mercoledì 22 agosto ore 22:41 DAL SITO: ANTIGONE, ASSOCIAZIONE PER I DIRITTI NELLE CARCERI.

nota di chiara: non sono capace di riprodurvi il sito da utilizzarlo in maniera attiva, comunque basta cercare “Antigone-carceri”

 

L’innocente di mario bardelli

 

 

Denunciamo il carcere fuorilegge
È partita a maggio con l’appello “Le carceri sono fuorilegge” l’omonima iniziativa promossa da Antigone insieme all’associazione A buon diritto e in collaborazione con il settimanale Carta. 

Leggi tutto

Terzo libro bianco sulla legge Fini – Giovanardi
Illustrazione e commento aggiornati con i dati sulle conseguenze penali e sulle sanzioni amministrative della legge 49/2006. 

Visiona Testo

VIII rapporto sulle condizioni di detenzione in italia
Indice del VIII Rapporto
Sintesi del VIII Rapporto
Come acquistarlo
Per giornalisti contattare

L’ASSOCIAZIONE

L’associazione
Links
Contattaci

IL PUNTO

Corriere Inchieste:
Ecco come pestavamo i detenuti in carcereDibattito organizzato dall’Associazione Antigone in occasione della Giornata Mondiale contro la tortura, Roma, Sala Politecnico Fandango, 26 giugno 2012.

Ida Dominijanni di Radio 3 Rai intervista Stefano Anastasia, fondatore e difensore civico di Antigone

 

Celle sovraffollate e violenze diffuse sembrano, a leggere le notizie di questi giorni, la regola nelle carceri italiane. Ma al governo non viene in mente di meglio che costruire nuove prigioni.

 

5 PER MILLE

L’Associazione Antigone è lieta di informare tutti coloro che lo desiderano che anche quest’anno è possibile sostenere tutte le realtà simili alla nostra Leggi tutto..

ADESIONE


Scarica e compila ilmodulo di adesione all’ Associazione Antigone 

LINKONTRO

INNOCENTI EVASIONI

FIRMA CONTRO L’ERGASTOLO

Sabato 7 marzo 2009. Siamo a Reggello, nelle colline intorno a Firenze, per ritirare un premio ad un Concorso Letterario Nazionale di Poesia. Ma il premio non è per noi, è di Carmelo Musumeci…continua

NEWSLETTER

Visiona la newsletter o iscriviti : 

 

 

 

 

 

 

ISCRIVITI ALLE NEWS

LOGIN

Effettua Login 

 

Password dimenticata?  

 

Non hai ancora un account? Registrati
Home

 

APPELLO – Chiamiamola tortura: per l’introduzione del reato nel codice penale italiano
In Italia la tortura non è reato. In assenza del crimine di tortura non resta che l’impunità.
La violenza di un pubblico ufficiale nei confronti di un cittadino non è una violenza privata. Riguarda tutti noi, poiché è messa in atto da colui che dovrebbe invece tutelarci, da liberi e da detenuti.
Sono venticinque anni che l’Italia è inadempiente rispetto a quanto richiesto dalla Convezione contro la tortura delle Nazioni Unite, che il nostro Paese ha ratificato: prevedere il crimine di tortura all’interno degli ordinamenti dei singoli Paesi.
Quanto accaduto nel 2001 alla scuola Diaz ha ricordato a tutti che la tortura non riguarda solo luoghi lontani ma anche le nostre grandi democrazie. Il caso di Stefano Cucchi, la recente sentenza di un giudice di Asti e tanti altri episodi dimostrano che riguarda anche l’Italia.
Per questo chiediamo al Parlamento di approvare subito una legge che introduca il crimine di tortura nel nostro codice penale, riproducendo la stessa definizione presente nel Trattato Onu. Una sola norma già scritta in un atto internazionale. Per approvarla ci vuole molto poco.  

PRIMI FIRMATARI
Andrea Camilleri
Massimo Carlotto
Ascanio Celestini
Cristina Comencini
Erri De Luca
Leggi tutto…
Antigone in carcere nella calda estate italiana
L’Osservatorio sulle condizioni di detenzione in visita negli istituti di pena più critici d’Italia  

Forlì, Lanciano, Cassino, Genova Marassi, Sulmona, parte con questi istituti Antigone in carcere nella calda estate italiana la nuova iniziativa dell’Osservatorio nazionale sulle condizioni di detenzione che vedrà impegnati gli oltre 30 volontari dell’associazione autorizzati dal Ministero della giustizia ad entrare negli istituti di pena.
Le visite proseguiranno, poi, per tutto il mese di agosto e l’obiettivo è quello di evidenziare le maggiori criticità delle carceri italiane durante l’estate. Già programmate le visite agli istituti di Augusta, Messina Gazzi, Livorno, Viterbo, Cagliari, Lucca, Savona, Pisa, Gorgona, Barcellona Pozzo di Gotto, Pontedecimo, Chiavari, Ascoli Piceno, Pescara, Catania Bicocca.
Si andranno a monitorare la condizione di vita interna, gli spazi a disposizione, lo stato delle strutture. È intento di questa campagna mantenere alta l’attenzione pubblica verso il tema penitenziario e sollecitare il bisogno di riforme tendenti a decongestionare le 206 carceri italiane che oggi contengono 21 mila persone in più rispetto ai posti letto regolamentari.
Roma, 26 luglio 2012

Leggi tutto…
Non trasferite lo scrittore detenuto ergastolano Carmelo Musumeci dal carcere di Spoleto. Non interrompete anni di progetti di recupero
Appello al ministro della Giustizia e al capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria 

In piena estate in questi giorni alcune decine di detenuti sono in via di trasferimento dal carcere di Spoleto verso altre destinazioni. Spoleto è un istituto dove ci sono gli ergastolani. Sono mandati via, dispersi in giro per l’Italia, per far spazio a nuovi detenuti che possano occupare più intensivamente le celle: in due, tre, quattro per volta. Buttati uno sull’altro non come quei vecchi ergastolani che invece necessitano di spazi individuali. Poco male, poi, se ne fa le spese un lavoro ultradecennale degli operatori dell’Amministrazione penitenziaria, che dovrà ricominciare da zero in altri istituti. Poco male se nel trasferimento è coinvolto lo scrittore Carmelo Musumeci che dopo molti anni di detenzione, a Spoleto si è laureato, ha scritto libri, aperto un blog (http://www.carmelomusumeci.com/) e alimentato una battaglia civile contro l’ergastolo senza possibilità di revisione. Nulla più di questi provvedimenti tradisce l’indifferenza dell’istituzione penitenziaria alle vite che vi scorrono dentro e al lavoro che tanti suoi operatori vi svolgono.

Leggi tutto…
Quattro poliziotti penitenziari a processo a Firenze
Antigone e L’altro diritto si costituiscono parte civile 

Le associazioni Antigone e L’altro diritto entrano come parte civile nel processo in corso a Firenze nei confronti di quattro agenti penitenziari accusati, in concorso tra loro e abusando dei poteri inerenti la loro funzione, di aver maltratto cinque detenuti ristretti nella casa circondariale di Sollicciano tra settembre e dicembre 2005. È stata infatti accettata oggi, durante la prima udienza dibattimentale del processo, la richiesta di costituzione delle associazioni avanzata dall’avvocato Michele Passione, insieme a quella di due dei detenuti coinvolti.

Secondo la ricostruzione della Procura, che porta tra le altre fonti di prova la stessa segnalazione del Provveditorato regionale e la relazione ispettiva del Dap, oltre agli accertamenti clinici e alle testimonianze delle associazioni di volontariato presenti nella Casa circondariale, la «squadretta» agiva nell’ufficio del capoposto e nelle celle dei detenuti. Colpiva con calci, pugni e schiaffi, e in un’occasione anche con un manico di scopa in legno «sino a spezzarglielo addosso in più parti».

«Anche se fossero confermate tutte le accuse, i quattro agenti non rischiano molto: «Non più di due o tre anni – spiega l’avvocato delle associazioni, Michele Passione – ma il vero sforzo è quello di arrivare a sentenza prima che i reati si prescrivano, ossia nel giugno 2013».

Leggi tutto…
Carcere: Dettori e Gonnella a Severino: serve conferenza nazionale su esecuzione penale la spending review paralizza un sistema già in crisi, si apra confronto in autunno
 

Comunicato stampa congiunto Fp-Cgil Nazionale – Associazione Antigone

Dettori e Gonnella a Severino: serve conferenza nazionale su esecuzione penale la spending review paralizza un sistema già in crisi, si apra confronto in autunno

 

Con una lettera inviata stamane alla Ministra della Giustizia Paola Severino, la Segretaria Generale dell’Fp-Cgil Rossana Dettori e il Presidente dell’Associazione Antigone Patrizio Gonnella chiedono la convocazione in autunno di una Conferenza Nazionale sull’esecuzione penale in cui “amministrazione penitenziaria, rappresentanze del personale, associazioni e detenuti possano condividere le tappe di un percorso di rinascita del sistema penitenziario italiano”.

Una richiesta in linea con la pratica diffusa in molte democrazie, aggiungono Dettori e Gonnella, dove ciò “avviene regolarmente ogni anno. Il sistema penitenziario, che risponde direttamente alle finalità definite dalla nostra Costituzione, vive oggi un momento di profonda crisi a causa di una legislazione che ha prodotto un grave sovraffollamento, dell’assenza di risorse necessarie ad assicurare i diritti fondamentali delle persone detenute, delle dure condizioni di lavoro per tutto il personale, frutto di decennali politiche di tagli”.

Leggi tutto…
Carceri: +10 mila in misure alternative,- 1mln euro al di’. La spending review proposta dall Associazione Antigone
Si potrebbe fare “molto di più e meglio” di quanto previsto dalla spending review del Governo per le carceri, che prevede anche un taglio sull’ approvvigionamento del vestiario di agenti e detenuti. L’associazione ‘Antigone’, che si batte per i diritti nelle carceri, lancia una proposta al ministro Severino che coniuga il risparmio e la necessità di migliorare la vita negli istituti di pena. “Con un piano per mandare entro l’estate 10 mila detenuti, in misure alternative, fuori dal carcere – spiega Patrizio Gonnella, presidente di Antigone – si potrebbe arrivare ad ottenere un risparmio di un milione di euro al giorno”. “Il costo di un detenuto in misura alternativa alla detenzione – dice Gonnella – costa 6-7 volte meno che in carcere. Tenendo conto che la spesa media per ogni recluso ammonta a 130-140 euro al giorno, un rapido calcolo ci permette di affermare che 10 mila reclusi in meno porterebbero dunque un risparmio di un milione al giorno per 365 milioni l’anno”. In più, aggiunge Gonnella, “senza incidere sui diritti essenziali dei detenuti e degli agenti di polizia penitenziaria”.
Contro la tortura: modifiche Severino inaccettabili, di Patrizio Gonnella, Il Manifesto, 4 luglio 2012
Nei giorni scorsi avevamo lanciato da Il Manifesto un appello al ministro della Giustizia Paola Severino perché dicesse parole chiare contro la tortura. Purtroppo la ministra ha proposto alcune modifiche al testo di legge che rischiano di rendere evanescente il contenuto del reato e non perseguibile chi lo ha commesso. Modifiche che hanno sollevato forti obiezioni da Amnesty International oltre che da Antigone.
Non è facile spiegare perché le istituzioni italiane facciano resistenza ogniqualvolta si tenti di criminalizzare la tortura. 

Non è facile spiegare in termini giuridici perché non si copi fedelmente una definizione presente in un Trattato dell’Onu firmato e ratificato da mezzo mondo ma si tenti di cambiarne parole, contenuti e senso.

Leggi tutto…
“La politica dopo genova”, di Mauro Palma
Il manifesto, 8 luglio 2012 

Accountability è parola inglese di non semplice traduzione in italiano: per lo meno in tutte le modulazioni di significato che essa originariamente esprime. Indica la responsabilità di ciò che si è fatto, il risponderne, il darne compiuta spiegazione, l’assumere le conseguenze dei propri comportamenti. La mancanza di questa traduzione indica metaforicamente le mancanze che registriamo dopo la benvenuta sentenza della Corte di Cassazione sui fatti della Diaz. La responsabilità di chi agisce in funzione pubblica non si limita, infatti, alla sfera penale, include anche altri ambiti: amministrativo, politico, culturale. Sul piano della responsabilità amministrativa, le tardive decisioni del capo della polizia non sanano la ferita inferta dalla promozione – discrezionale, non certo automatica – di coloro su cui gravava il sospetto di responsabilità per un’azione così grave da definirsi come tortura…leggi tutto

Roma, Mercoledì 27 giugno 2011 – L’ITALIA E I DIRITTI UMANI: A CHE PUNTO SIAMO?
Secondo Rapporto di monitoraggio delle Organizzazioni Non Governative e Associazioni del Comitato per la Promozione e Protezione dei Diritti Umani 

con

ROBERTO NATALE – Presidente della Federazione Nazionale Stampa Italiana
CAROLA CARAZZONE – VIS, Portavoce Comitato per la promozione e protezione dei Diritti Umani
SILVANA CAPPUCCIO – CGIL
TANA DE ZULUETA – Articolo 21
CELINA FRONDIZI – ASGI
ORIA GARGANO – BeFree
PATRIZIO GONNELLA – Antigone
LAURA GUERCIO – LAW
MARIA RITA PECA – Medici per i Diritti Umani
ANTONIA SANI – WILPF Italia — Lega internazionale di donne per la pace e la libertà
BARBARA TERENZI – FILB, Coordinatore Comitato per la promozione e protezione dei diritti umani
MONICA USAI – LIBERA

Bari 28-29 giugno 2012 – IL PAZIENTE DETENUTO: LA LIBERTÀ INVIOLABILE DELLA CURA
La tutela della salute della persona detenuta non è di importanza minore rispetto a quella garantita a chi viva in stato di libertà. Questo assioma costituisce l’orientamento del Legislatore nel passaggio di competenze della presa in carico del paziente detenuto, dal Sistema Penitenziario al Sistema Sanitario Nazionale, a partire dal 2008.
Quindi occorre ribadire con forza ed intransigenza che la declaratoria di impegno da parte dello Stato, non può che avere efficacia sostanziale. Gli impegni di principio senza risvolti concreti di effettiva garanzia dei diritti fondamentali generano sofferenze ulteriori, giuridicamente e umanamente inaccettabili. La pena è soltanto quella privativa della libertà. La salute è un diritto intangibile ma per essere garantito anche in carcere necessita di basi strutturali ed organizzative certe.
Asti 15-16 giugno 2012 – Assemblea Nazionale Associazione Antigone
Assemblea Nazionale Associazione Antigone 

Asti 15-16 giugno 2012

Venerdì 15 giugno ore 9.30-13.30

Polo universitario Studi superiori di Asti, Piazzale de Andrè

La tortura non è reato?!
Introduce

Patrizio Gonnella

Relazioni di

Antonio Marchesi e Mauro Palma

Interventi di

Carlo Federico Grosso, Luigi Pagano, Pietro Marcenaro, Vladimiro Zagrebelsky


Venerdì 15 giugno ore 15.00-18.30

Polo universitario Studi superiori di Asti, Piazzale de Andrè

La tortura esiste
Introduce e modera la tavola rotonda

Claudio Sarzotti
Interventi di

Maria Pia Brunato, Pietro Buffa, Amedeo Cottino, Simona Filippi, Elena Lombardi Vallauri, Alberto Marcheselli, Mirko Mazzali, Giuseppe Mosconi, Davide Richetta, Giorgio Vitari
Ai partecipanti verranno riconosciuti n. 5 crediti formativi da parte dell’Ordine degli Avvocati di Asti


Leggi tutto…
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>
Risultati 1 – 21 di 418

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *