L’AFFRESCO DELLA CUPOLA DELLA SACRESTIA VECCHIA DELLA BASILICA DI SAN LORENZO A FIRENZE — E’ UN EMISFERO BOREALE ATTRIBUITO A GIULIANO D’ARRIGO DETTO IL PESELLO ( 1367-1446 )–PIU’ PICCOLO, MA IDENTICO — CE N’E’ UN ALTRO NELLA CAPPELLA DE’ PAZZI — link in fondo

 

 

Giuliano d’Arrigo detto il Pesello (1367-1446)

Emisfero boreale, 1442-1446

Firenze, San Lorenzo, Sacrestia Vecchia

Riproduzione in scala 1:1

Opera Laboratori Fiorentini

 

L’affresco ritrae il cielo sopra Firenze alla data del 4 luglio 1442, che celebra il propizio arrivo in città di Renato d’Angiò. È probabile che sia stato realizzato con la consulenza astronomica di Paolo dal Pozzo Toscanelli.

 

Giuliano d’Arrigo detto il Pesello, Emisfero boreale

 

 

 

 

Basilica di san lorenzo 33.JPG

Basilica di san Lorenzo a Firenze. È visibile in primo piano il monumento a Giovanni dalle Bande Nere.

I, Sailko

 

 

La basilica di San Lorenzo nel Codice Rustici (XV secolo)

 Marco di Bartolomeo Rustici – book: Elena Capretti, Brunelleschi, Giunti Editore, Firenze 2003.

 

 

La facciata su piazza San Lorenzo

Sailko – Opera propria

 

 

 

 

La basilica (interno). Si noti, sullo sfondo, il grande Organo Serassi

Stefan Bauer, www.ferras.at – Opera propria

 

 

 

Pianta della basilica e delle cappelle

Salvatore Gioitta

 

 

 

La Sagrestia Vecchia

Sailko – Opera propria

 

 

 

Il chiostro della basilica

sonofgroucho – Flickr

 

 

 

San Lorenzo, la prima chiesa di Firenze - La Nuova Bussola Quotidiana

 

 

Festa di San Lorenzo, giovedì le tradizionali celebrazioni per il ...

 

 

 

 

LA SACRESTIA VECCHIA

 

La Sagrestia Vecchia, nella basilica di San Lorenzo di Firenze, è uno dei capolavori di Filippo Brunelleschi e dell’architettura del primo Rinascimento in generale

 

La sagrestia vecchia

Sailko – Opera propria

 

 

 

 

 

emisfero celeste sagrestia vecchia san lorenzo | Curiosità su Firenze

 

 

Affresco della volta celeste

PESELLO

 

 

 

https://www.luoghidellinfinito.it/Pagine/Brunelleschi-e-il-cielo-sotto-la-cupola.aspx

https://www.luoghidellinfinito.it/Pagine/Brunelleschi-e-il-cielo-sotto-la-cupola.aspx

https://www.luoghidellinfinito.it/Pagine/Brunelleschi-e-il-cielo-sotto-la-cupola.aspx

https://www.luoghidellinfinito.it/Pagine/Brunelleschi-e-il-cielo-sotto-la-cupola.aspx

 

 

​Timothy Verdon

 

Molti visitatori moderni alla Sagrestia Vecchia della basilica di San Lorenzo a Firenze sono forse sorpresi di trovarvi un grande affresco astrologico: in quello che gli antichi chiamavano un “cielo” architettonico, e precisamente nell’intradosso della cupoletta del vano dell’altare, ecco un panorama notturno della volta celeste con le costellazioni identificate per nome e configurate in ciò che è chiaramente uno schema significativo. Sono sorpresi, perché oggi si ritiene superstiziosa la ricerca di significati nelle stelle: nel primo interno concepito da Filippo Brunelleschi vedono solo ordine razionale e uno stile “all’antica” radicato nella storia.Il pittore è Giuliano d’Arrigo detto Pesello (1367-1446: nonno del pittore Pesellino), uno dei partecipanti al concorso per la grande cupola del Duomo vinto dal Brunelleschi nel 1420. L’affresco, verosimilmente basato sui calcoli del matematico e astronomo Paolo del Pozzo Toscanelli, amico del Brunelleschi, rappresenta la situazione cosmologica in una data precisa, che alcuni hanno identificato con il 4 luglio 1442, altri con il 6 luglio 1339. La prima data è vicina a quella dell’arrivo a Firenze di Renato di Angiò, il re di Napoli scacciato dall’invasore Alfonso d’Aragona. Renato aveva anche il titolo di “Re di Gerusalemme”, e sebbene lo scopo del suo viaggio per l’Italia nel 1442 fosse limitato a trovare alleati per riconquistare il regno di Napoli, era anche visto come possibile capo di una crociata per liberare la Terra Santa, già prima della caduta di Costantinopoli in mano turca. La seconda data che l’affresco del Pesello forse rappresenta – e in questo caso non da vicino ma esattamente –, il 6 luglio 1439, corrisponde al giorno in cui, sotto la cupola brunelleschiana del Duomo, era stata firmata la Bolla di Eugenio IV Laetentur coeli, a conclusione del Concilio ecumenico detto “di Firenze”, con cui si sperava di por fine alla separazione tra le Chiese d’Oriente e quella Latina. Cosimo de’ Medici, detto “il Vecchio”, committente della Sagrestia Vecchia, era stato tra i principali artefici del trasferimento del Concilio da Ferrara, dove imperversava la peste, a Firenze, e aveva ospitato in casa sua il più importante esponente orientale, l’imperatore di Bisanzio Giovanni VIII Paleologo, il cui ritratto verrà incluso negli affreschi eseguiti vent’anni più tardi nella cappella del Palazzo Medici per mano di Benozzo Gozzoli. Tra le speranze riposte dai Latini nell’unione tra i cristiani d’Oriente e d’Occidente, c’era anche quella di poter insieme riprendere i sacri luoghi gerosolimitani, tra cui il Santo Sepolcro.[…]

 

 

 

 

Sagrestia Vecchia e Cappella Pazzi: il mistero della volta stellata: perché questa ripetizione ? Una rivalità tra le due famiglie: dei Medici e de’ Pazzi …

nel link :

 

https://curiositasufirenze.wordpress.com/tag/emisfero-celeste-sagrestia-vecchia-san-lorenzo/

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

1 risposta a L’AFFRESCO DELLA CUPOLA DELLA SACRESTIA VECCHIA DELLA BASILICA DI SAN LORENZO A FIRENZE — E’ UN EMISFERO BOREALE ATTRIBUITO A GIULIANO D’ARRIGO DETTO IL PESELLO ( 1367-1446 )–PIU’ PICCOLO, MA IDENTICO — CE N’E’ UN ALTRO NELLA CAPPELLA DE’ PAZZI — link in fondo

  1. Donatella scrive:

    Affascinanti le storie di questi affreschi, che mescolano scienza e astrologia in pieno Rinascimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.