19 LUGLIO 2013 ORE 22:01 GRANDI UMILI EROI DEL NOSTRO TEMPO: OLIMPIA, SALVATORE, VALERIO RICORDANO LA LORO MAESTRA CARLA MELAZZINI

[audio:http://www.neldeliriononeromaisola.it/wp-content/uploads/2013/07/04-Misterios.mp3|titles=04 Misterios]
Le domande vengono prima delle risposte
Fondazione Alfred Lewin

tutte le interviste
tutti i sommari
tutti i libri
gallerie fotografiche
in memoria

UNA CITTÀ n. 170 / Dicembre 2009-Gennaio 2010 2010 

Articolo di Olimpia Apice, Salvatore Sannino, Valerio Valente

LA PROFESSORESSA
Olimpia, Salvatore e Valerio, giovani napoletani di Barra, ricordano la loro insegnante Carla Melazzini.

Olim­pia Api­ce, 23 an­ni, Sal­va­to­re San­ni­no, 20 an­ni e Va­le­rio Va­len­te, 23 an­ni, so­no sta­ti al­lie­vi di Car­la Me­laz­zi­ni. 

Olim­pia. Ave­vo 13 an­ni, quan­do ho co­no­sciu­to la pro­fes­so­res­sa Car­la. Fre­quen­ta­vo una scuo­la me­dia nor­ma­le e un an­no non ci so­no an­da­ta. Io ave­vo dei pro­ble­mi in fa­mi­glia che tu non hai idea. L’an­no che do­ve­vo fa­re la ter­za me­dia, non ce l’ho fat­ta più. Era il pe­rio­do in cui mio non­no era in ospe­da­le e io lo as­si­ste­vo, sta­vo tut­to il gior­no vi­ci­no a lui. Lei un gior­no ven­ne e mi por­tò cin­quan­ta eu­ro, ave­va pu­re com­pra­to un pi­gia­ma a mio non­no. Mi dis­se: “Non pre­oc­cu­par­ti, com­pra­ti qual­co­sa da man­gia­re”, per­ché io non la­vo­ra­vo e in­som­ma non ave­vo nien­te. Lei ha fat­to di tut­to per far­mi pren­de­re la ter­za me­dia. Di tut­to.
A un cer­to pun­to si è pro­prio im­po­sta: “Met­tia­mo qual­cu­no vi­ci­no al non­no, pe­rò tu de­vi ve­ni­re a scuo­la, che tu sei in­tel­li­gen­te”. Do­po­di­ché, ci han­no iscrit­to, a me e Va­le­rio, al­l’A­ciief a San­t’A­na­sta­sia, una scuo­la di for­ma­zio­ne per di­ven­ta­re ope­ra­to­ri ali­men­ta­ri e del­la ri­sto­ra­zio­ne. Ab­bia­mo fat­to due an­ni. La pro­fes­so­res­sa Car­la ci ve­ni­va a pren­de­re la mat­ti­na e ci por­ta­va fi­no a San­t’A­na­sta­sia. Sen­nò noi non an­da­va­mo. Quel­lo che lei vo­le­va da noi era che le des­si­mo sod­di­sfa­zio­ne ncopp’â stu­dio, che fa­ces­si­mo co­me si de­ve.
Do­po aver­la co­no­sciu­ta so­no co­me ri­na­ta. Ci por­ta­va an­che fuo­ri, man­gia­va­mo la piz­za in­sie­me; a vol­te ve­ni­va pu­re Va­le­rio.
Ri­cor­do che in mac­chi­na can­ta­va le can­zo­ni na­po­le­ta­ne an­ti­che, “O’ Sa­ra­ci­no”… Le pia­ce­va­no mol­to. Pe­rò non sa­pe­va par­la­re na­po­le­ta­no. In­fat­ti ne ri­de­va­mo: “Pro­fes­so­res­sa, voi nun sa­pe­te par­la­re na­po­le­ta­no e io non sac­cio par­la­re ita­lia­no, co­me fac­cim­mo?”, “Non fa nien­te, man­gia­ti la piz­za”.
Una vol­ta fi­ni­ta la scuo­la ab­bia­mo con­ti­nua­to a sen­tir­ci e ve­der­ci, io la chia­ma­vo per sa­pe­re co­me sta­va e lei mi in­vi­ta­va fuo­ri.
M’ha aiu­ta­to an­che eco­no­mi­ca­men­te, che io non ave­vo i sol­di, non te­ne­vo nien­te, mi por­ta­va la spe­sa fi­no a ca­sa. M’ha fat­to di tut­to, ma di tut­to ve­ra­men­te. Era ’na fem­mi­na… nun sac­cio, nun sac­cio de­scri­ve­re. Quel­lo che ha fat­to lei per me non l’ha fat­to nean­che mia mam­ma. Mia mam­ma era ma­la­ta, ave­va un tu­mo­re al­le cor­de vo­ca­li, per cui non pen­sa­va trop­po a noi. La pro­fes­so­res­sa Car­la m’ha fat­to peg­gio di una mam­ma, ma peg­gio.
Io mi sen­ti­vo co­me una fi­glia. Il 17 di­cem­bre, e poi il 23 gen­na­io, era sem­pre lei la pri­ma che mi te­fo­na­va e mi fa­ce­va gli au­gu­ri per l’o­no­ma­sti­co e il com­plean­no. Que­sto è sta­to il pri­mo an­no in cui non mi ha fat­to gli au­gu­ri il 17. Lei non si scor­da­va mai. Que­sta ma­lat­tia non se la me­ri­ta­va, quan­do le te­le­fo­na­vo pro­prio non sop­por­ta­vo che te­nes­se una ma­lat­tia. An­che men­tre era in ospe­da­le mi ave­va det­to: “Ades­so non ti pre­oc­cu­pa­re, ti aiu­to io a tro­va­re un la­vo­ro, an­dia­mo as­sie­me…”. Poi pur­trop­po…
Ma l’af­fet­to che m’ha da­to… e poi i pro­ble­mi suoi non ce li ha mai tra­smes­si a noi. C’ha sem­pre sor­ri­so. C’ha fat­to di tut­to. E’ sta­ta una mam­ma. L’ho già det­to, quel­lo che man­ca­va era so­lo il san­gue. E poi nien­te cchiù.

Sal­va­to­re. Ho co­no­sciu­to la pro­fes­so­res­sa Car­la il mio pri­mo an­no di su­pe­rio­ri. A scuo­la non ave­vo dif­fi­col­tà nel­lo stu­dio, ma nel­l’ap­proc­cio con gli in­se­gnan­ti: mol­to spes­so non mi sen­ti­vo ca­pi­to, an­che se co­mun­que i ri­sul­ta­ti riu­sci­vo ad ot­te­ner­li, pe­rò que­sta sen­sa­zio­ne di esclu­sio­ne, di non es­se­re ca­pi­to, mi pe­sa­va tan­to. Non riu­sci­vo a da­re il 100% di quel­lo che al­me­no cre­de­vo di po­ter da­re.
L’in­con­tro con la pro­fes­so­res­sa Car­la è sta­ta la svol­ta del­la mia vi­ta. L’ho co­no­sciu­ta tra­mi­te Be­ni­to, un ami­co. An­che lui ave­va avu­to del­le dif­fi­col­tà, an­che se di ti­po di­ver­so e al­lo­ra mi ave­va par­la­to del­la pro­fes­so­res­sa.
Io al­lo­ra fre­quen­ta­vo un isti­tu­to al­ber­ghie­ro. Io amo stu­dia­re e ave­vo an­che dei buo­ni ri­sul­ta­ti, pe­rò c’è sta­to un pe­rio­do in cui non so­no sta­to be­ne. Pur­trop­po quan­do so­no tor­na­to non han­no vo­lu­to aiu­tar­mi, nel sen­so di dar­mi il tem­po di met­ter­mi in pa­ri e lì so­no na­ti i pro­ble­mi. E’ sta­ta du­ra. Per me la scuo­la non era so­lo un ob­bli­go da as­sol­ve­re, ma un’oc­ca­sio­ne per cre­sce­re, ca­pi­re, ap­pro­fon­di­re… In quel­la scuo­la non ave­vo tro­va­to nul­la di tut­to que­sto.
Gra­zie al­la pro­fes­so­res­sa Car­la ho po­tu­to ac­ce­de­re al­l’O­fis, Of­fer­ta For­ma­ti­va In­te­gra­ta Spe­ri­men­ta­le, in pra­ti­ca ero sem­pre in una scuo­la su­pe­rio­re in cui pe­rò i me­to­di di stu­dio era­no com­ple­ta­men­te di­ver­si. Lì le per­so­ne vo­le­va­no so­lo che io ca­pis­si del­le co­se e che des­si il mas­si­mo. E co­sì è sta­to. Tan­t’è che ho con­clu­so i tre an­ni di Ofis e poi ho con­ti­nua­to in un isti­tu­to nor­ma­le di­plo­man­do­mi col mas­si­mo dei vo­ti. Ap­pe­na usci­ti i ri­sul­ta­ti, ri­cor­do che la pri­ma co­sa che ho fat­to è sta­to chia­ma­re la pro­fes­so­res­sa Car­la. Ab­bia­mo tra­scor­so una mez­za gior­na­ta a ca­sa sua, as­sie­me, a di­scu­te­re, a par­la­re an­che del­le mie scel­te fu­tu­re, del­l’u­ni­ver­si­tà. Lei era fe­li­cis­si­ma, ma ero mol­to fe­li­ce an­ch’io. Pro­prio per lei, per­ché sa­pe­vo che aver ot­te­nu­to quel ri­sul­ta­to era mol­to im­por­tan­te per la pro­fes­so­res­sa. Cre­de­va mol­to in me e aver rea­liz­za­to quel­lo che lei si aspet­ta­va è sta­ta una gran­de gio­ia. Ho vi­sto i suoi oc­chi… beh, tut­to il la­vo­ro che ave­va fat­to per me non era sta­to in­va­no. Che poi io non è che ave­vo bi­so­gno di qual­cu­no che mi spin­ges­se a leg­ge­re o a stu­dia­re, ave­vo bi­so­gno di qual­cu­no che mi des­se del­le si­cu­rez­ze. La pro­fes­so­res­sa Car­la mi da­va quel­la tran­quil­li­tà che mi per­met­te­va di sfrut­ta­re le mie po­ten­zia­li­tà. Mi ha in­se­gna­to a es­se­re più li­be­ro, an­che ri­spet­to a tan­ti pre­giu­di­zi, a ca­pi­re, a pren­de­re nel ver­so giu­sto le co­se che mi ven­go­no det­te.
Ora che non c’è più pen­so che an­che il mo­do in cui ha con­clu­so la sua vi­ta è sta­ta una di­mo­stra­zio­ne di gran­de for­za. Lei non ha mai smes­so di pen­sa­re a noi. In fon­do, a un cer­to pun­to, po­te­va an­che stac­ca­re e di­re: “La­scia­te­mi in pa­ce, ora de­vo oc­cu­par­mi di me”, in­ve­ce l’u­ni­co di­scor­so che si riu­sci­va ad af­fron­ta­re con la pro­fes­so­res­sa Car­la eri tu, i tuoi pro­ble­mi, co­me ri­sol­ver­li…
In que­sto mo­men­to ogni tan­to, se ci pen­so, mi di­co: “Ep­pu­re avrà avu­to dei pro­ble­mi an­che lei”. Pos­si­bi­le che per tut­ti gli an­ni in cui l’ho co­no­sciu­ta non mi sia mai re­so con­to che ave­va an­che lei pre­oc­cu­pa­zio­ni, pen­sie­ri…

Sal­va­to­re. Fi­ni­te le su­pe­rio­ri, io ave­vo avu­to un’op­por­tu­ni­tà di la­vo­ro im­por­tan­te pres­so un’a­zien­da che mi ave­va of­fer­to -se vo­glia­mo met­ter­la in ter­mi­ni eco­no­mi­ci- uno sti­pen­dio ba­se di mil­le e tre­cen­to eu­ro men­si­li, che al gior­no d’og­gi in­som­ma…
Lei mi dis­se: “Sce­gli be­ne, per­ché se de­si­de­ri stu­dia­re, poi non è fa­ci­le tor­na­re in­die­tro”. Si trat­ta­va di un la­vo­ro che mi avreb­be im­pe­gna­to mol­to tem­po: al­la fi­ne non cor­re­vo il ri­schio di tro­var­mi a es­se­re me­no fe­li­ce? In fon­do io vo­le­vo stu­dia­re e al­lo­ra era giu­sto pren­des­si quel­la stra­da. A quel pun­to ho fat­to il te­st per l’u­ni­ver­si­tà. Non ho più avu­to dub­bi. Non so se un do­ma­ni avrò la pos­si­bi­li­tà di gua­da­gna­re una ci­fra del ge­ne­re, pe­rò co­mun­que so di aver pre­so la de­ci­sio­ne giu­sta. Lei non ha fat­to al­tro che far­mi ca­pi­re ciò che de­si­de­ra­vo in quel mo­men­to, che era stu­dia­re. Co­sì ho pre­fe­ri­to met­te­re da par­te il po­ten­zia­le be­ne­fi­cio eco­no­mi­co. Ho ri­nun­cia­to. Ora fac­cio dei la­vo­ret­ti, ov­via­men­te gua­da­gnan­do me­no di un ter­zo di quel­lo che mi era sta­to of­fer­to. Pe­rò stu­dio. In fon­do vo­glio an­che vi­ve­re.

Olim­pia. A un cer­to pun­to ho fat­to un an­no di ser­vi­zio ci­vi­le dal­le suo­re. Lei com’e­ra fie­ra di que­sta co­sa che ero “mae­stra” (i bam­bi­ni mi chia­ma­va­no tut­ti co­sì), e poi quan­do ve­de­va i bi­gliet­ti­ni con i di­se­gni che mi fa­ce­va­no, con su scrit­to “la mae­stra Olim­pia è bel­la”, com’e­ra con­ten­ta, ma as­sai!
“Oh, pro­fes­so­res­sa, mo’ ca­pi­sco co­sa vuol di­re, che voi sie­te sta­ta as­sai pa­zien­te con noi”, le di­ce­vo. A me m’ha da­to… tut­t’e co­se. M’ha da­to tut­to. Ci rac­con­ta­vo i pro­ble­mi di mio pa­dre e mia ma­dre e lei mi di­ce­va: “Non ti pre­oc­cu­pa­re, pen­sa a te ades­so”. Poi a Na­ta­le ave­va sem­pre un re­ga­li­no per me. Ma to­gli il re­ga­li­no… io non la trat­ta­vo co­me una pro­fes­so­res­sa, la trat­ta­vo co­me una mam­ma. Le di­ce­vo: “Voi sie­te la mam­ma mia, io so­no la fi­glia vo­stra”, e es­sa ri­de­va, era con­ten­ta. Quan­do c’e­ra­no le riu­nio­ni a scuo­la, per me non ve­ni­va mam­mà, per me ve­ni­va ’a pro­fes­so­res­sa.
Va­le­rio. An­che per me.
Olim­pia. E quan­do sen­ti­va una co­sa bel­la su di noi le bril­la­va­no gli oc­chi. Lei que­sto vo­le­va, che noi fos­si­mo bra­vi. Che su­pe­ras­si­mo i pro­ble­mi. Mi ri­pe­te­va: “Pen­sa al fu­tu­ro tuo”.
Mi di­ce­va che an­che se te­ne­vo ven­t’an­ni era co­me se ne aves­si cin­quan­ta, che ave­vo già vis­su­to trop­po nel­la vi­ta mia, a per­de­re mia non­na, mio non­no, mia mam­ma, ad an­da­re avan­ti e in­die­tro per l’o­spe­da­le. Ad­di­rit­tu­ra vo­le­va far­mi pi­glia­re la pa­ten­te. A me! Mi di­ce­va: “Stu­dia, im­pa­ra che poi te la fac­cio pren­de­re io”. Pur­trop­po non c’è sta­to il tem­po.
Per ri­de­re. Quan­do ci ac­com­pa­gna­va a me e Va­le­rio a San­t’A­na­sta­sia, lei quan­do cam­mi­na­va in cit­tà non bus­sa­va! Mai! Non usa­va mai il clac­son. Ci di­ce­va: “Non si bus­sa per­ché dà fa­sti­dio agli abi­tan­ti”, non si fa­ce­va una ra­gio­ne di co­me si gui­da a Na­po­li: “Eh, quan­do an­da­te a pren­de­re la pa­ten­te voi por­ta­te le mac­chi­ne ac­cus­sì”, op­pu­re “Qui la pa­ten­te ve la re­ga­la­no!”, “Ma voi do­ve­te stu­dia­re”.

Va­le­rio. Io ho co­no­sciu­to la pro­fes­so­res­sa Car­la per­ché sta­vo in ma­no al­l’as­si­sten­te so­cia­le fin da pic­co­lo per pro­ble­mi fa­mi­lia­ri. Fe­ci dei col­lo­qui per en­tra­re in que­sto pro­get­to Chan­ce. Io quan­do an­da­vo a scuo­la, per i miei pro­ble­mi, in clas­se c’e­ro e non c’e­ro, per­ché do­ve­vo pen­sa­re a la­vo­ra­re, a fa­re tut­t’al­tre co­se.
Quel­l’an­no sta­vo ri­pe­ten­do la se­con­da me­dia. L’as­si­sten­te so­cia­le mi ave­va spie­ga­to che c’e­ra que­sta pos­si­bi­li­tà e che pe­rò so­lo quin­di­ci per­so­ne po­te­va­no en­tra­re. Del pro­get­to Chan­ce mi ero fat­to l’i­dea che do­ve­va es­se­re bel­lo. Spe­ria­mo che mi pren­do­no, pen­sa­vo. Poi eb­bi la for­tu­na di en­tra­re. Non ci cre­de­vo.
Gra­zie a lo­ro ho pre­so la li­cen­za me­dia. La pro­fes­so­res­sa Car­la mi ha se­gui­to mol­to, ma mol­to mol­to. Lei co­no­sce­va i miei pro­ble­mi: io al­la mat­ti­na an­da­vo a scuo­la, al po­me­rig­gio an­da­vo a la­vo­ra­re. Tut­ti i gior­ni. Al­l’i­ni­zio fa­ce­vo il vi­na­io, poi ho cam­bia­to tan­ti me­stie­ri. Pe­rò la pro­fes­so­res­sa mi di­ce­va: “Tu de­vi stu­dia­re, per­ché sei un bra­vo ra­gaz­zo, so che ce l’hai la vo­glia di stu­dia­re, so che hai an­che dei pro­ble­mi tuoi, pe­rò…”.
In ef­fet­ti io la te­sta non ce l’a­ve­vo pro­prio. Lo­ro pe­rò mi fa­ce­va­no pas­sa­re tut­ti i pro­ble­mi. Mi han­no tra­smes­so del­le co­se mol­to bel­le. Nel­la fa­mi­glia sfor­tu­na­ta che ho avu­to… ec­co, se non an­da­vo al pro­get­to Chan­ce, la mia vi­ta sa­reb­be sta­ta di­ver­sa.
Olim­pia. Se non ci sta­va la pro­fes­so­res­sa Car­la io a scuo­la non ci an­da­vo.
Va­le­rio. A un cer­to pun­to la­sciai un’al­tra vol­ta la scuo­la. Ave­vo fi­ni­to le me­die con Chan­ce e poi ave­vo ini­zia­to a fa­re le scuo­le un po’ più su­pe­rio­ri con il me­stie­re vi­ci­no, fa­ce­vo l’e­let­tri­ci­sta. L’ho fat­to per quat­tro me­si, poi non ce l’ho fat­ta più e an­da­vo so­lo a la­vo­ra­re. Al­l’e­po­ca fa­ce­vo il ma­cel­la­io e un bel gior­no mi ve­do ar­ri­va­re la pro­fes­so­res­sa Car­la! “Pro­fes­so­res­sa, co­me sta­te?”, “Ma tu che stai fa­cen­do?”, “Sto la­vo­ran­do”, “Ma co­me mai, sta­vi an­dan­do a scuo­la…”. Non era cer­to ve­nu­ta per ca­so, mi era ve­nu­ta a tro­va­re, lei sa­pe­va ogni mio pas­so, ci sen­ti­va­mo, ci ve­de­va­mo, mi ha sem­pre se­gui­to.
Quin­di ven­ne sul la­vo­ro per pro­por­mi la scuo­la del­l’A­ciief, la ri­sto­ra­zio­ne.
Olim­pia. Va­le­rio e io ci an­da­va­mo as­sie­me.
Va­le­rio. Abi­tia­mo più o me­no nel­lo stes­so po­sto e la pro­fes­so­res­sa ci ac­com­pa­gna­va al mat­ti­no e ci ve­ni­va a pren­de­re… ma lei non c’en­tra­va con quel­la scuo­la.
Olim­pia. Lei era co­me la mam­ma.
Va­le­rio. Quan­do ave­vo i pro­ble­mi me li fa­ce­va pas­sa­re, mi fa­ce­va sta­re cal­mo. Io sta­vo sem­pre ner­vo­so in una ma­nie­ra… con la pro­fes­so­res­sa Car­la mi so­no cal­ma­to.
Olim­pia. Io le di­ce­vo: “Ma voi non pen­sa­te ai vo­stri fi­gli”, e lei mi ri­spon­de­va “Lo­ro so­no gran­di e han­no avu­to. Ora ave­te bi­so­gno voi”.
Lei poi ca­pi­va su­bi­to quan­do sta­vi ma­le. Di­ce­va: “Vie­ni qui, ti de­vo di­re una co­sa”, “Ho fat­to qual­co­sa?”, “Non ti pre­oc­cu­pa­re, hai qual­che pro­ble­ma a ca­sa?”, “No”, “Per­ché a scuo­la mi han­no det­to che sta­vi ner­vo­sa”… Ci te­ne­va d’oc­chio a di­stan­za.
Va­le­rio. Era in gam­ba.
Sal­va­to­re. Par­la­va po­co, ma quel po­co che di­ce­va era ef­fi­ca­ce. Lei ci os­ser­va­va più che al­tro. Più che par­lar­ci con­ti­nua­men­te era un con­ti­nuo os­ser­var­ci. Per es­se­re poi pre­pa­ra­ta al mo­men­to giu­sto. Con lei non c’e­ra bi­so­gno di ri­spie­ga­re tut­to.
Olim­pia. Lei ci ca­pi­va. Ba­sta­va guar­dar­ci ne­gli oc­chi.
Va­le­rio. Lei già sa­pe­va se ave­va­mo un pro­ble­ma. Sa­pe­va quan­do sta­va­mo cal­mi, quan­do sta­va­mo ec­ci­ta­ti.
Noi poi ci te­ne­va­mo a dar­le sod­di­sfa­zio­ne. In­fat­ti a scuo­la, quan­do era­va­mo agi­ta­ti, ci mi­nac­cia­va­no: “Mo’ chia­mia­mo la pro­fes­so­res­sa Car­la” e co­sì ci met­te­va­no pau­ra. Non vo­le­va­mo dar­le un di­spia­ce­re.
Sal­va­to­re. Un’al­tra co­sa im­por­tan­te è che lei cer­ca­va di far sì che fos­si­mo tut­ti ugua­li. Nel­le clas­si c’e­ra­no per­so­ne che sul pia­no del­le pos­si­bi­li­tà eco­no­mi­che era­no mol­to di­ver­se e lei fa­ce­va in mo­do che non ci fos­se­ro dif­fe­ren­ze. Se uno vo­le­va usci­re a com­pra­re un pa­ni­no, lei in­ter­ve­ni­va su­bi­to: “Ma non an­dar­lo a com­pra­re, do­ma­ni li por­to io”. E li por­ta­va per tut­ti!

Olim­pia. Ri­cor­do un al­tro epi­so­dio. In quel pe­rio­do ave­vo mia so­rel­la che sta­va a Ve­ro­na, e lei sa­pe­va che era un an­no che non la ve­de­vo. Co­sì un gior­no ven­ne a ca­sa: “Pre­pa­ra la va­li­gia che an­dia­mo a Ve­ro­na”, “Pro­fes­so­re’, a Ve­ro­na, e quan­do mai!?!”. E in­ve­ce an­dam­mo a Ve­ro­na, io e lei. Ho pu­re le fo­to. Ce le sia­mo fat­te an­che in tre­no. Lei sa­pe­va pu­re do­v’e­ra la ca­sa di mia so­rel­la. Ero co­sì con­ten­ta. Pur­trop­po su­bi­to mi chia­ma­ro­no a Na­po­li per­ché a mia mam­ma ave­va­no dia­gno­sti­ca­to il tu­mo­re. Lei, tan­to che si di­spia­ce­va, tan­to che si di­spia­ce­va… “Ma suc­ce­de sem­pre a te”, di­ce­va. Al­la fi­ne mia mam­ma è man­ca­ta ot­to me­si fa.
A Na­ta­le por­ta­va il pa­net­to­ne e la bot­ti­glia. E quan­do vo­le­va­mo ri­cam­bia­re: “Non vo­glio nien­te, vo­glio che mi dia­te sod­di­sfa­zio­ne”. Il re­ga­lo era far­la con­ten­ta. E lei era con­ten­ta del no­stro be­ne.
Va­le­rio. A me mi fa­ce­va pu­re scri­ve­re al­la so­rel­la Gio­van­na, che vi­ve in Giap­po­ne. Com’e­ra na­ta la cor­ri­spon­den­za? Lei un gior­no ave­va par­la­to del Giap­po­ne e io le dis­si che mi at­ti­ra­va quel pae­se, che mi sa­reb­be pia­ciu­to an­dar­ci. La pro­fes­so­res­sa lo sa­pe­va: a me sa­reb­be pia­ciu­to sta­re fuo­ri Na­po­li, al nord, non qui. Co­sì mi par­lò del­la so­rel­la. E io le dis­si: “Le vo­glio scri­ve­re” e co­sì ci scri­ve­va­mo. Poi la co­nob­bi pu­re. Ci man­da­va­mo le let­te­re. Quan­do an­da­vo a ca­sa sua, la pro­fes­so­res­sa mi fa­ce­va te­le­fo­na­re in Giap­po­ne. Ad­di­rit­tu­ra! Dei bei mo­men­ti.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *