota come Schwannomatosi”, ha detto Lasorella.

“Adesso si sa quali sono le due proteine, entrambe molto importanti per lo sviluppo dei tumori umani – ha detto Iavarone – e sappiamo che esistono già dei farmaci di precisione progettati per bloccarle. Il problema – aggiunge – è che sono utilizzati spesso senza successo”. Questo accade perché sono spesso somministrati singolarmente e, se si colpisce una sola proteina, l’altra continua ad aiutare il tumore. “Per questo le proteine EGFR e AXL vanno bloccate entrambe, con una terapia combinata dei due farmaci”. Dopo i risultati incoraggianti nei topi, la sperimentazione clinica è prevista a breve, su pazienti che hanno la mutazione del gene LZTR1, sebbene siano colpiti da diverse forme di tumore.

Pubblicato in GENERALE | 1 commento

VIDEO, MEZZ’ORA IN PIU’, 27 -11-2022 – CONTE –E ALTRI -+ LUCA DE CAROLIS, La piazza di Conte: “A Napoli il 2 dicembre per il Reddito” — IL FATTO QUOTIDIANO DEL 28 NOVEMBRE 2022

 

 CONTE INIZIA AL MINUTO:  -1h . 06. 05 – Svimez

 

MEZ’ORA IN PIU’ -VARI OSPITI DA LUCIA ANNUNZIATA– DOMENICA 27 NOVEMBRE 2022

https://www.raiplay.it/video/2022/11/Mezzora-in-piu—Puntata-del-27112022-3fe71adb-8e0b-4fc6-9e89-57db68d31caa.html

 

 

IL FATTO QUOTIDIANO DEL 28 NOVEMBRE 2022
https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2022/11/28/la-piazza-di-conte-a-napoli-il-2-dicembre-per-il-reddito/6888036/

 

 

La piazza di Conte: “A Napoli il 2 dicembre per il Reddito”

 

TAPPE IN TUTTA ITALIA” – In Lombardia si tratta col Pd. In tv da Annunziata l’ex premier in difficoltà sulla vicenda del condono a Ischia del 2018

 

Una data e un luogo per ritrovarsi li ha calati anche lui: il 2 dicembre a Napoli, in una piazza o in un teatro, ovviamente per difendere il reddito di cittadinanza.“Incontreremo i percettori del reddito, e sarà la prima di tante iniziative da Nord a Sud” annuncia Giuseppe Conte durante Mezz’ora in più. Ed è anche la risposta al Pd, che ha convocato per il 17 dicembre una manifestazione contro la manovra del governo Meloni. “Quello è un evento di partito, lasciamo che i dem lo facciano” lo liquida il leader dei 5 Stelle, nel corso di un’intervista non facile.

 

Durante il colloquio l’ex premier tossisce più volte, con Lucia Annunziata che lo esorta a bere dell’acqua. Ma l’avvocato va anche in difficoltà sulla vicenda del condono a Ischia del 2018, deciso dall’allora governo Conte I, quello con la Lega. “Non era un condono, ma una procedura di semplificazione” sostiene l’ex premier, che scende nel dettaglio: “A Ischia c’erano richieste di condono precedenti al terremoto per circa 28mila abitazioni, e richieste per i danni dal sisma per 1100 abitazioni, così cercammo di accelerare quelle pratiche”. Azione e Iv lo contestano con una pioggia di agenzie (“Prende in giro gli italiani, si vergogni”).

Ma Conte ovviamente parla anche dell’attualità politica. E si riparte sempre dal rapporto con i dem: “Non possiamo ragionare di alleanze con il Pd perché abbiamo di fronte un partito che ha avviato una fase costituente e che non si sa che profilo identitario si darà”.

Aspetta il congresso, l’avvocato. Però a febbraio ci sono le Regionali in Lazio e Lombardia, e forse almeno nella regione roccaforte della Lega un’alleanza con i Democratici si può costruire. “Lì non abbiamo un ostacolo come quello dell’inceneritore a Roma, e poi Calenda e Renzi sosterranno Letizia Moratti” notano plurime fonti grilline.

Ma Conte con Annunziata non si espone. Esponenti del M5S del Lazio nelle scorse ore gli hanno rimproverato un’eccessiva apertura al candidato dem in Lombardia, l’eurodeputato Pierfrancesco Majorino.

Così l’avvocato ripiega sulla formula rituale: “Majorino ha affinità con noi ma prima devono venire i contenuti e programmi. O c’è una condivisione di programma e dopo parliamo di candidature o se il Pd dice ‘va tutto bene ma questo è il candidato’ allora noi non possiamo che rispondere che non siamo una loro succursale”. Ma la sensazione diffusa è che l’accordo arriverà. Non a caso Majorino ostenta serenità: “Sono per un confronto franco e schietto con i 5Stelle”.

Anche se Benedetto Della Vedova (+Europa) cannonneggia: “Sosteniamo il candidato del Pd, ma solo in una coalizione senza il M5S”.

 

Nell’attesa, il Movimento è pronto a partire da Napoli per il suo tour in difesa del Reddito. Con piazze e teatri anche al Nord, dove i percettori della misura racconteranno le loro storie. “Cancellarlo sarebbe una follia, provocherebbe un massacro sociale” teorizza Conte. In attesa, di un inverno ancora elettorale.

 

Pubblicato in GENERALE | 1 commento

🕊️ Birds Pazy 🐦 @PazyBirds — 7.39 — 30 novembre 2022 – grazie ! + un altro uccello bellissimo

Capped Heron
FOTO :

Capped Heron klassmannphoto

 

Immagine

L’ airone dal cappuccio ( Pilherodius pileatus ) è un uccello acquatico endemico dei neotropici, che abita la foresta pluviale dal centro di Panama al sud del Brasile. È l’ unica specie del genere Pilherodius, e una delle meno conosciute della famiglia degli aironi, Ardeidae.

https://en.wikipedia.org/wiki/Capped_heron

 

 

19.37 — 27 novembre 2022

Landing on one foot

vik_d_photography

 

Immagine

Pubblicato in GENERALE | Lascia un commento

Ugo Ramella @RamellaUgo – 20.31 – 29 novembre 2022 — grazie infinite, è bellissima oltre ..

 

Andrea Mantegna, Madonna della tenerezza, Padova Musei Civici agli Eremitani. Disegnato a punta d’argento con lumeggiature d’oro su sfondo dipinto a tempera colla e oro. Ogni tanto la metto. Buonanotte a tutti a domani.

 

 

Immagine

 

 

segue da :

Home

https://padovacultura.padovanet.it/it/musei/la-madonna-della-tenerezza-di-andrea-mantegna-esposizione-permanente-ai-musei-civici-agli

 

La Madonna della tenerezza di Andrea Mantegna

in esposizione permanente ai Musei Civici agli Eremitani

La Madonna della tenerezza di Andrea Mantegna

Le celebrazioni per il quinto centenario della morte di Andrea Mantegna tenutesi nel 2006 sono state un’importante occasione per far conoscere al pubblico la cosiddetta Madonna della tenerezza. Si tratta di un disegno a penna e inchiostro su pergamena con il fondo dipinto a tempera tornato alla luce presso una collezione privata italiana e assegnato dal noto studioso Lionello Puppi alla mano di Mantegna.

Un primo sostegno possibile all’attribuzione dell’opera a Mantegna viene dalla lettura della breve corrispondenza intercorsa nel novembre-dicembre 1491 tra l’artista e il suo signore, Francesco Gonzaga, in merito a un “quadretino” che Andrea aveva eseguito per il marchese. Questi ne aveva fatto omaggio alla corte milanese, cosicché il pittore si era messo sollecitamente al lavoro per donargliene un secondo, non necessariamente replica del primo. Nel “quadretino” che veniva presentato al Gonzaga il 21 dicembre 1491 si deve con tutta probabilità  identificare la Madonna della tenerezza.

 

 

Mantegna, madonna col bambino, incisione, sammlung albertina.jpg

La Madonna col Bambino è un’incisione a bulino e puntasecca su carta (21×22 cm), databile al 14801485 circa e conservata, in una delle migliori riproduzioni, al Graphische Sammlung Albertina di Vienna ( SEGUE, NOTA 1 )

 

 

E’ evidente l’identità  di impostazione con una celebre stampa di Mantegna raffigurante lo stesso soggetto. Definita ” la più bella stampa del Rinascimento italiano  e una delle più toccanti Madonne con il Bambino di tutta la storia dell’arte”, questa incisione rientra nel raro numero di stampe mantegnesche la cui autografia è unanimemente accettata dagli studiosi.

L’opera ritrovata ne ricalca con estrema finezza il soggetto che colloca la figura della Vergine in un paesaggio archeologico dove si riconoscono l’Arco dei Gavi, il Colosseo e un sarcofago allora in Santa Maria Maggiore a Roma (nel 1491 Mantegna era da poco tornato a Mantova dal soggiorno romano).

Nel 1913 la Madonna della tenerezza si trovava nella collezione parigina di Léonce Rosenberg – famoso raccoglitore d’opere delle Avanguardie tra Otto e Novecento, ma anche di manufatti d’arte extraeuropea e di miniature – e veniva pubblicata da un altro personaggio di spicco, il bibliofilo Seymour de Ricci, in un elegante catalogo dedicato alla raccolta.

Precedentemente il disegno era stato di proprietà  di Arthur Sambon – anch’egli legato alle Avanguardie e a Modigliani in particolare – e, prima ancora, di una “duchesse de GÍnes”, nella quale è possibile riconoscere la celeberrima Maria Brignole Sale, duchessa di Galliera, filantropa e fine intenditrice d’arte, vissuta a Parigi dal 1836 fino all’espulsione degli Orléans dalla Francia.

In questa fase lopera doveva già  essere considerata di Mantegna, sia sulla base di un’iscrizione del primo Cinquecento – Andrea Mantegna – apposta sul supporto cartaceo cui il velino risultava incollato, sia in considerazione della replica esatta del primo stato della più toccante tra le incisioni di Andrea.

 

 

( SEGUE, NOTA 1 )

Andrea Mantegna fu probabilmente il primo artista italiano a capire l’importanza dell’incisione applicandovisi direttamente, dopo che molte sue opere erano state ridotte per la stampa da altri artisti, ricevendo una straordinaria diffusione e fama che allargarono l’interesse verso l’artista ben oltre i confini del marchesato di Mantova dove lavorava.

Tramite l’uso incrociato di bulino e puntasecca, l’artista riusciva ad ottenere straordinari effetti chiaroscurali, che fanno risaltare il disegno come un rilievo statuario. Ne è un ottimo esempio la Madonna col Bambino, ricca di sfumature e trapassi, con uno straordinario panneggio nella veste della Madonna che sembra sollevarsi dal foglio.

Si tratta di una Madonna dell’Umiltà, con la Vergine seduta in terra con il figlio teneramente tra le braccia. Nella scena, riportata anche in pittura da alcuni allievi ed estimatori di Mantegna, è abbandonata ogni sacralità in favore di un’osservazione affettuosa ed umana di una donna che abbraccia il proprio figlio.

Tatjana Pauli, Mantegna, serie Art Book, Leonardo Arte, Milano 2001

 

 

MUSEI CIVICI AGLI EREMITANI– INFO-

Info: tel. 049.8204508 fax 049.8204566
Musei Civici agli Eremitani, piazza Eremitani 8
Orario: tutto l’anno 09:00 – 19:00
chiusura: tutti i lunedì non festivi, Natale, S. Stefano, Capodanno, I Maggio
Biglietti: cumulativo intero (Musei Eremitani, Palazzo Zuckermann e Cappella degli Scrovegni) euro 12,00; intero (Museo Eremitani e Palazzo Zuckermann) euro 10,00; ridotto euro 8.00, ridotto speciale euro 5.00; gratuito bambini fino ai 6 anni, disabili
Catalogo SKIRA

Pubblicato in GENERALE | Lascia un commento

PER IL ” SIGNORE ” FRANCHINO — Toto’ – Signori si nasce – Mix scene!! –11 min. ca

 

 

FRANCHINO IN TUTTO IL SUO SPLENDORE.. UN NATALE FA

 

Pubblicato in GENERALE | 2 commenti

MARANO ANDREA @AndreaMarano11 – 20.09 — 29 novembre 2022 — grazie mille, come al solito !

 

 

 

DANILO MARAMOTTI 

IL MANIFESTO, 27 NOVEMBRE

 

 

 

Pubblicato in GENERALE | 1 commento

MARANO ANDREA @AndreaMarano11 – 20.10 — 29 novembre 2022 — grazie ! + altro

 

Casamicciola, 24 ottobre del 1910

 

 

 

 

 

DA : OPEN.ONLINE- 26 NOVEMBRE 2022 – link sotto

«Ccà pare Casamicciola»: la devastazione del 1883

 

immagini, vedi sotto il link:

 

L'inferno del 1883, quando "successe Casamicciola". I morti allora furono 2300

 

immagini di :
https://www.agi.it/cronaca/terremoto_casamicciola_1883_ischia-2079163/news/2017-08-22/

 

L’Isola d’Ischia, inoltre, si trova in una zona ad alto rischio sismico. Solo 5 anni fa, nell’agosto del 2017, una scossa di terremoto di magnitudo 4.0 colpì i comuni Casamicciola e Lacco Ameno, causando la morte di 2 persone, oltre ai crolli e alla distruzione parziale di diverse abitazioni. Secondo l’archivio dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), tra il 1228 al 1883, sull’isola di Ischia si sono registrati 15 terremoti, 12 dei quali con epicentro a Casamicciola. Il 28 luglio 1883 Casamicciola fu epicentro di un devastante terremoto di magnitudo 5,8 che causò la morte di 2.313 persone. Tra i sopravvissuti al terremoto c’era anche il filosofo e futuro membro dell’Assemblea Costituente della Repubblica italiana, Benedetto Croce, che all’epoca aveva 17 anni. Suo padre, sua madre e sua sorella persero invece la vita. Venne estratto vivo dalle macerie, con fratture su tutto il corpo, dal politico e storico Giustino Fortunato, tra i più importanti esponenti del Meridionalismo.

 

Episodio della vita del cardinale Sanfelice. Sua Eminenza nel disastro di Casamicciola nel 1883.
Sconosciuto – L’illustrazione popolare, Fratelli Treves Editori – Milano, 1897.

 


Isola di Ischia, Casamicciola – Chiesa distrutta dal terremoto del 1883. Numero di catalogo sconosciuto.
Giorgio Sommer – https://www.facebook.com/photo.php

Casamicciola, casa Glouchi
Giorgio Sommer– Questa immagine è resa disponibile dalla biblioteca digitale Gallica

 

Grand Hotel des Etrangers, Casamicciola. Danni del terremoto del 1883.
Giorgio Sommer– Questa immagine è resa disponibile dalla biblioteca digitale Gallica

 

 


Monte della Misericordia, Casamicciola Terme. Distruzione dopo il terremoto del 1883.
Giorgio Sommer – Questa immagine è resa disponibile dalla biblioteca digitale Gallica

tutte le photo sono di:
https://commons.wikimedia.org/wiki/Category:1883_Casamicciola_earthquake?uselang=it#/media/File:Sommer,_Giorgio_(1834-1914)_-_n._8196_-_Casamicciola_-_Monte_della_Misericordia.png

 

 

E fu proprio da quel terremoto che Eduardo De Filippo, nella sua opera Natale in casa Cupiello del 1931, interpretando il personaggio di Lucariello, dinanzi al tradizionale presepe che nell’opera improvvisamente venne devastato, esclamò con rabbia e altrettanta impotenza: «Ccà pare Casamicciola», ossia «Qui sembra Casamicciola». L’esclamazione di De Filippo nel corso del tempo è entrata nell’uso comune, tra i modi di dire popolari, per indicare situazioni di rabbia, sgomento e impotenza che conducono all’irreparabile.

TRATTO DALL’ARTICOLO DI OPEN.ONLINE
https://www.open.online/2022/11/26/casamicciola-maledizione-precedenti-alluvioni-terromoti/

 

wikipedia: Casamiciola terme – link sotto

Il paese è stato colpito da una frana il 10 novembre 2009, quando un costone del monte Epomeo si è staccato a causa delle piogge, che ha provocato una vittima.

Il 21 agosto 2017 alle ore 20.57 un terremoto di Md 4.0 ha provocato due vittime e il crollo di diverse abitazioni nella parte alta del comune. Da allora le zone e gli abitanti di Piazza Maio, La Rita e La Sentinella sono rimasti totalmente abbandonati dalle istituzioni.

Il 26 novembre 2022 è stato colpito da una frana quando un costone del monte Epomeo, come il 10 novembre 2009, si è staccato a causa delle piogge, che ha provocato vittime, dispersi e sfollati.

https://it.wikipedia.org/wiki/Casamicciola_Terme

Pubblicato in GENERALE | 1 commento

🕊️ Birds Pazy 🐦 @PazyBirds – 19.39 — 29 novembre 2022 — grazie ! + video, 1.14 min.

 

 

Diamond Firetail

photo :. deepak_karra

 

Immagine

 

 

 

video bellissimo, 1.14 minuti–

segue un altro quasi bello uguale di 1 minuto

Tim Siggs

 

Coda di fuoco diamantata, o coda di fuoco a diamante ( Stagonopleura guttata ) è una specie di fringuello estrildide endemico dell’Australia .

Stagonopleura, deriva dal greco per “fianchi macchiati” e guttata dal latino gutta , una “gocciolina”.

segue : 
https://en.wikipedia.org/wiki/Diamond_firetail

Pubblicato in GENERALE | 1 commento

ANSA.IT –28 NOVEMBRE 2022 – 22.39 :: Dal 15 Dicembre 2022 al 07 Aprile 2023 — La lotta e il disincanto, il mondo di Zerocalcare in mostra. Alla Fabbrica del Vapore a Milano oltre 500 tavole originali

 

Zerocalcare con Dopo il botto alla Fabbrica del Vapore di Milano

MANIFESTO DA :
https://cultura.tiscali.it/attualita/articoli/zerocalcare-dopo-botto-fabbrica-vapore-milano/

 

 

Zerocalcare, la grande mostra personale a Milano con oltre 500 tavole

https://radiogold.it/vivere-pavese/325635-zerocalcare-mostra-milano-2022-2023-biglietti/

 

Zerocalcare con Dopo il botto alla Fabbrica del Vapore di Milano - Libri - Altre Proposte - ANSA
FOTO ANSA.IT

MICHELE RECH – ZEROCALCARE – (Arezzo12 dicembre 1983)

Nato ad Arezzo dove lavorava temporaneamente il padre, romano di Rebibbia, e residente alla nascita a Cortona, cresce prima in Francia, paese d’origine della madre, e poi a Roma (zona RebibbiaPonte Mammolo), dove frequenta il Lycée Chateaubriand. Inizia la sua attività di fumettista alla fine delle scuole superiori, realizzando un racconto a fumetti delle giornate del G8 di Genova del luglio 2001.

 

Murale di Zerocalcare nella stazione di Rebibbia della metropolitana di Roma
Nicholas Gemini – Opera propria
Mammuth by Zerocalcare

CONTINUA :
https://it.wikipedia.org/wiki/Zerocalcare

 

 

Immagine di testata

MILANO FABBRICA DEL VAPORE – MILANO

 

Il Bar

 

Calendario eventi

Chi Siamo

Gli Spazi

Gli Spazi

FOTO SOPRA DAL SITO DELLA FABBRICA DEL VAPORE :
https://www.fabbricadelvapore.org/gli-spazi

 

 

 

 

ANSA.IT –28 NOVEMBRE 2022 – 22.39
https://www.ansa.it/canale_viaggiart/it/regione/lombardia/2022/11/28/la-lotta-e-il-disincanto-il-mondo-di-zerocalcare-in-mostra_42f84054-1d8c-4f4e-a3ba-58733de87656.html

 

La lotta e il disincanto, il mondo di Zerocalcare in mostra.

Alla Fabbrica del Vapore a Milano oltre 500 tavole originali

 

 

( ANSA ) – MILANO, 28 NOV – Il potere che piega gli ultimi e la politica incapace di parlare alla gente; la frammentazione sociale aggravata dalla pandemia; la solitudine e la distanza dalla realtà come caratteristica della vita di tanti; e poi la crisi globale e un nuovo conflitto, stavolta alle porte dell’Europa. Arriva il 17 dicembre alla Fabbrica del Vapore di Milano il mondo di lotta, resistenza e disincanto del fumettista Michele Rech in arte Zerocalcare, in una grande mostra ideata da Silvia Barbagallo, prodotta da Arthemisia e organizzata da Minimondi Eventi e Arthemisia in collaborazione con Piuma, che resterà allestita fino al 23 aprile.

Dal titolo “Zerocalcare.

” Dopo il botto” e a cura di Giulia Ferracci, la mostra presenta al pubblico oltre 500 tavole originali, video, bozzetti, illustrazioni e un’opera site specific. Il percorso catapulta subito il visitatore dentro una città immaginifica e post-apocalittica dove, al centro della scena, è posta una strada circondata da palazzi disegnati dall’autore: parte da qui – dagli occhi e dai ‘tentacoli’ di chi da quei palazzi cerca disperatamente di uscire – l’invito di Zerocalcare a riflettere sulla nostra realtà attuale e sull’impegno per la collettività a cui ognuno di noi è chiamato, nonostante la paura verso l’altro creata dalla pandemia. Poi nelle varie sezioni della mostra uno dopo l’altro appaiono i personaggi più celebri del fumettista – dal Cinghiale, al Secco, a Lady Cocca – accanto ad alcuni temi ‘cardine’ affrontati nelle sue pubblicazioni, dalla resistenza del popolo curdo ai lavoratori che protestano per condizioni di vita più dignitose, fino alle battaglie condotte dalla gente comune per una società più giusta. (ANSA).

 

Zerocalcare, <em>Regeni senza</em>, 2017. Disegno di copertina per il numero di Internazionale del 25-31 agosto 2017 sul caso Giulio Regeni. Courtesy Zerocalcare

Zerocalcare, Regeni senza, 2017. Disegno di copertina per il numero di Internazionale del 25-31 agosto 2017 sul caso Giulio Regeni. Courtesy Zerocalcare

 

https://www.arte.it/calendario-arte/milano/mostra-zerocalcare-dopo-il-botto-87623

 

 

Pubblicato in GENERALE | 1 commento