Mauro Biani @maurobiani · 18.20 minuti ca, oggi, @Repubblica, 30 marzo + ANSA.IT — 30 MARZO 2021 : Birmania, ong: almeno 510 i civili uccisi – di cui molto bambini e adolescenti – finora dal golpe. Centinaia le persone arrestate di cui non si hanno più notizie

 

#Myanmar

#Unicef: “In meno di due mesi, secondo le informazioni ricevute, almeno 35 bambini sarebbero stati uccisi, innumerevoli altri sarebbero stati gravemente feriti e quasi 1.000 bambini e giovani sarebbero stati detenuti arbitrariamente”

La vignetta oggi su @repubblica

Immagine

 

 

 

ANSA.IT — 30 MARZO 2021 –4.32

https://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2021/03/30/birmania-ong-almeno-510-i-civili-uccisi-finora-dal-golpe_a8fa286b-afc7-40da-990f-d5ad6fe948e4.html

Birmania, ong: almeno 510 i civili uccisi finora dal golpe.

Centinaia le persone arrestate di cui non si hanno più notizie

 

 

 

 

 

(ANSA) – YANGON, 30 MAR – Sono oltre 500 i civili, tra cui molti studenti e adolescenti, uccisi dalle forze di sicurezza dal colpo di Stato militare del 1 febbraio in Myanmar (ex Birmania), secondo l’Associazione per l’assistenza ai prigionieri politici.    “Abbiamo la conferma di 510 morti”, afferma l’ong specificando che il bilancio “è probabilmente molto più alto”, con centinaia di persone arrestate negli ultimi due mesi di cui non si sa più nulla.

Bilancio che è stato particolarmente pesante sabato, ‘Giornata delle forze armate birmane’, con oltre 110 vittime tra cui sette minori. Nonostante la sanguinosa repressione, ieri i manifestanti sono nuovamente scesi in piazza. Quattordici civili sono morti, la maggior parte nell’est di Yangon (ex Rangoon), la capitale economica del Paese.    Di fronte a questo bagno di sangue, Washington ha annunciato l’immediata sospensione dell’accordo quadro su commercio e investimenti concluso nel 2013 con la Birmania, fino al ristabilimento di un governo “democraticamente eletto”. La Francia ha denunciato “la violenza indiscriminata e omicida” del regime e ha chiesto il rilascio di “tutti i prigionieri politici”, compresa Aung San Suu Kyi, ancora in isolamento. Il Regno Unito, da parte sua, ha chiesto una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza dell’Onu, che si svolgerà domani a porte chiuse. (ANSA).   

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.