UNA PAROLA AL GIORNO, 29 DICEMBRE 2022 : ” CARIOCA ” — + altro

 

Una parola al giorno

29 DICEMBRE 2022

https://unaparolaalgiorno.it/significato/carioca

 

IPANEMA BEACH (Rio de Janeiro): Tutto quello che c'è da sapere

RIO DE JANEIRO — SPIAGGIA DI IPANEMA

FOTO : https://www.tripadvisor.it/Attraction_Review-g303506-d312071-Reviews-Ipanema_Beach-Rio_de_Janeiro_State_of_Rio_de_Janeiro.html#/media-atf/312071/378278918:p/?albumid=-160&type=0&category=-160

 

 

Carioca
ca-riò-ca

SIGNIFICATO  — Di Rio de Janeiro; per estensione, brasiliano; danza popolare sud-americana

ETIMOLOGIA voce portoghese, da Carioca, nome di un piccolo fiume presso Rio de Janeiro, di origine tupi, composto di cari ‘bianco’ e oca ‘casa’.

«Non si nota? Lui è un vero carioca!»

 

Le parole hanno comportamenti strani — o meglio, siamo noi a concepirle e a deformarle in maniera strana. Le etichette che appiccichiamo ai fatti e alle cose del mondo si slargano, si precisano, cambiano scala, si sovrappongono continuamente, e ogni volta che lo fanno c’è dietro un meccanismo di pensiero da scoprire. Il termine ‘carioca’ ne è una testimonianza brillante, che ci chiede di fare una piacevole puntatina in Brasile.

 

31 dicembre — Rio de Jaineiro — festa di Jemanjà, la dea del mare nella cultura africana portata dagli schiavi neri – sposata con gli anni con la figura cristiana della Madonna

foto da:  https://www.repubblica.it/esteri/2015/12/30/foto/rio_de_janeiro_festa_per_la_dea_del_mare_sulla_spiaggia_di_copacabana-130392827/1/

 

In origine Carioca è il nome di un fiume, che passa presso Rio de Janeiro. È un nome di origine tupi — un arcipelago di lingue delle popolazioni native dell’America Meridionale — ed è riportato come composto di cari ‘bianco’ e oca ‘casa’, un riferimento ancestrale suggestivo ma difficile da decifrare con sicurezza. Ad ogni modo, il riferimento al fiume è diventato il riferimento alla città intera: per dire che una persona è di Rio, si può dire che è carioca, e si può dire carioca ogni uso e costume della città.

Fin qui niente di strano. Se non che in italiano ‘carioca’ è attestato inizialmente come nome di una danza tipica sudamericana, che negli anni ‘30 si diceva «più ardente del tango argentino, più frenetica della rumba cubana». Tipica sudamericana? Nessun dubbio?

 

Nel ‘33 era uscito Fly Down to Rio, straordinario film d’esordio della coppia danzante Fred Astaire e Ginger Rogers. Fulcro del film è un’esibizione della coppia, questa splendida coreografia di Dave Gould che è appunto detta ‘carioca’.

video, 2. 03 — danza

 

Tutte le attestazioni di ‘carioca’ in italiano sono successive all’uscita del film

Montale nel ‘39 scriveva:

«Presti anche tu alla fioca /

litania del tuo rapido quest’orrida /

e fedele cadenza di carioca?».

 

Peraltro il titolo in Italia fu trasposto proprio con ‘Carioca’. Ma ecco, così come la lingua tupi fu rielaborata e unificata dai gesuiti, così è plausibile che la visita di Fly Down to Rio abbia avuto un ruolo… creativo, riguardo alla concezione di questa danza. Che comunque non ha avuto gran fortuna successiva. Ma la storia non finisce qui.

Dal fiume alla città, dicevamo, e poi dalla città al Paese. ‘Carioca’, se in un primo momento era dichiarato riferito strettamente a Rio de Janeiro, col tempo — complice una lingua sempre in cerca di sinonimi scoppiettanti — è passato a indicare il ‘brasiliano’.

Un’estensione progressiva per sineddoche, che prospera là dove c’è una cultura celebre e prestigiosa che spicca (quale è quella di Rio), e soprattutto dove non si sanno fare troppe differenze: nella nostra mente collettiva abbiamo quel minimo di nozioni geografiche che ci fanno distinguere il Brasile dal Perù e dall’Argentina, quindi non estenderemmo ‘carioca’ al sudamericano in genere — mentre le differenze fra Rio e il resto del Brasile sembrano piallabili. Non che se il Brasile fosse più vicino le cose migliorerebbero: dopotutto i ‘Paesi Bassi’ li chiamiamo ‘Olanda’, il ‘Regno Unito’ lo chiamiamo ‘Inghilterra’. Certo che saper mettere bene a fuoco le cose è utile e fine, e riservare ‘carioca’ a Rio de Janeiro ha una sua eleganza di mondo — ma la lingua fa spesso la disinvolta.

Infine, va detto che ‘carioca’ è un nome estremamente simpatico: qualità che a dispetto della scarsa accademicità sappiamo avere un grosso rilievo nel successo delle parole.

 

 

La ragazza di Ipanema – cantano :  Astrud Gilberto ( moglie ), Joao Gilberto- Stan Getz –( sassofonista )–

La canzone è del 1962 – scritta da Antonio Carlos Jobim  e Vinicius de Moraes

 

“Olha que coisa mais linda
mais cheia de graça
é ela menina
que vem e que passa
no doce balanço, a caminho do mar

 

Moça do corpo dourado
do sol de Ipanema
o seu balançado é mais que um poema
é a coisa mais linda que eu já vi passar

 

Ah, porque estou tão sozinho
ah, porque tudo é tão triste
ah, a beleza que existe
a beleza que não é só minha
que também passa sozinha

 

Ah, se ela soubesse
que quando ela passa
o mundo inteirinho se enche de graça
e fica mais lindo
por causa do amor”.

 

Traduzione.

“Guarda che cosa stupenda
colma di grazia
è lei, la ragazza
che viene e che passa
in un dolce dondolarsi
verso il mare

Bambina dal corpo dorato
dal sole di Ipanema
il suo dondolarsi
è più che poesia
è la cosa più bella
che ho mai visto passare

Ah, perché sono così solo
ah, perché tutto è così triste
ah, la bellezza che esiste
la bellezza che non è solo mia
anche lei passa da sola

Ah, se lei sapesse
che quando passa
il mondo sorridendo
si colma di grazia
e diventa più bello
perché c’è l’amore”.

(Traduzione a cura di Francesco Komd)

TESTO E TRADUZIONE DA:

Tom Jobim – Garota de Ipanema (testo e traduzione)

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

1 risposta a UNA PAROLA AL GIORNO, 29 DICEMBRE 2022 : ” CARIOCA ” — + altro

  1. DONATELLA scrive:

    Parole e musica estatica di fronte alla bellezza e alla grazia. Un momento di grazia assoluta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *