JURIJ COLOMBO, Da un compagno russo: “La piccola guerra vittoriosa di Vladimir Putin” — MATRIOSKA, 07 maggio 2022

 

07 maggio 2022

Da un compagno russo: “La piccola guerra vittoriosa di Vladimir Putin”

 

Da un compagno russo: “La piccola guerra vittoriosa di Vladimir Putin”

Queste note sugli aspetti interni che hanno condotto al conflitto in Ucraina, sono state scritte da un compagna che preferiasce, per motivi personali, restare anonima.

 

Dopo le elezioni presidenziali del 2018, il Cremlino ha dovuto affrontare il “problema 2024” – il compito di preparare le prossime elezioni presidenziali.

A prima vista, sembra un compito semplice, la popolarità delle autorità è alta, l’opposizione è sempre facile da schiacciare, tutto è sotto controllo. Ma uno sguardo più attento rivela molti problemi.

Nell’estate del 2018, le valutazioni di Russia Unita e di Vladimir Putin sono crollate drammaticamente dopo l’aumento dell’età pensionabile. Nel giro di pochi mesi, Russia Unita è crollata dal 50% di sostegno al 30%, e il rating del presidente Putin è sceso dall’85% subito dopo le elezioni di marzo al 65% in settembre, cioè di nuovo al livello del 2013, che era prima dell’annessione della Crimea. Così, la riforma delle pensioni ha “mangiato via” l’intero effetto del cosiddetto “consenso della Crimea” conquistato nel 2014.

Analisti attenti hanno notato che la tendenza al ribasso delle valutazioni sia di Russia Unita che di Putin risale al 2017, un processo iniziato prima della riforma delle pensioni. Nel 2020, nonostante la pandemia e i problemi economici che l’accompagnano, i rating del partito al potere e del presidente si sono stabilizzati, ma hanno continuato a strisciare lentamente verso il basso. Alla vigilia delle elezioni della Duma del 2021, il rating di Russia Unita ha raggiunto il minimo storico del 26%, mentre quello di Putin ha sfondato la soglia psicologica del 60%.

In questo contesto, all’inizio del 2020 si parla molto tra le élite di chi potrebbe assumere il potere supremo nel 2024: la costituzione attuale vieta un terzo mandato consecutivo per Putin. Si parla di un successore o di chi potrebbe spodestare Putin e la sua cerchia ristretta.

All’inizio del 2020, Putin annuncia che sta preparando degli emendamenti costituzionali, ma i suoi piani sono interrotti da una pandemia di coronavirus. Il voto nazionale sugli emendamenti deve essere rimandato per diversi mesi e il piano elettorale del Cremlino viene interrotto. La Duma alla fine approva gli emendamenti e la CEC ( Commissione elettorale centrale della Federazione russa ) mostra un alto sostegno tra i russi nel voto nazionale, così la nuova costituzione permette a Putin di correre nel 2024.

Ma gli exit poll indipendenti dai seggi elettorali mostrano un quadro reale degli atteggiamenti russi che è preoccupante per il Cremlino: solo circa la metà di coloro che votano li sostiene. E questo non è certo sufficiente per una riscrittura trionfale del sacro documento sotto Putin.

Parallelamente, Russia Unita e i capisaldi del Cremlino stanno perdendo sempre più spesso le elezioni regionali. Nel 2018, per esempio, il partito al potere ha perso le elezioni in diverse regioni contemporaneamente, la più eclatante delle quali è stata la regione di Khabarovsk, dove l’avversario del Cremlino Sergei Furgal è diventato governatore. Nelle elezioni della Duma di Mosca del 2019, per la prima volta nella sua storia, Russia Unita ha sfiorato la maggioranza, salvata solo da palesi brogli in diversi distretti, e questo dopo la brutale non iscrizione di forti candidati dell’opposizione.

Durante la campagna, sono scoppiate proteste di massa a Mosca. E dopo l’arresto di Furgal nel 2020, le proteste si sono diffuse anche a Khabarovsk. Nelle elezioni della Duma di Mosca del 2021, Russia Unita è stata salvata solo dalla nuova tecnologia di voto elettronico a distanza (DEG) che ha permesso loro di disegnare la percentuale richiesta, mentre il governo ha perso sette dei 15 seggi nelle votazioni dal vivo.

Tutto questo sta accadendo in un contesto di graduale stagnazione economica e una costante caduta del reddito medio reale dei russi. Il modello economico che ha fornito una forte crescita del benessere negli anni 2000 si è esaurito. Anche con gli alti prezzi del petrolio e del gas negli anni 2010, la Russia non ha ancora recuperato i suoi alti tassi di crescita del PIL.

Anche le prospettive socio-demografiche per Putin e la sua élite si sono rivelate sfavorevoli: il loro sostegno si sta spostando verso i gruppi di età più avanzata, mentre le persone sotto i 45 anni, e soprattutto i giovani sotto i 30, sono sempre più insoddisfatti del governo.

Questo è particolarmente evidente nelle proteste di massa che hanno avuto luogo in tutto il paese nel 2018-2021. I gruppi che sostengono Putin stanno invecchiando e morendo, mentre le giovani generazioni sono sempre più orientate verso l’opposizione e, come si può vedere dai sondaggi, soprattutto verso il radicale Alexei Navalny, che ha dovuto addirittura essere avvelenato per costringerlo a uscire dalla politica.

Tutto questo combinato significava che Putin stava perdendo molto lentamente popolarità e potere, con il tempo che giocava contro di lui. Questo era appena percettibile per gli esterni, ma gli analisti attenti del Cremlino lo hanno capito chiaramente. Putin e la sua élite stavano cercando un modo per invertire questa tendenza e prolungare il loro potere.

E hanno trovato la soluzione che le élite autoritarie trovano spesso nella loro posizione – una “piccola guerra vittoriosa”.

Come si è visto nel 2014 con l’esempio della Crimea, i russi sono disposti ad accettare la propaganda anti-ucraina e a sostenere Putin su questa base. Nell’autunno e nell’inverno del 2021, Putin ha iniziato a intensificare il suo confronto con l’Ucraina nei negoziati intorno agli accordi di Minsk. È qui che il suo indice di gradimento ha cominciato a salire davvero.

La situazione si è poi sviluppata in modo tale che il livello di aggravamento doveva essere costantemente aumentato, e ad un certo punto questo ha reso necessaria la minaccia di una vera e propria guerra. Putin ha calcolato che la guerra potrebbe essere condotta alla velocità della luce in 2-3 settimane, mobilitando il suo rating sull’ascesa patriottica dei russi, che sarebbe sufficiente per risolvere il “problema-2024”. Ma sembra che si sia sbagliato nei suoi calcoli, come spesso accade con le “piccole guerre vittoriose”.

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in Bardelli, GENERALE. Contrassegna il permalink.

1 risposta a JURIJ COLOMBO, Da un compagno russo: “La piccola guerra vittoriosa di Vladimir Putin” — MATRIOSKA, 07 maggio 2022

  1. DONATELLA scrive:

    Grazie per queste informazioni, che è difficile trovare altrove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.