Wu Ming 1, scrittore:: Il mondo di QAnon: come entrarci, perché uscirne. Prima parte- INTERNAZIONALE DEL 2 SETTEMBRE 2020 +++ IL FATTO QUOTIDIANO DEL 29/ 30 LUGLIO 2020 –sullo stesso argomento + riferito all’Italia

 

 

INTERNAZIONALE DEL 2 SETTEMBRE 2020

https://www.internazionale.it/reportage/wu-ming-1/2020/09/02/mondo-qanon-prima-parte

 

 

Una manifestazione organizzata dai seguaci di QAnon a Saint Paul, Minnesota, il 22 agosto 2020. (Stephen Maturen, Getty Images)

 

 

STATI UNITI

Il mondo di QAnon: come entrarci, perché uscirne. Prima parte

Wu Ming 1, scrittore

2 settembre 2020

“Amici che con grande convinzione sostenevano Black lives matter e andavano ai cortei, persone preoccupate per il cambiamento climatico, perfino una collega infermiera che durante un picco di contagi da covid lavorava con me in terapia intensiva… All’improvviso, tutti si sono messi a condividere le stronzate di QAnon, soprattutto roba su pedofilia, adrenocromo e cerchie di pedofili satanisti. A quanto ne so, sono persone che si dicono ancora liberal, progressiste, di sinistra, e davvero non capisco come possano essersi fatte risucchiare così rapidamente. Parlo di gente sui 25 anni, che prima appoggiava Bernie Sanders e adesso ripubblica i rigurgiti di QAnon. Che diavolo sta succedendo?”.

È un messaggio apparso ad agosto nel forum QAnonCasualties di Reddit, luogo di informazione e mutuo appoggio per chi ha perso familiari o amici, caduti nella “buca del coniglio” e non ancora riemersi.

Rabbit hole, come in Alice nel paese delle meraviglie: così è chiamato l’ingresso nel mondo QAnon. Dove non ci sono meraviglie ma storie di bambini prigionieri, stuprati, dissanguati per ottenerne un elisir di lunga vita. Lunga vita per chi? Per i malvagi nemici di Donald Trump, l’eroe che libererà quei bambini – anzi, li sta già liberando – e salverà il mondo.

Il 2020, anno di pandemia e narrazioni tossiche, e circoli viziosi tra la prima e le seconde. Anno in cui QAnon è cresciuto a dismisura e finalmente ci si è accorti del pericolo. Anche in Europa, soprattutto in Germania e in Francia. Perfino in Italia, con un ritardo di due anni, è suonato qualche allarme.

Con ogni probabilità partito come una burla, QAnon sta giocando un ruolo importante nella campagna elettorale americana, sta mettendo in difficoltà gli amministratori delle grandi piattaforme social ed è a tutti gli effetti una rete – o una setta, a cult, come sempre più spesso è definito – globale.

Del tema mi sono occupato più volte. In particolare, nell’ottobre 2018 ho scritto un’inchiesta in due puntate dove segnalavo le strane risonanze tra QAnon, le controinchieste sugli “abusi rituali satanici” condotte dal Luther Blissett project negli anni novanta e il romanzo Q, uscito in Italia nel 1999 e pubblicato negli Stati Uniti cinque anni dopo. Nel 2019 il fenomeno è sembrato calare di intensità. In realtà ha continuato a estendersi e a ramificarsi. Poi sono arrivati il nuovo coronavirus e i lockdown. La situazione si è evoluta e aggravata, ed è necessario rifare il punto.

Nella prima puntata di questa nuova inchiesta racconterò che cos’è, cosa dice e come si diffonde QAnon oggi, spiegando anche perché ritengo che “teoria del complotto” sia un’espressione inadeguata. Nella seconda puntata chiarirò alcuni punti su complotti, destra e sinistra, poi esplorerò quelle che ho chiamato le “cinque dimensioni di QAnon”. A quel punto racconterò di come pandemia, infodemia e isolamento fisico abbiano creato il contesto perfetto per la nuova fase di QAnon e la sua crescita tumultuosa. Da lì passerò a un compendio sulla situazione in Italia e in altri paesi europei. Soprattutto, tratterò la questione che ritengo più importante: il nocciolo di verità che sta dentro ogni fantasticheria di complotto. Quali sono le verità che QAnon distorce e perverte?

 

La Cabal e chi ne fa parte

QAnon venera Donald Trump, che spesso chiama con il nome in codice Q+. Nel mondo visto dalla buca del coniglio, Trump ha risposto per amor di patria a una chiamata del Pentagono e ha accettato di diventare presidente per combattere una lotta senza quartiere – segreta, anche se commentata da milioni di persone su Facebook – contro un governo mondiale occulto di pedofili satanisti, la cosiddetta Cabal. Si pronuncia con l’accento sulla seconda a.

 

La Cabal ha preso il potere negli Stati Uniti dopo l’uccisione di John F. Kennedy e da allora controlla il deep state (stato profondo), con l’eccezione delle forze armate. Questo dovrebbe sollevare dubbi su cosa significhi “controllare lo stato profondo”, ma andiamo avanti. La Cabal ha espresso tutti i presidenti prima di Trump, compresi Ronald Reagan e i due Bush. Della Cabal fa parte ogni avversario politico di Trump, da Barack Obama e sua moglie Michelle – che secondo QAnon è una transgender, cioè “un uomo”, il che fa di Obama “un frocio” – alle odiatissime Nancy Pelosi e Hillary Clinton – che secondo QAnon letteralmente divora neonati, per giunta filmandosi mentre lo fa – fino ai movimenti Black lives matter e Antifa.

Appartengono alla Cabal anche celebrità come Tom Hanks, Céline Dion, Oprah Winfrey, Marina Abramović e Beyoncé, oltre agli immancabili George Soros e Bill Gates. Secondo QAnon, a essere precisi, Obama e Clinton sono già stati arrestati, rinchiusi a Guantanamo e giustiziati. Quelli che vediamo sono cloni. Non si spiega, però, come mai questi cloni continuino a dire e fare le cose di prima, tra cui attaccare Trump alla convention nazionale del Partito democratico. Tanto valeva tenersi gli originali, no? Hanks invece ha tentato di sfuggire alla giustizia prendendo la cittadinanza greca perché, a detta di QAnon, “la legge greca considera la pedofilia una semplice disabilità”. Piano fallito: l’attore è stato arrestato da agenti di Trump ed è recluso in un hotel australiano con un bracciale elettronico alla caviglia.

Se sembrano solo idiozie buone per farsi due risate, anticipo che sulla spinta di tali idiozie si è sparso odio – anche razziale – a fiumi, si sono commessi attentati e incendi negli Stati Uniti e si è perpetrata una strage a poca distanza da casa nostra, in Germania. Non solo: alle elezioni americane del 3 novembre potremmo vedere credenti in QAnon conquistare seggi al congresso.

Particolare accanimento è riservato a una pizzeria di Washington Dc, il Comet Ping Pong, già al centro di un groviglio di calunnie chiamato Pizzagate.

Nell’inchiesta del 2018 ne ho ricostruito la genesi. Il Comet Ping Pong – molto popolare in città e punto di riferimento della cultura Lgbtq+ – è descritto da QAnon come covo di satanisti e luogo di prigionia di bambini, per questo ha subìto un’incursione a mano armata nel dicembre 2016 e un tentativo di incendio nel gennaio 2019, e il proprietario James Alefantis, gay dichiarato, riceve continue minacce di morte.

Di recente le fantasticherie sui bambini rinchiusi e torturati nel Comet Ping Pong hanno ricevuto il sostegno del cantante britannico Robbie Wiliams.

Su entrambe le sponde dell’Atlantico troviamo vip che promuovono una o più storie provenienti dal mondo QAnon. Si tratta perlopiù di have-beens, artisti sul viale del tramontoche grazie ad alterchi sui social network o dichiarazioni shock possono ancora far parlare di sé: l’attore James Woods, che è uno dei più aggressivi sostenitori di Trump; la comica Roseanne Barr, la cui sitcom è stata cancellata dalla rete Abc per via di sue esternazioni razziste; l’ex pornostar Jenna Jameson…

Domanda da tenere in mente per la prossima puntata: perché QAnon non addita come membri della Cabal Mark Zuckerberg, che possiede e controlla la più grande macchina comunicativa del pianeta, e Jeff Bezos, capo supremo di Amazon e uomo più ricco del mondo?

Il guru virtuale, i suoi seguaci

La comunità dei credenti ottiene informazioni facendo “ricerca”, cioè interpretando le notizie del giorno alla luce dei messaggi criptici inviati da un certo Q, a volte definiti Qcrumbs (briciole di Q), più spesso Qdrops (gocce di Q).

Q si spaccia per un ufficiale dell’intelligence o un alto funzionario governativo, incaricato da Trump e dal Pentagono di allertare il mondo su quanto sta per succedere: the Storm (la Tempesta), cioè l’arresto e l’esecuzione di massa di tutti i membri della Cabal.

Secondo molti seguaci di QAnon, dietro la firma Q si nasconderebbe John Fitzgerald Kennedy Jr., noto anche con il nomignolo John-John. Ufficialmente morto in un incidente aereo nel 1999, in realtà è vivo e vegeto e – per motivi non chiariti – nemico di quel Partito democratico del quale era un importante uomo-immagine e “delfino”. Tra poco John-John si svelerà pubblicamente, dichiarando il proprio sostegno a Trump. Secondo alcuni, diventerà addirittura vicepresidente al posto di Mike Pence.

I messaggi di Q sono apparsi per la prima volta nel 2017 sul forum 4chan, celebre luogo di incubazione dell’alt-right (la cosiddetta destra alternativa) e di altre correnti di estrema destra americane. Nel 2018 il presunto whistleblower ( segnalatore di illeciti ) si è trasferito su un sito ancora più estremo, 8chan. Tra aprile e agosto 2019 8chan è stato usato per annunciare, diffondere in streaming e rivendicare tre stragi razziste: quella alla moschea di Christchurch, in Nuova Zelanda; quella alla sinagoga di Poway, California; e quella all’ipermercato Walmart di El Paso, Texas. Nel complesso, 74 morti e 76 feriti. Sotto pressione, il sito ha chiuso nell’agosto del 2019 ed è riapparso a settembre con il nome 8kun. 8kun è tuttora il sito dove Q pubblica le sue “profezie” in esclusiva. Proprietario di 8kun è l’imprenditore di estrema destra Jim Watkins, padrone di un’azienda suinicola nelle Filippine, dove risiede. L’amministratore di 8kun è suo figlio Ron.

È molto diffusa la convinzione che, almeno a partire dal 2018, dietro il personaggio di Q ci sia uno dei Watkins, oppure entrambi. Ci sono indizi di natura tecnica e c’è la testimonianza di un “pentito”, Fredrick Brennan, fondatore di 8chan ed ex collaboratore di Jim. Averne la conferma può essere utile, ma non è più dirimente: da tempo il fenomeno QAnon è autonomo da Watkins e da chiunque lo abbia gonfiato per trarne vantaggi e profitti. La maggior parte dei credenti non è mai stata su 8kun: è caduta nel rabbit hole stando sui social, trascinata dai suggerimenti automatici di Facebook e YouTube, spesso dopo aver condiviso materiali in apparenza neutri, senza sapere che erano targati QAnon. Inoltre, le farneticazioni e calunnie più odiose non provengono direttamente da Q. Sono il risultato delle “ricerche” compiute da un’armata di mestatori sparsi in rete.

“The great awakening”: Trump signore del mondo

Il giorno in cui scatenerà la Tempesta, Trump oscurerà ogni mezzo d’informazione mainstream – tv, radio, siti di giornali – e parlerà alla nazione tramite il Sistema di trasmissione d’emergenza (Ebs), progettato per raggiungere i cittadini in caso di guerre, calamità o altri eventi straordinari. E cosa dirà agli americani? Annuncerà il Grande risveglio, la costruzione di una nuova società comandata da lui e dai militari.

“Abbiate fiducia nel piano”, dice uno dei più noti slogan di QAnon. Fiducia in Trump e nei “cappelli bianchi”, cioè i buoni, contrapposti ai “cappelli neri” dello stato profondo. Abbiate fiducia, la Tempesta è imminente. E colpirà anche fuori dai confini. I credenti europei si augurano un’invasione americana dei loro paesi. Curioso auspicio, dato che molti provengono da ambienti saturi di antiamericanismo.

Una manifestazione a Berlino, in Germania, contro le misure adottate dal governo per contenere la diffusione del nuovo coronavirus, 29 agosto 2020. - Michael Kappeler, Ap/LapresseUna manifestazione a Berlino, in Germania, contro le misure adottate dal governo per contenere la diffusione del nuovo coronavirus, 29 agosto 2020. (Michael Kappeler, Ap/Lapresse)

 

La giustificazione è che l’imperialismo yankee è espressione della Cabal. È per colpa sua se gli Stati Uniti sono cattivi. Trump li redimerà, e dopo la Tempesta saranno buoni. Dovremmo dedurne che prima della morte di JFK – momento in cui i satanisti pedofili presero il potere – gli Stati Uniti non erano imperialisti. È una conclusione sensata, se si lascia da parte la dottrina Monroe sull’America Latina (definita “il nostro cortile di casa”), la politica del “grosso bastone” di Teddy Roosevelt, la guerra di Corea, il golpe in Guatemala nel 1954 e diverse altre pagine di storia.

Nel mondo “risvegliato”, sostengono i credenti, Trump fornirà energia gratis a tutti, grazie a una tecnologia ultramoderna ancora segreta, ma della cui esistenza sono edotti milioni di commentatori sui social network. Nel mondo reale, invece, Trump è legato a doppio filo alle industrie del carbone e del petrolio, delle quali tutela gli interessi fin dentro il circolo polare artico.

 

Bambini-talpa e adrenocromo

Il 14 febbraio 2020 un tedesco di 43 anni di nome Tobias Rathjencarica su YouTube un video nel quale si rivolge ai cittadini statunitensi, denunciando l’esistenza sotto i loro piedi di “basi militari sotterranee dove si adora il diavolo e si uccidono i bambini”, e invitando ad agire per liberare i piccoli. Rathjen è un uomo solitario che vive con la madre ad Hanau, città di quasi centomila abitanti a poca distanza da Francoforte. Ha simpatie di estrema destra, ma non appartiene ad alcuna organizzazione. Trascorre le giornate online, leggendo di QAnon e altre fantasie di complotti planetari. Non è precisamente un “qultista”, perché non adora Trump, anzi, lo accusa di essere un plagiario, di avergli “rubato le idee”. Tuttavia crede ad alcuni elementi centrali della narrazione QAnon.

La sera del 19 febbraio, Rathjen esce di casa, entra in due narghilè bar e apre il fuoco con una pistola semiautomatica, uccidendo nove persone e ferendone cinque, dopodiché rientra, uccide sua madre e si suicida.

“Deep underground military bases”. L’acronimo è Dumb, che i credenti in QAnon scrivono sempre con i puntini di abbreviazione: D.u.m.b.. Nel suo uso più comune l’aggettivo vuol dire stupido, ma qui sembra avere l’altro significato, il più antico: “Incapace di parlare”. Come in “struck dumb by fear”, ammutolito dalla paura.

Possibile che Trump stia combattendo la più grande battaglia del secolo in segreto?

I seguaci di QAnon credono che lo stato profondo – qui la metafora diventa letterale – tenga milioni di bambini prigionieri nelle D.u.m.b., dopo averli rapiti o fatti nascere direttamente lì allo scopo di violentarli, torturarli e bere il loro sangue per trarne una sostanza al tempo stesso psicotropa e ringiovanente: l’adrenocromo. Sono i cosidetti mole children (bambini-talpa).

L’ingresso dell’adrenocromo nella cultura di massa si deve a un excursus satirico di Hunter S. Thompson, contenuto nel suo libro più famoso Paura e disgusto a Las Vegas (1971) e messo in scena nell’omonimo film di Terry Gilliam (1998). Nel romanzo, il Dr. Gonzo mostra al suo amico Raoul Duke una boccetta di adrenocromo e dice che al confronto la mescalina “sembra ginger beer”. Nella conversazione che segue, veniamo a sapere che l’adrenocromo “non si può comprare”, si può solo estrarre “dalla ghiandola surrenale di un corpo umano vivo”. Al Dr. Gonzo lo ha dato “uno di quei freak satanisti”, che gli ha anche “offerto sangue umano”.

Qui, come in altri passaggi del libro, Thompson si prende gioco dell’isteria seguita ai delitti della family di Charles Manson e delle leggende macabre che, negli Stati Uniti dei primi anni settanta, circondavano il declino del sogno hippy.

In realtà, l’adrenocromo è una sostanza molto più banale e facile da reperire. Per prima cosa, va chiarito che l’adrenalina si può sintetizzare in laboratorio. Non è una novità: l’enciclopedia Treccani lo spiegava già nel 1929. Dall’ossidazione dell’adrenalina si ottiene l’adrenocromo, un cui derivato, il carbazocromo, è usato come farmaco per l’epilessia, ma anche per fermare le emorragie e curare le emorroidi. I farmaci a base di carbazocromo sono prodotti in molti paesi compresa l’Italia e si trovano in commercio con vari nomi – Adona, Fleboside, Anaroxyl, Medostyp – senza bisogno di seviziare e dissanguare bambini. Li prescrive il medico di base.

 

 

 

IL FATTO QUOTIDIANO DEL 29 LUGLIO 2020

https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2020/07/29/la-delirante-teoria-pro-trump-e-in-italia-e-flirta-con-salvini/5883546/

 

 

La delirante teoria pro Trump è in Italia. E flirta con SalviniLa delirante teoria pro Trump è in Italia. E flirta con Salvini

QAnon e la galassia No Covid

di Michela AG Iaccarino e Tommaso Rodano | 29 LUGLIO 2020

 

 

Lunedì mattina in una sala del Senato della Repubblica – durante il convegno sul Covid a cui ha partecipato anche Matteo Salvini – è stato regalato un palco e un microfono a queste teorie: “La falsa pandemia è un progetto di governo mondiale. È in atto una strategia della tensione globale. È la lotta del bene contro il male”. Oppure: “Il vaccino Ogm di Bill Gates è eugenetica nazista. È un progetto di estinzione delle razze animali non desiderate. Per Gates l’uomo è indesiderato: sogna un mondo transumano”.

Forse viene da ridere, ma le teorie del complotto sono un fenomeno globale. Non è una nicchia di pochi adepti folli, ma un’ideologia che informa milioni di persone. In America i complottisti sono stati e sono tuttora una costola attiva della propaganda di Donald Trump. La più famosa teoria del complotto prende il nome di QAnon. Nasce e si sviluppa sul web, su piattaforme come 4chan e 8chan, poi esonda e guadagna terreno su tutti i social network. Per QAnon il mondo occidentale è controllato da un deep state, uno stato profondo, schiavizzato da politici e media progressisti. La Cina, Black Lives Matter, il Covid-19 hanno tutti una cosa in comune: sono nemici di Trump, il miliardario che vuole “restituire il potere al popolo”, paladino degli Illuminati che si batte per l’umanità “contro gli adoratori di Satana”, le élite pedofile che governano il mondo, come la famiglia Clinton e Bill Gates.

Contro Trump agiscono anche i marxisti che lavorano per “potenziare il Partito comunista cinese, infiltrato ormai in tutte le organizzazioni mondiali”. Il Coronavirus è parte di questo disegno: non esiste, serve per spaventarci e controllare le nostre menti. È stato diffuso non solo dai soliti Soros e Gates – uno che vuole modificare il Dna umano per controllarlo con dei microchip per sterminare la popolazione mondiale e femminizzare gli uomini per renderli sterili – ma anche dalla star della tv americana Oprah Winfrey. I Gates e i Clinton sono ghiotti di adenocromo, ovvero adrenalina ossidata e compiono rituali satanici con i bambini non solo per sventrarli, ma anche per prelevare dai loro corpi questo composto chimico che usano come fonte di eterna giovinezza.

Una farsa anche Black Lives Matter: i manifestanti sono “i Sinistri” – ennesimo richiamo a Lucifero –, un’operazione finanziata da Soros per destabilizzare il presidente: il poliziotto che ha ucciso George Floyd è un attore. È luciferino ovviamente pure Papa Bergoglio: l’attuale Vaticano è la chiesa di Satana, Francesco è “personaggio oscuro, portatore di un nuovo vangelo del nemico di Gesù”. I seguaci di QAnon sono “guerrieri della verità” nella lotta in corso tra il Bene e il Male.

Questa ideologia non è più isolata nei deliri digitali dei social. Negli Usa QAnon è stato legittimato da Trump in persona, che due anni fa ha posato per un set fotografico alla Casa Bianca con Michael “Lionel” LeBron, un commentatore radiofonico, tra i più famosi megafoni della setta Q.

Di recente Twitter ha iniziato la sua guerra contro QAnon, sospendendo 7mila account americani e limitandone altri 150mila. Ma è tardi: la teoria della cospirazione globale ha superato rotto gli argini degli Stati Uniti, è sempre più diffusa in Francia, Germania, Italia.

Qui torniamo al punto di partenza. QAnon è tra noi. La pagina Facebook QAnon Italia, in sé, raccoglie poco più di 15mila persone. Ma i siti, gli account YouTube, i profili cospirazionisti più o meno organici alla teoria madre sono decine e decine, con un audience infinitamente più ampia. Hanno anche una paladina in Parlamento: la deputata No Vax, ex grillina, Sara Cunial.

Sara Cunial era in giro per Roma a difendere i diritti dei cittadini

SARA CUNIAL

 

 

 

 

Le dichiarazioni deliranti citate all’inizio dell’articolo sono del magistrato Angelo Giorgianni e del nutrizionista Franco Trinca. Sono tra i fondatori dell’associazione “L’Eretico”, un altro punto di riferimento del complottismo italiano. Hanno avuto la possibilità di parlare al Senato. Merito degli organizzatori del convegno sul Covid: il deputato Vittorio Sgarbi e il senatore leghista Armando Siri. In prima fila c’era Salvini. “Siete e siamo un po’ matti – ha detto ridendo – ma io in mezzo ai matti ci sto bene”. È una battuta che aiuta a capire la virata ancora aggressiva della sua propaganda nell’ultimo mese. Salvini – lo stesso che a un certo punto della pandemia attaccava il governo perché bisognava “chiudere tutto” e Conte era troppo timido – ora si presenta in Senato senza mascherina, si rifiuta di indossarla, sorride e interloquisce con chi definisce il Covid “terrorismo globale”. Forse non conosce QAnon, sicuramente sa che c’è un enorme bacino di elettori informati da teorie farneticanti. E per molti di loro è diventato un punto di riferimento.

 

UN ALTRO ARTICOLO DE IL FATTO QUOTIDIANO DEL 31 LUGLIO 2020:: un riassunto corto…

 

Dal “Pizzagate” a QAnon, tutti i falsi complotti dell’Alt-right

DI ROBERTA ZUNINI

https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2020/07/31/dal-pizzagate-a-qanon-tutti-i-falsi-complotti-dellalt-right/5885845/

Condividi

One Response to Wu Ming 1, scrittore:: Il mondo di QAnon: come entrarci, perché uscirne. Prima parte- INTERNAZIONALE DEL 2 SETTEMBRE 2020 +++ IL FATTO QUOTIDIANO DEL 29/ 30 LUGLIO 2020 –sullo stesso argomento + riferito all’Italia

  1. Donatella scrive:

    Potrebbe essere un romanzo di fantascienza, anche poco originale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *