Antonio Ballarò @antoniodballaro pubblica felicemente per tutti noi il discorso di Papa Francesco all’incontro interreligioso tenutosi oggi a Ur in Iraq – +++ “E oggi noi, ebrei, cristiani e musulmani, insieme con i fratelli e le sorelle di altre religioni “

 

 

 

il testo dopo le immagini

 

 

 

 

Il Papa in Iraq: la tappa di Ur dei Caldei, dove iniziò il viaggio di Dio con l'uomo - Vatican News

 

 

 

Papa Francesco in Iraq nel segno di Abramo, che sperò contro ogni speranza

 

 

Video: Iraq, Papa Francesco arriva nell'antica citta' di Ur

 

 

Iraq, il Papa incontra Al-Sistani, poi la visita a Ur dei Caldei - Vatican News

 

INCONTRO A NAJAF CON AL SISTANI, IL CAPO SPIRITUALE DEGLI SCIITI

 

 

 

 

Papa Francesco, il secondo giorno del viaggio in Iraq - L'Unione Sarda.it

 

 

 

 

Il Papa nella cattedrale di Baghdad per la Messa

IL PAPA NELLA CATTEDRALE DI BAGDAD

 

 

 

 

La preghiera al termine dell'incontro interreligioso di Ur

La preghiera al termine dell’incontro interreligioso di Ur – Reuters

 

FOTO DA AVVENIRE

 

 

 

Incontri di Najaf e Ur. Padre Jaje (domenicano): "Un sogno che si avvera nel segno del dialogo e della pace" | AgenSIR

 

 

 

 

Ur-Nassiriyah.jpg

UR DEI CALDEI

 

 

 

LO STENDARDO DI UR RITROVATO IN UNA TOMBA DELLA CITTA’

 

 

 

IL GIOCO REALE DI UR–BRITISH MUSEUM

 

 

 

 

 

Israele

UR  e’ sotto  SUMER

 

 

 

Abramo - Wikipedia

Il sacrificio di Isacco, Caravaggio, Galleria degli Uffizi, 1594-1596

 

 

La Torah  riporta Abramo nativo di Ur dei Caldei, una città dell’area babilonese nell’odierno Iraq.

 

 

 

 

Immagine

Antonio Ballarò

@antoniodballaro

 

PhD Student

@UniGregoriana

| Teacher

@MIsocialTW
@diocesidiroma

| Editorial Board

@rivistailmulino

| Contributor

@IlRegnoatt

Dal discorso di papa Francesco in occasione dell’incontro interreligioso tenutosi a Ur (thread):

“Qui, dove visse Abramo nostro padre, ci sembra di tornare a casa. Qui egli sentì la chiamata di Dio, da qui partì per un viaggio che avrebbe cambiato la storia ” / 1

“Noi siamo il frutto di quella chiamata e di quel viaggio. Dio chiese ad Abramo di alzare lo sguardo al cielo e di contarvi le stelle. In quelle stelle vide la promessa della sua discendenza, vide noi” /2

 

 

“E oggi noi, ebrei, cristiani e musulmani, insieme con i fratelli e le sorelle di altre religioni, onoriamo il padre Abramo facendo come lui: guardiamo il cielo e camminiamo sulla terra” /3

Il cielo ci dona così un messaggio di unità: l’Altissimo sopra di noi ci invita a non separarci mai dal fratello che sta accanto a noi. L’Oltre di Dio ci rimanda all’altro del fratello” /4

“serviamo Dio, per uscire dalla schiavitù dell’io, perché Dio ci spinge ad amare” /5

“Da questo luogo sorgivo di fede, dalla terra del nostro padre Abramo, affermiamo che Dio è misericordioso e che l’offesa più blasfema è profanare il suo nome odiando il fratello” /6

“il nostro essere oggi qui sulle sue orme sia segno di benedizione e di speranza per l’Iraq, per il Medio Oriente e per il mondo intero. Il Cielo non si è stancato della Terra: Dio ama ogni popolo, ogni sua figlia e ogni suo figlio! Non stanchiamoci mai di guardare il cielo” /7

“non ci salverà l’isolamento, non ci salveranno la corsa a rafforzare gli armamenti e ad erigere muri. Non ci salverà l’idolatria del denaro, che rinchiude in sé stessi e provoca voragini di disuguaglianza in cui l’umanità sprofonda. Non ci salverà il consumismo” /8

“La via che il Cielo indica è un’altra, la via della pace. Non ci sarà pace finché gli altri saranno un loro e non un noi. Non ci sarà pace finché le alleanze saranno contro qualcuno. La pace non chiede vincitori né vinti” /9

chi segue le vie di Dio non può essere contro qualcuno, ma per tutti” /10

“Sta a noi, umanità di oggi, e soprattutto a noi, credenti di ogni religione, convertire gli strumenti d’odio in strumenti di pace. Sta a noi esortare con forza i responsabili delle nazioni perché la crescente proliferazione delle armi ceda il passo alla distribuzione di cibo” /11

“Sta a noi mettere a tacere le accuse reciproche per dare voce al grido degli oppressi e scartati sul pianeta. Sta a noi mettere in luce le losche manovre che ruotano attorno ai soldi e chiedere che il denaro non finisca sempre e solo a alimentare l’agio sfrenato di pochi” /12

“Sta a noi custodire la casa comune dai nostri intenti predatori. Sta a noi ricordare al mondo che la vita umana vale per quello che è e non per quello che ha, e che le vite di nascituri, anziani, migranti, uomini e donne di ogni colore e nazionalità sono sacre sempre” /13

 

“Sta a noi avere il coraggio di alzare gli occhi e guardare le stelle, le stelle che vide il nostro padre Abramo, le stelle della promessa” /fine

Condividi

One Response to Antonio Ballarò @antoniodballaro pubblica felicemente per tutti noi il discorso di Papa Francesco all’incontro interreligioso tenutosi oggi a Ur in Iraq – +++ “E oggi noi, ebrei, cristiani e musulmani, insieme con i fratelli e le sorelle di altre religioni “

  1. Chiara Salvini scrive:

    chiara : dalle foto riportate sopra di Papa Francesco, sembra che questo viaggio gli costi parecchia fatica. Francesco è nato nel dicembre del ’36, quest’ anno a dicembre ne compie 85— immaginate se toccasse a noi degli anta- che magari ne abbiamo meno – fare un viaggio del genere e con tutta quella responsabilità, possiamo ben dire, ” storica “…! E tutto così ” de repetenùn “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *