Gentile e Giovanni Bellini, Predica di san Marco in Alessandria d’Egitto, 1504-1507, olio su tela, cm 770×347, Pinacoteca di Brera – Milano –

 

 

 

VIDEO, 15 minuti

 

Gli artisti, Gentile e Giovanni Bellini

0:29 L’opera, Predica di san Marco in Alessandria d’Egitto

2:31 Il nostro racconto.

La città moderna 4:36

 

Gentile Bellini, 1429-1507 –

Giovanni Bellini,1433 ca-1516

Predica di san Marco in Alessandria d’Egitto, 1504-1507, olio su tela, cm 770×347, Pinacoteca di Brera – Milano –

di Fabiola Giancotti- legge Gualtiero Scola

 

 

Gentile e giovanni bellini, predica di san marco in alessandria 01.jpg

Gentile e Giovanni bellini, predica di san marco in Alessandria

 

 

 

La Predica di san Marco ad Alessandria d’Egitto è un dipinto olio su tela (347×770 cm) di Gentile e Giovanni Bellini, databile al 1504-1507 e conservato nella Pinacoteca di Brera a Milano.

 

apri qui per vederlo meglio

https://it.wikipedia.org/wiki/Predica_di_san_Marco_ad_Alessandria_d%27Egitto#/media/File:Gentile_e_giovanni_bellini,_predica_di_san_marco_in_alessandria_01.jpg

 

 

 

Bellini Alejandría 01.JPG

 

 

Bellini Alejandría 08.JPG

 

 

dettaglio

commons.wikimedia.org

Miguel Hermoso Cuesta – Opera propria

 

 

 

 

 

Dettaglio

Web Gallery of Art

 

 

 

 

 

Dettaglio

Web Gallery of Art

 

 

 

 

Predica di san Marco ad Alessandria

Autore: Gentile e Giovanni Bellini

1504-1507

Milano, Pinacoteca di Brera

 

Gentile Bellini, fratello maggiore di Giovanni nonché figlio di Jacopo, fu un pittore molto particolare, affascinato dalle sperimentazioni prospettiche, dalle scene affollate, dalla ricchezza di particolari, tanto che in molti vedono in lui una sorta di “anticipatore” del vedutismo veneziano. Sono tutte caratteristiche che ritroviamo nel suo ultimo dipinto, la “Predica di san Marco ad Alessandria”, iniziato nel 1504 ma lasciato incompiuto nel 1507 (anno della scomparsa del pittore), quand’era ormai quasi terminato. Il lavoro fu poi finito da Giovanni Bellini. Gentile si dedicò spesso alla realizzazione dei grandi teleri come questo, e la “Predica di san Marco ad Alessandria”, che gli fu commissionato per un ciclo dalla Scuola Grande di San Marco di Venezia (oggi si trova invece alla Pinacoteca di Brera di Milano) è uno dei teleri più grandi che siano mai stati realizzati. Ricordiamo che cos’è un telero: si tratta di una grande realizzazione su tela che a Venezia “sostituiva” un po’ gli affreschi, perché data l’umidità della città gli affreschi si deterioravano molto facilmente, quindi i muri degli edifici erano tappezzati con questi dipinti spesso spettacolari.

Tra il 1479 e il 1480, Gentile Bellini aveva compiuto un soggiorno a Costantinopoli, e vediamo come la “Predica di san Marco ad Alessandria” sia un dipinto ricco di particolari esotici ed orientaleggianti: le torri che compaiono sullo sfondo, l’abbigliamento di certi personaggi come quelli con il turbante, gli animali (notiamo un cammello e una giraffa tra gli altri), la vegetazione, l’edificio principale che sembra quasi un “incrocio” tra la Basilica di San Marco di Venezia e quella di Santa Sofia di Costantinopoli. Il santo è leggermente decentrato, sulla sinistra, in piedi su un podio mentre arringa gli astanti, tra i quali ci saltano subito all’occhio un gruppo di donne ottomane (ricordiamo che Costantinopoli diventò ottomana nel 1453) in abito bianco e con il volto coperto. Alle sue spalle vediamo invece un gruppo di gentiluomini veneziani.

 

 

FINESTRE SULL’ARTE– 16 gennaio 2013

https://www.finestresullarte.info/operadelgiorno/2013/86-gentile-e-giovanni-bellini-predica-di-san-marco-ad-alessandria.php

 

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.