Giuseppe Ungaretti, Soldati – 30 ottobre 1918

 

 

La fotografia, la 'cadrega' e Ungaretti – La Libertà online

Bosco di Courton, 30 ottobre 1918

 

Ungaretti in uniforme di fanteria italiana durante la prima guerra mondiale

Giuseppe Ungaretti (Alessandria d’Egitto8 febbraio 1888 – Milano1º giugno 1970) è uno dei principali poeti della letteratura italiana del XX secolo.

Quando nel 1914 scoppiò la prima guerra mondiale, Ungaretti partecipò attivamente alla campagna interventista, arruolandosi in seguito nel 19º Reggimento di fanteria della Brigata “Brescia” quando, il 24 maggio del 1915, l’Italia entrò in guerra. A seguito delle battaglie sul Carso, cominciò a tenere un taccuino di poesie, che furono poi raccolte dall’amico Ettore Serra (un giovane ufficiale) e stampate, in 80 copie, presso una tipografia di Udine nel 1916, con il titolo Il porto sepolto.

Nella primavera del 1918, il reggimento al quale apparteneva Ungaretti si recò a combattere in Francia, nella zona dello Champagne, con il II Corpo d’armata italiano del generale Alberico Albricci. Nel luglio 1918 scrive Soldati, composta nel bosco di Courton.

da : https://it.wikipedia.org/wiki/Giuseppe_Ungaretti

 

Soldati di Giuseppe Ungaretti: analisi e commento della poesia

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

1 risposta a Giuseppe Ungaretti, Soldati – 30 ottobre 1918

  1. ueue scrive:

    Bellissima questa poesia di Ungaretti che mi fa pensare ai lirici greci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.