Luttazzi-Simonetti-Lisa dagli occhi blu + altro

 

Lelio Luttazzi (Trieste27 aprile 1923 – Trieste8 luglio 2010) è stato un pianistaattorecantantedirettore d’orchestrashowmanconduttore televisivoradiofonicoscrittore e regista italiano.

 

 

 

Lelio Luttazzi bambino con la mamma

 

1984

 

Figlio di Sidonia Semani (maestra elementare a Prosecco) e Mario Luttazzi, rimane, a soli tre anni di età, orfano di padre, morto nel 1926 di tubercolosi. La madre si stabilisce nel 1929 a Prosecco dove riprende a lavorare e, durante le elementari, è allievo della madre nella scuola elementare del paese, unico italiano in una classe di sloveni; in seguito, parlando della sua infanzia, si definirà un bambino triste e pessimista, a causa dei suoi problemi familiari[1].

Riceve la prima formazione musicale da don Križman, parroco di Prosecco, che gli impartisce lezioni di pianoforte per alcuni mesi nella canonica del paese. Dopo la scuola media inferiore s’iscrive al liceo Petrarca di Trieste, dove instaura una grande amicizia con un suo compagno di classe, Sergio Fonda Savio, nipote di Italo Svevo. Incominciano anche in questo periodo i dissidi ideologici con la madre, che è una fascista convinta mentre Luttazzi si avvicina all’antifascismo[1].

Lelio Luttazzi con Teddy Reno e Vittorio Mascheroni negli uffici della CGD (1949)

Durante la seconda guerra mondiale s’iscrive all’Università di Trieste alla facoltà di giurisprudenza, sostenendo soltanto due esami poiché incomincia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni. Nel 1943, con alcuni suoi compagni di università, si esibisce al teatro Politeama in veste di direttore d’orchestra, per aprire il concerto di Ernesto Bonino, cantante torinese molto noto all’epoca, che rimane colpito da Luttazzi, al punto da chiedergli, al termine dello show, di comporre una canzone per lui; Lelio accetta l’invito inviandogli una sua composizione, Il giovanotto matto, che nello stesso anno Bonino incide e che diviene un grande successo. Terminata la guerra, apprende dalla SIAE di aver guadagnato con la canzone 350 000 lire[2]; decide quindi di fare il musicista in maniera professionale e, nel 1948, si trasferisce a Milano, dove comincia a lavorare presso la casa discografica CGD, fondata dal suo concittadino Teddy Reno, che lo ha contattato per dargli l’incarico di direttore artistico; sempre per Teddy Reno, nel 1948, scrive Muleta mia. Nello stesso anno si sposa con la concittadina Magda Prendini (da cui si separerà nel 1963) con l’annullamento del matrimonio dalla Sacra Rota. Nel 1948 diventa padre di Donatella, che intraprenderà in seguito la carriera di cantante.

CONTINUA :
https://it.wikipedia.org/wiki/Lelio_Luttazzi

 

 

Teddy Reno, non solo "marito di": i 90 anni di un protagonista assoluto della scena musicale italiana - Il Fatto Quotidiano

foto >Il fatto quotidiano

Teddy Reno, pseudonimo di Ferruccio Merk Ricordi (Trieste11 luglio 1926), è un ex cantanteproduttore discografico e attore italiano naturalizzato svizzero.

Nasce a Trieste, figlio dell’ingegnere Giorgio Merk (di famiglia austroungarica di origini aristocratiche) e di Paola Sanguinetti, romana, di ascendenza ebraica, sorella dell’ing. Giorgio Sanguinetti proprietario e direttore della grande azienda alimentare Arrigoni, con stabilimenti in città e a Cesena. Negli anni trenta il padre dovette cambiare il cognome Merk von Merkenstein in Ricordi. Il ragazzo si esibì per la prima volta nel 1938 a un concorso per dilettanti che si tenne a Rimini, cantando la canzone Tu sei la musica.

Dopo l’8 settembre Paola, ricercata dai tedeschi per ragioni razziali, col figlio Ferruccio si rifugiò a Cesena presso il fratello, e in questa città il ragazzo frequentò l’ultimo anno del liceo classico. Nel giugno 1944, saputo che i repubblichini friulani erano andati a cercarli nella loro casa di Trieste, si spostarono in un rifugio più sicuro nella vicina Milano Marittima, protetti sotto falsa identità dall’imprenditore alberghiero Ettore Sovera che nel proprio Hotel Mare Pineta, mentre ospitava vari ufficiali tedeschi, dava rifugio a partigiani, ebrei e prigionieri alleati in fuga. In dicembre i Merk-Ricordi si trasferirono nel ferrarese, ma furono catturati e rinchiusi nel carcere di Codigoro; infine, fortunosamente, riuscirono a riacquistare la libertà.

segue ;

https://it.wikipedia.org/wiki/Teddy_Reno

 

Teddy Reno biografia: storia, vita, canzoni e curiosità

foto Biografie online

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.